In Anti & Politica, Economia

DI SILVANO CAMPAGNOLO

Mi fanno morire dal ridere quelli che, con cadenza oramai giornaliera, pubblicano scandalizzati articoli di “stranieri” che “mandano i soldi a casa” impoverendo – secondo loro – l’italia.

Il pricipio cardine del mercantilismo è proprio questo: la ricchezza di uno stato può essere aumentata solo togliendo ricchezza ad altri stati e viceversa. Quindi per costoro, un senegalese che manda i soldi in Senegal o un cinese che li manda in Cina, impoverisce l’Italia. E questo spiega tutta la retorica contro la Germania, la Cina e tutti gli altri, rei di arricchirsi ai danni di altri stati grazie ad export forti, trasferimenti ecc.. Tra l’altro anche tutti i dazi sono sempre giustificati proprio da questo principio. La domanda quindi è: il principio è corretto?

No. Non lo è affatto perchè se fosse corretto significherebbe che la “ricchezza” presente nel mondo sarebbe una quantità finita, e che ogni area geografica per arricchirsi dovrebbe impoverire altre aree. Quindi l’economia sarebbe un cosiddetto “gioco a somma zero” dove la somma totale della ricchezza sarebbe sempre uguale. Cio ovviamente non è affatto vero, la ricchezza non è un qualcosa di finito ma è un qualcosa in costante evoluzione. Infatti l’economia è un “gioco a somma positiva” dove ogni scambio economico fa guadagnare sia chi vende che chi acquista. Il problema però è che la non conoscenza di questa legge economica, porta le persone a giustificare proprio le peggiori nefandezze economiche esistenti come le limitazioni al contante ed ai trasferimenti di valuta o i dazi finanche alle due truffe monetarie peggiori e più osannate dalla “ggggggente”: l’inflazione e la svalutazione monetaria.

Tutti questi espedienti economici e monetari, messi sistematicamente in atto dagli stati contro gli altri stati sono un disastro sia per il tessuto produttivo che per i consumatori (che spesso sono racchiusi in un unico individuo), perchè da una parte le misure economiche impediscono ai consumatori di accedere alle merci che vogliono al prezzo migliore, dall’altra drogano un mercato impedendo a chi dovrebbe fallire di fallire ma a spese dei consumatori e dei produttori competitivi e non dei falliti.

Tutta la retorica sulla “sovranità monetaria” si basa proprio sul principio cardine del mercantilismo. Tale sovranità serve agli stati per “fottere” quegli imbecilli dei propri cittadini e la retorica sulla sovranità serve per far si che siano i cittadini stessi ad invocarla a gran voce ed ad osannarla, totalmente inconsapevoli che servirà solo a fotterli. Come sempre vige quel famoso detto: “si possono beatamente ignorare le leggi economiche, ma non si possono in alcun modo ignorare le conseguenze dell’ignorare le leggi economiche”.

Articoli recenti
Mostrati 5 commenti
  • Spago
    Rispondi

    Se io mando i miei soldi a Timbuktu dalla mia famiglia, io mi impoverisco e la mia famiglia si arricchisce. L’Italia non c’entra un cazzo, e gli italiani uno per uno non sono né più poveri ne più ricchi.

    Visto a un livello un po’ più alto questo gioco è nel tempo positivo per gli italiani, e per tutti, infatti se quei soldi vengono investiti o consumati in Senegal contribuiranno allo sviluppo locale. E se il Senegal, o qualsiasi altro pezzo di mondo, si sviluppa diventando un partner commerciale più interessante per tutti gli altri, è solo una notizia positiva e un mutuo vantaggio.

    Ma siccome in Italia i miei soldi non sono miei ma della collettività e della politica, e il risparmio privato è garanzia del debito pubblico, e siccome è stato eletto un governo nazionalsocialista, può darsi che qui le leggi della logica, dell’Economia, dell’azione umana e della realtà non valgano.

    • Dino Sgura
      Rispondi

      Condivido.

  • Pedante
    Rispondi

    Quando le frontiere nazionali non sono rispettate o fatte rispettare parlare di sovranità di qualsiasi tipo non ha senso.

  • Pedante
    Rispondi

    Vedo che i più recenti articoli non hanno una sezione commenti e il nuovo formato non mostra i commenti più recenti. Ci sono stati dei cambiamenti nella gestione del sito? Apprezzerei molto qualche chiarimento. Grazie.

    • Pedante
      Rispondi

      Per essere precisi manca la sezione commenti agli articoli “L’ultimo dei mohicani” e “Democrazia, il feticcio nell’era sovranista”

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca