In Anti & Politica

DI AURELIO MUSTACCIUOLI

La sentenza di ergastolo nel processo sulla strage di bologna arrivata 40 anni dopo i fatti è l’evidente sintomo della rottura di qualunque contratto sociale immaginabile tra stato e cittadini.

Un vero contratto sociale ovviamente non esiste, ma è indubbio che la salute di uno stato deve poggiare su un rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni.
Al di là di qualunque giustificazione o parallelo storico (ad es. su crimini di guerra), in un paese dove la giustizia arriva 40 anni dopo, i cittadini sono legittimati a non avere più alcuna fiducia nelle sue istituzioni.

Come possono applaudirle, giustificarle o solo rispettarle?

Quando uno stato straccia il contratto sociale in modo così plateale apre una crepa profonda tra lui e i cittadini che può diventare scontro frontale.
E scegliere da che parte stare non è difficile.

Recent Posts
Comments
  • Fabio
    Rispondi

    Bell’articolo e belle osservazioni.

    Ma sono concepibili parole come “vero contratto sociale…un rapporto di fiducia tra cittadini e istituzioni”?

    Quando si e quando no?

    Rigirando un momento il discorso, potremmo dire che se ci fosse un rapporto di fiducia della la maggior parte dei cittadini, qualcuno, un’esigua minoranza, potrebbe anche essere sacrificata e gasata per arrivare ad un chissà quale obiettivo ‘sociale’?

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search