In Economia

DI REDAZIONE

Negli ultimi mesi, con il sostegno dei media e il consenso del largo pubblico, ingenuamente convinto che tutto ciò sia a fine di bene, abbiamo visto i seguenti interventi istituzionali:

– Operazione Twist da parte della Fed e intenzione già espressa di procedere con il QE3 tramite acquisto di MBS, già largamente prezzata dal mercato azionario.
– QE2 da parte della banca d’Inghilterra.
– Innumerevoli interventi della BCE tesi a monetizzare il debito pubblico dei PIIGS, nuovo giro di acquisti di covered bonds, e parallelo stralcio del pilastro guida di politica monetaria.
– Interventi a raffica sul mercato valutario da parte della banca del Giappone per diverse decine di miliardi.
– Intervento sul tasso di cambio Eur/CHF da parte della banca centrale svizzera teso a fissarlo arbitrariamente sopra 1.20.

A tutto ciò dobbiamo aggiungere il cambio delle regole di gioco, imposto ovviamente nei momenti più critici: divieto di vendite allo scoperto su derivati, su titoli bancari, e divieto permanente di acquisti non coperti sui CDS, peraltro dichiarati ineffettivi nel caso del fallimento di un paese (la Grecia).

CLICCA SOTTO PER ASCOLTARE L’INTERVISTA CON FRANCESCO CARBONE

INTERVISTA CON CARBONE

Recent Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search