In Anti & Politica

di LEONARDO FACCO

Non ci vuole molto per capirlo, dato che sono 9 mesi che viviamo di restrizioni fisiche, di attacchi continui alle libertà fondamentali (e persino costituzionali), nonché di annunci su “nuovi modelli” di vita post-capitalista.

Il dottor Riccardo Szmunski, medico che ha curato decine di persone dal Covid (evitando intubazioni e ospedalizzazioni, in un post di qualche giorno fa ha scritto:

  • “Mi sto convincendo che ci sia una semplicissima spiegazione al Coronavirus, uno stratagemma ideale congegnato da Menti davvero Fini. È bastato battezzare con un nome nuovo il colpevole delle  solite sindromi invernali e dichiarare che non ci fossero terapie per scatenare l’Inferno.
    Come? Imponendo terapie sbagliate, semplice, le morti, la Tv ed i giornali hanno fatto il resto. Diversamente come si spiega che alcuni Medici del territorio, non adeguandosi alle linee guida e curando da vicino i loro pazienti non abbiano praticamente avuto decessi né invii in Ospedale? Quindi senza intubamenti”!

Szmuski non è un anarco-capitalista, nemmeno un libertario, ma semplicemente una persona di buon senso – che peraltro fa bene il suo lavoro, come altri medici che ho conosciuto -, il quale non riesce a trovare una spiegazione logica alla follia nella quale ci hanno cacciato.

Eppure, basta leggere i due titoli cui sopra, sbandierati come verità e panacea, per farsene un’idea. Per dirla con le parole di Aldo Maria Valli è “Come in una rivoluzione”. Del resto, non è un caso che quel fenomeno da baraccone che dirige l’ospedale Sacco si sia bellamente dichiarato, da sempre, un “uomo di sinistra”.

Recent Posts
Showing 9 comments
  • Loredana
    Rispondi

    A Cuba sono stati sotto dittatura e povertà per tanto tempo, la mente si instupidisce, il popolo è più mansueto (penso possa essere una delle componenti del perché ci siano reazioni diverse al Virus)

  • serpe
    Rispondi

    Ma qui bisogna fuggire! La follia avanza continuamente. C’è qualcuno che sa come uscire dall’italia e raggiungere un posto dove non ti rompono il cazzo?

    • MICHELE
      Rispondi

      Una donna parecchio intelligente ipotizzava in un libro una località chiamata il burrone di Galt dove potere fuggire ma aimè era e rimano solo una finzione narrativa

  • Loredana
    Rispondi

    Dov’è che non è arrivato il Covid? Chi sa come lo fanno il Lock Down alle Isole Caiman! Sarei tanto curiosa……..

    • Fabio
      Rispondi

      Secondo me non è neanche tanto questione di dove sia arrivato o arriverà il covid, ma dove la gestione di banali influenze non possano degenerare in emergenze totalizzanti.

      Facciamo un ragionamento inverso: perché qui ed in altri paesi è potuto accadere? e dove non è accaduto, quali sono le condizioni che lo hanno impedito?

      Qui la Casta (forze armate, ministeriali, ecc..) affamata di potere e privilegi, ha creato un paese indebitatissimo e questo ha portato allo sfascio generalizzato.
      Il tentativo di nascondere i problemi ed il bisogno impellente di soldi tramite nuovo debito gli ha fatto fare di tutto per scardinare i pur fievoli vincoli di bilancio europei, azzardando una gestione suicida dell’intera economia statale.
      I ‘contrappesi’ al potere non hanno funzionato, rivelando la presa in giro della costituzione più bella del mondo (si, per i comodi loro, evidentemente).

      Questi problemi, tipici di questo tipo di ‘democrazia’, non sono solo in italia e lo vediamo.
      Dove non è accaduto, o almeno non è accaduto in questa misura?
      Svezia? Svizzera? in africa, un immenso continente in cui i virus vanno alla grande (tipo l’aids) ma stavolta resta immune, da cui non arrivano notizie ma solo immigrati visto che è considerata zona verde??

      • Fabio
        Rispondi

        Si potrebbe pensare che anche l’africa ha bisogno di soldi e dovrebbe unirsi alla finta emergenza.

        Da una parte però la società africana in genere non vive così a lungo, ci sono meno vecchi perché si muore prima mentre qui siamo in un certo senso vittime del progresso di medicina e chirurgia: quelli che morivano di parto, o entri i primi anni di vita, e crescendo poi di infezioni, di incidenti, problemi cardiaci, batteri…. In africa sono semplicemente morti quando la natura ha voluto e non arrivano alla vecchiaia dove il Covid miete vittime.

        Dall’altra c’è il sogno diffuso dell’emigrazione in europa alla ricerca di benessere e migliore futuro, il Sogno Europeo (parafrasando il ‘sogno americano’).
        Se dicono di avere il covid con la stessa gravità europea gli si chiudono le porte e le mafie europee la prendono male, le industrie dell’immigrazione si fermerebbero, i sogni dei governi di sostituzione della popolazione s’incepperebbero, e quelli che (nella vulgata ufficiale) dovranno pagarci le pensioni facendo i lavori che non vogliamo più fare noi, non potranno più invaderci.

  • Don Floriano Superstar
    Rispondi

    Ci sono zone felici covid free o quasi e zone ultra appestate. La diffusione virale è piuttosto random, l’esperienza del medico Szmunski (che casualmente vedo è anche un sindaco leghista) pertanto è da valutare. Se fosse stato sindaco di Alzano magari non direbbe le stesse cose, ammesso che fosse ancora vivo.

    Diffonda i dati anagrafici, i dati in cartella clinica, i sintomi presentati, l’anamnesi ed eventuali terapie per patologie pregresse, la dimensione e la composizione della famiglia, i legami di parentela, la rete dei contatti dei suoi assistiti per uno studio serio.

    Altrimenti inevitabilmente non potrà che lasciare il tempo che trova.

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Veramente è proprio quello che il medico sindaco ha fatto, la diffusione dei dati. Se ad Arzano lo avessero votato avrebbe detto le stesse cose e la prova è che ci siamo dimenticati dello scorso inverno quando dopo le fughe verso il sud non ci furono contagi. Contrariamente alle profezie degli pseudoscienziati al servizio del potere che invece i numeri (spesso i loro stessi numeri) li nascondono o li enfatizzano eliminando la comparazione con i dati degli anni precedenti. E’ la mancanza di raffronto a lasciare il tempo che trova dal momento che la mancanza di studio serio è proprio ciò che ha contraddistinto tutto la carcassa mediatica di questi ultimi mesi. La zona “ultrappestata” è risultata nel bergamasco dove hanno voluto ventilare chi non doveva essere ventilato. Uno studio serio sarebbe stato quello effettuato con l’ausilio delle autopsie; ma guarda caso, le hanno vietate. Costano? Anche i tamponi costano.

  • Don Floriano Superstar
    Rispondi

    Comunque mi sa che presto passerà tutto in cavalleria. Si temeva per il vaccino, ce ne somo già nove pronti o quasi e decine a seguire. Magari questa stagione sarà ancora dura, dalla prossima dovremmo essere a posto (morti economicamente e di tasse, ma morti guariti). L’uomo, che ha distrutto i dinosauri come dice l’intellettuale di Cellino, dovrebbe temere un piccolo virus?

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search