In Economia

DI BUSINESSINSIDER

  • Secondo il team di strategia di investimento di Goldman Sachs, il Bitcoin continuerà a perdere valore
  • Il gruppo afferma anche che questa valuta virtuale non soddisfa alcuna delle tre definizioni di denaro utilizzabile e che rappresenta appena lo 0,3% del Pil globale
  • Il Bitcoin è sceso del 48% nel 2018
  • Per seguire l’andamento del Bitcoin in tempo reale, clicca qui.

Malgrado abbia conquistato le prime pagine dei giornali annunciando qualche mese fa l’intenzione di aprire un trading desk dedicato al Bitcoin, Goldman Sachs non è ancora convinta di questa valuta virtuale.

In un report di metà anno sull’outlook economico, il team di strategia di investimento della banca afferma cheil prezzo del Bitcoin probabilmente scenderà ancor più del 45% che ha perso nei primi sette mesi del 2018.

“La nostra previsione che le criptovalute non avrebbero mantenuto il proprio valore nella loro incarnazione attuale rimane intatta, e di fatto è stata confermata molto prima di quanto non ci aspettassimo” ha detto il team diretto dal chief investment officer Sharmin Mossavar-Rahamani.

Ci aspettiamo ulteriori cali in futuro, perché riteniamo che queste criptovalute non svolgano alcuno dei tre ruoli tradizionali di una valuta: non sono né un mezzo di scambio, né un’unità di misura, né un deposito di valore”.

Le criptovalute – e in particolare la tecnologia blockchain a cui debbono la loro natura di valute distribuite – sono state proclamate come fattori di disruption (cioè di sovversione) del sistema finanziario globale, che teoricamente avrebbero reso possibili database più efficienti, transazioni più rapide e operazioni più trasparenti. Almeno per ora, Goldman pensa che non avranno un grande impatto su qualunque altra classe di asset.

“Un punto importante è che rimaniamo convinti chequesti cali non avranno un impatto negativo sulla performance degli asset finanziari a un livello più generale, perché a metà del 2018 le criptovalute rappresentano appena lo 0,3% del Pil mondiale” dice il report. “Di fatto, siamo convinti che siano oggetto di molta più attenzione di quanta non ne meritino da parte dei media tradizionali e dei social media.”

A maggio Goldman aveva sbandierato di avere l’intenzione di aprire una struttura dedicata al trading del Bitcoin. Due delle persone che dovrebbero dirigere l’unità di business hanno parlato con il New York Timesper spiegare come la banca preveda di ottenere l’approvazione degli enti di controllo e come calcoli i rischi intrinseci di quest’area nascente. Almeno per ora, le attività di Goldman relative al Bitcoin saranno limitate agli investitori istituzionali.

Per leggere integralmente il report di metà anno sull’outlook per gli investimenti, clicca qui.

Articoli recenti
Mostrati 12 commenti
  • Albert Nextein
    Rispondi

    Secondo me sputano nel piatto in cui vanno a mangiare.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      ehehehhe

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Infatti…

  • Giorgio
    Rispondi

    credo che i vari trafficanti d’armi, spacciatori, trafficanti di organi, mafiosi, corrotti, assassini, evasori ecc non saranno d’accordo con gs. altrimenti come faranno a reciclare il denaro sporco??
    p. s.
    la psicopatica della rand sarebbe contenta di sapere che il disastro del ponte, che nel suo libro era un treno, è stato causato dal l’inefficienza dei privati e non da quella del pubblico. la mentecatta della rand chissà cosa direbbe ora

    • Max
      Rispondi

      Cosa direbbe Ciccio? Se non o sai tu, in qualità di psicopatco e mentecatto elevato al cubo, allora nessuno può saperlo.

    • Fabio
      Rispondi

      “inefficienza dei privati” !! Come se Autostrade fosse un privato … si, come Ferrovie e Alitalia e Poste, o le aziende della nettezza urbana o dei trasporti urbani.
      Addirittura pare non si riesca neanche ad avere né copia degli accordi di concessione né dei dettagli , stando alle inchieste giornalistiche anche della stessa rai.

      E non è che sarebbe stata contenta come non lo sarebbe, e non lo è, nessuno: è semplicemente che constatava che tutto ciò che fa lo Stato diventa merda, e lei non faceva che constatarlo nella sua limpidezza, a fronte invece delle frotte di lobotomizzati dalla pubblica istruzione che osannano lo Stato Santo Subito.

  • christian
    Rispondi

    I criminali riciclano il denaro esattamente come facevano, e fanno ancora, da prima che la parola Bitcoin diventasse conosciuto anche ai dementi; peraltro studi ufficiali (di enti statali) hanno già dato statiche che indicavano come il riciclaggio di denaro, in percentuale al totale degli scambi, per le cryptovalute era il più basso. In termini assoluti non c’è nemmeno capitalizzazione sufficiente per riciclare i proventi del crimine (quelli grossi che contano). Ma sei molto in ritardo, le stupidaggini sui sulle crypto moneta dei criminali (seconda fase di elaborazione del lutto) non le dicono più nemmeno i detrattori delle cryptovalute stesse. Infine se pensi che Autostrade per l’Italia (Atlantia) sia un vero privato sei tu ad disturbi cognitivi. Leggiti questo breve articolo, abbastanza corto pure per te, http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.com/2018/08/buon-ferragosto.html

  • Giorgio
    Rispondi

    Ahahah il riciclaggio di denaro non passa per le criptovalute Ahahahah, basta solo saper leggere. Toh, l’estratto di un articolo della CNN California-based blockchain and cryptocurrency security firm CipherTrace released its Q2 2018 report in July 2018 and noted the rise of cryptocurrency crime, money laundering, and other illicit activities. One particular item of note was that $1.2 billion has been laundered through cryptocurrency tools such as bitcoin tumblers and privacy-centric altcoins like zcash and monero.
    Sull’altro articolo là è meglio stendere un velo pietoso

    • Albert Nextein
      Rispondi

      Io non mi faccio la vasectomia in conseguenza del fatto che altri fanno troppi figli.
      Io non rinuncio alle crittovalute perchè altri le usano per completare dei reati.
      Ci pensi lo stato a colpirli e al contempo rispettare la libertà di chi come me le vuole usare liberamente e come alternativa alle valute fiat ormai marce.
      Lo faccio a mio rischio e come libera scelta responsabile.
      Ma io voglio averla questa libera scelta responsabile.
      Sono cazzi del governo o delle banche colpire delinquenti che usano le crittovalute.
      I delinquenti vanno colpiti., non le crittovalute.

    • Dino
      Rispondi

      In merito alle tue farneticazioni riguardo la Rand, ti ha già risposto quel poveraccio che continua a ritenermi un troll. Visto che vuoi sciacallare sulla vicenda del ponte, aggiungo ulteriori considerazioni; la società che edifico’ l’opera era sino al 67 se non di proprietà, a partecipazine statale, nazionalizzata del tutto nel 70. Il progettista, a prescindere da ciò che ne pensino amici e parenti oggi, ha realizzato altri 3 ponti, di cui due in Libia e Sicilia chiusi al trasito per rischio crollo ed un altro in sudamerica distrutto dall’incastro di una petrolera….. insomma possibile come sempre, che anche nell’Italia del dopoguerra si avanzasse non solo per meriti professionali.
      Poi visto che in socialdemocrazia è impossibile fare tagli per non scontentare l’elettorato e come nella condizione italiana non potemdo più stampare in proprio e creare inflazione, i conti vanno cmqe fatti quadrare e si taglia dove non si vede…. chissenefotte delle infrastrutture… hanno pur sempre il paravento dei monopolisti clientelari.

  • christian
    Rispondi

    [nextgenerationcurrency.com/riciclaggio-bitcoin/]
    [youtube.com/watch?v=wSMgAwqYys0]
    (all’epoca la capitalizzazione delle cryptovalute era quattro volte l’attuale ed il Bitcoin valeva tre volte).
    [lavoce.info/archives/25138/i-signori-delle-autostrade/[ (comprati il libro e se metti la foto della ricevuta ed tuo iban te lo rimborso io ;-D )
    [infosannio.wordpress.com/2018/03/20/autostrade-uova-doro-in-tasca-ai-privati/]
    Autostrade per le cui quote era possedute a maggioranza dall’IRI viene “privatizzata” nel 1999 dal governo di Centro Sinistra e nel 2007 altro governo di centrosinistra fa un’ulteriore proroga della concessione. Bello, verrei anche io essere un “imprenditore privato” in questo modo”.
    il velo pietoso dovresti stenderlo su di te.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca