In Anti & Politica

DI MATTEO CORSINI

Il presidente del Consiglio uscente e reincaricato Conte – per i sostenitori nordamericani dal cinguettio compulsivo “Giuseppi” – ha detto che “è il momento del coraggio e della determinazione per disegnare un paese migliore senza lasciarsi frenare dagli ostacoli.”

Ha anche confessato di avere avuto perplessità per il cambio di maggioranza:

“Ho vissuto già un’esperienza di governo e vi confesso che la prospettiva di avviare una nuova esperienza di governo con una maggioranza diversa mi ha sollevato più di qualche dubbio. Ho superato queste perplessità nella consapevolezza di avere cercato sempre di operare nell’interesse di tutti i cittadini, nessuno escluso. Non sto dicendo che ci sono sempre riuscito so però di avere sempre cercato di servire e rappresentare il mio Paese, anche all’estero, guardando solo al bene comune e non a interessi di parte o di singole forze politiche.”

Non so se Conte sia o meno un bravo avvocato, anche se ritengo di poter affermare con certezza che l’autodefinizione di avvocato del popolo sia stata fin dall’inizio niente di diverso da una supercazzola.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Noto anche che quelli che oggi lo stanno fortemente rivalutando coincidono spesso con le stesse persone che fino a qualche settimana fa lo consideravano un burattino falsificatore di curriculum vitae. Non che questa sia, peraltro, l’unica radicale inversione di opinione verificatasi in Italia durante il mese di agosto.

Riconosco tuttavia che Conte si comporti come un avvocato, nel senso che adegua le argomentazioni e le dichiarazioni in funzione del portare acqua al mulino dei suoi assistiti pro tempore, stiracchiando anche, se necessario, la realtà (non me ne vogliano gli avvocati se semplifico un po’ troppo).

Il problema è che, in questo caso, la parcella non la pagano gli assistiti, bensì, volenti o nolenti, “tutti i cittadini, nessuno escluso”. O, per essere più precisi, tutti i pagatori di tasse, dato che nella definizione di cittadini rientrano anche i consumatori di tasse (non pochi in Italia).

Sarò poi forse tacciabile di cinismo, ma resto convinto che il bene comune, come per tutti quanti, coincida per Conte con il proprio tornaconto. Vuoi mettere l’ebbrezza di continuare a partecipare a vertici internazionali con il suo amico cinguettante d’oltreoceano?

Articoli recenti
Mostrati 3 commenti
  • Fabio Colasanti
    Rispondi

    “… senza lasciarsi frenare dagli ostacoli.” vuole fare altro deficit anche superando i parametri europei già troppo permissivi.
    Ma così ero capace anche io a governare: che ci vuole ad accontentare un po’ tutti spendendo a destra e manca sui progetti più fantasiosi, però creando le coperture tassando e facendo deficit?
    Dove mai sarebbe la capacità da statista?

  • vetrioloblog
    Rispondi

    E’ la democrazia, bellezza!(mi raccomando, attenzione alla virgola!)

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Personaggi senza scrupoli.
    Che non meritano alcun rispetto.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca