In Ambientalismo, Scienza e Tecnologia

DI REDAZIONE

Lo scienziato ampiamente conosciuto come “padre del riscaldamento globale” ha ammesso per la prima volta che i dati utilizzati per promuovere la sua teoria sui cambiamenti climatici erano falsi e manipolati falsamente da Al Gore per adattarli all’ordine del giorno.

Nel 1986 l’ex scienziato della NASA, James Hansen, ha testimoniato al Congresso durante un’audizione sul riscaldamento globale, organizzata dall’allora deputato Al Gore, per produrre modelli scientifici basati su una serie di scenari diversi che avrebbero potuto avere un impatto sul pianeta.

Secondo Hansen, Al Gore ha preso i dati forniti dello “scenario peggiore” e lo ha intenzionalmente distorto, facendo rebranding come “Global Warming”, guadagnando decine di milioni di dollari nel corso del processo.

CONTINUA A LEGGERE QUI

Articoli recenti
Mostrati 15 commenti
  • giorgio
    Rispondi

    il riscaldamento globale è un fatto scientifico confermato da una miriade di esperimenti. casomai, il fatto contestato è la causa di questo riscaldamento. ripeto, il riscaldamento è un fatto e chi lo nega è semplicemente o in malafede o un idiota. sulle cause possiamo parlarne, ma la comunità scientifica è abbastanza compatta nell’additare la colpa all’attività umana.

    • Dino
      Rispondi

      E’ proprio quell’estrema compattezza della comunità scientifica che dovrebbe preoccuparti, chi degli studiosi abbia esposto tesi differenti in merito, in questi anni ha subito un vero e proprio ostruzionismo da parte di un sistema totalitario a difesa di questo totem, con conseguenze sulla propria carriera.
      Ovviamente è uno dei temi cari alla sinistra insieme all’egualitarismo economico e sociale, “di genere” ed etnico, tutti trattati nella più totale isteria.

    • Pedante
      Rispondi

      Il riscaldamento globale è causato dall’attività magnetica del Sole. L’input antropogenico è effettivamente zero.
      http://www.veoh.com/watch/v18587494dmRpaR8N

      • giorgio
        Rispondi

        scrivi questo perché ti fa comodo pensarlo, tutto qua. slegare l’attività umana dalla responsabilità parziale del riscaldamento globale mette in salvo le vostre aspettative di libertà dell’uomo. l’uomo quando è libero non può creare danno all’ambiente, se esiste questo danno sotto forma di riscaldamento, la causa dev’essere ricercata altrove, perché se fosse accertato che è effettivamente l’attività umana a causare il danno, allora sarebbero in qualche modo giustificati interventi mirati per la riduzione di alcune pratiche nocive all’ecosistema. purtroppo però, la realtà non è come vi piacerebbe fosse, sono decenni che l’attività solare è bassa e il riscaldamento è avvenuto in concomitanza a un’accresciuta attività antropica. poi ovviamente ci sono esperimenti e articoli scientifici che ne parlano in maniera più approfondita, però è meglio non leggere certa roba, poiché si sa che gli scienziati sono tutti socialisti…

        • dino
          Rispondi

        • dino
          Rispondi

        • dino
          Rispondi

          Fa comodo ai progressisti semmai credere a certe isterie, c’è gente che ci sta campando, emergenze portano emergenze, burocrazie che possono espandersi, chi se ne fotte se sia vero o meno, ciò che conta è che il mercato, il libero scambio, producono disastri a degli animal spirits in libertà e la loro voracità di fare profitto, questa è la tesi. Fa comodo credere a te a tutto ciò altrimenti il tuo mondo di stronzate evaporerebbe immediatamente.

        • dino
          Rispondi

          http://www.arpa.puglia.it/web/guest/agentifisici_radon
          http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/analisi/953963/stop-al-gas-radon-chi-non-si-adegua-e-perduto.html

          E continuano…… adesso è uscito fuori il “radon” e la ditta che lavora sulle certificazioni pare sia ricollegabile a notabili del PD.

          • giorgio

            se fosse per gente come te staremmo ancora usando vernici al piombo, ddt, talidomide ecc. voi siete pericolosi

        • Pedante
          Rispondi

          Non dico che l’uomo non inquini, solo che il suo impatto sul clima è irrisorio in confronto all’attivistà solare.

          http://www.meteolive.it/news/In-primo-piano/2/la-bassa-attivit-solare-influenzer-il-clima-dei-prossimi-inverni-/71308/

          • giorgio

            ammesso ma non concesso che il suo impatto sul clima sia irrisorio, come valuti invece l’impatto sull’ecosistema? anche quello è trascurabile? e se non lo è, come si deve agire nei confronti di chi produce rifiuti tossici e avvelena la terra e l’acqua, e di conseguenza la flora e la fauna?

          • Pedante

            L’effetto sul ecosistema è tutto un altro discorso nel caso di una sostanza inquinante..
            http://www.today.it/scienze/rischi-amianto-salute.html

            Che fare con l’amianto emesso nell’atmosfera dalle fabbriche in Cina, per esempio? Soluzioni facili non ne vedo.

        • Pedante
          Rispondi

          Il minimo di Maunder (piccola Era Glaciale) non fu preceduto da una diminuzione delle emissioni di CO2.

  • Pedante
    Rispondi

    Non sono nemmeno sicuro che la temperatura media sia sempre in aumento.

    • dino
      Rispondi

      In passato, prima dell’era industriale, in alcune fasi storiche pare sia stata anche più alta.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca