In Anti & Politica, Economia, Libertarismo, Primo Piano, Saggi

DI WENDY McELROY*

Il muro che separa Stato e società si sta sgretolando. O, piuttosto, lo Stato lo sta abbattendo con un martello pneumatico nel tentativo insistente di controllare ogni aspetto della vita produttiva e cooperativa.

Consideriamo un piccolo esempio. Pochi giorni fa, il segretario di Homeland Security Janet Napolitano ha lanciato l’ultimo di una serie di cosiddetti annunci di servizio pubblico indirizzati ai Walmart di tutta la nazione. Mentre si è in fila per comprare un cartone di latte, l’Orwelliana Napolitano vi controllerà da uno schermo televisivo e predicherà la virtù di smascherare vicini e stranieri per il reato di comportamento “sospetto”. E poi? Una “sessione d’odio” di due minuti nel reparto produzione.

Nel frattempo, l’FBI sta distribuendo brochure ad alberghi, motel, negozi, e più in particolare nelle armerie; gli opuscoli chiedono ai proprietari di informare le autorità di attività sospette da parte dei clienti come ad esempio il pagamento in contanti o l’acquisto di “torce notturne”. Un titolo sul sito Daily Paul coglie l’essenza di ciò che i federali ora considerano sospetto: “FBI Lists Purchase of Preparedness Items as ‘Potential Indicators of Terrorist Activities’.

Le persone con cui si ha a che fare ogni giorno stanno smettendo di essere buoni vicini, commercianti onesti, e stranieri disinteressati. Stanno diventando informatori dello Stato che controllano la vostre espressioni, i vostri soldi, il vostro comportamento ed atteggiamento per segnalarlo alle autorità. Stanno smettendo di essere una “società” e stanno diventando invece “lo Stato”.

Lo Stato contro la Società
Due dei più importanti concetti in ogni discussione di libertà sono lo Stato e la società. Quasi tutti i libertari concordano che c’è una linea di demarcazione tra uno Stato e una società, ma dove esattamente?
Il sociologo del 19° e 20° secolo Franz Oppenheimer analizzò questi concetti nella sua opera The State. Egli scrisse: “Intendo con esso [lo Stato] quella somma di privilegi e posizioni dominanti che sono portati alla luce da un potere al di là dell’economia. […] Con Società intendo, la totalità dei concetti di tutte le relazioni puramente naturali e le istituzioni tra uomo e uomo”.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Le due istituzioni utilizzano metodi concorrenti e incompatibili per acquisire ricchezza e potere. Lo Stato usa quelli che Oppenheimer chiama “mezzi politici” o uso della forza; la società usa “i mezzi economici” o la cooperazione. Quello che la società produce, lo saccheggia lo Stato; se la società funziona attraverso l’accordo, lo Stato emette ordini. Così, lo Stato è il principale rivale e il nemico della società sulla quale preda per il proprio sostentamento.

L’individualista Americano del 20° secolo Albert Jay Nock ha diffuso le idee di Oppenheimer affinché il suo pensiero raggiungesse l’America. Nel suo libro Our Enemy the State (in italiano, “il nostro nemico lo Stato, ed. Liberilibri) Nock scrisse: “Prendendo lo Stato di qualsiasi luogo, rivolgendosi alla sua storia in un momento qualsiasi, non c’è differenza tra le attività dei suoi fondatori, amministratori e beneficiari e quelle di una classe criminale professionista”.

Murray Rothbard ha perfezionato questa descrizione nel suo saggio “Society without a State” (in italiano “l’Etica della libertà” e “Per una nuova libertà”, edizione Liberilibri), in cui scrisse: “Definisco lo Stato come quell’istituzione che possiede una o entrambe (quasi sempre entrambe) le seguenti proprietà:

  1. Ottiene il suo reddito dalla coercizione fisica conosciuta come “tassazione”;
  2. Afferma e solitamente ottiene un monopolio imposto dei servizi della difesa (polizia e tribunali) in un data zona territoriale. Un’istituzione che non possiede neanche una di queste proprietà non è e non può essere, conformemente alla mia definizione, uno Stato”.

Non tutti i libertari concordano con l’analisi anarchica di Rothbard. Anche Nock ha introdotto un terzo concetto nella sua discussione: il governo. Per Nock, il governo era un’agenzia che proteggeva i diritti individuali all’interno della società in cambio di una “tassa”. Nock non era il solo a distinguere tra il governo e lo Stato. Oppenheimer stesso lasciò una porta aperta per un ente distinto chiamato governo quando ha dichiarato, nell’introduzione a The State: “Altri possono chiamare qualsiasi forma di leadership o di governo o di qualche altro ideale lo ‘Stato’. E’ una questione di gusto personale “.

Qualunque sia il vostro gusto personale, tuttavia, l’America oggi opera chiaramente in uno Stato a caratteri cubitali — non con un governo legittimo. E, come ogni arrogante parassita, lo Stato sta iniziando a consumare e ad uccidere la società di cui si alimenta.

L’Ingegneria del Consenso

Lo Stato consuma la società o con la forza o attraverso il consenso della gente. Preferisce però farlo con il consenso. Per prima cosa, ci sono troppe persone per costringerle tutte all’obbedienza; se anche solo il 10% ha rifiutato di obbedire ad una legge, allora quella legge risulterebbe probabilmente inapplicabile.

Per lo Stato la questione diventa come convincere la gente libera a rinunciare volentieri ad una società produttiva e cooperativa a favore di uno Stato coercitivo.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Ci sono diversi modi. Per esempio, le persone possono essere convinte che lo Stato stesso non solo è produttivo, ma anche più affidabile della società. Così, agenzie come la “Food and Drug Administration” non sono solo accreditate di “produrre” sicurezza alimentare, ma anche di tenere a bada un mercato libero irresponsabile che altrimenti venderebbe cibo per bambini avvelenato. In realtà, la FDA non produce nulla; ma prosciuga la società attraverso le tasse e la regolamentazione, ed impedisce l’emersione di alternative efficaci per la sicurezza. Eppure lo Stato convince le persone che la società è il loro nemico; l’autorità è il loro amico.

Un altro metodo con cui lo Stato controlla e consuma la società è tramite il condizionamento. Nel suo saggio Discourse of Voluntary Servitude (“Discorso sulla servitù volontaria”) , il giurista Francese del 16° secolo Étienne de La Boétie analizzò la questione del perché la gente obbedisce. La ragione principale, concluse, era personalizzata. Attraverso la formazione, la gente a poco a poco perde l’abitudine ad agire come individuo libero. La Boétie osservò: “E’ incredibile come appena un popolo diventa assoggettato, cade subito in un tale oblio completo della sua libertà che difficilmente può essere risvegliato al punto di riprendersela, obbedendo così facilmente e così volentieri che si è portati a dire, nel vedere una tale situazione, che questa gente non ha tanto perso la sua libertà bensì ha vinto la sua schiavitù”.

Le generazioni che sono nate “sotto il giogo e poi nutrite ed allevate in stato di schiavitù” hanno accettato la loro condizione naturale. Perciò, era importante per lo Stato controllare come i bambini venissero cresciuti, in gran parte attraverso il controllo dell’educazione. Presto la gente arrivò a credere che la vita era sempre stata così, che la vita sarà sempre in questo modo; e, quindi, ci volle uno sforzo estremo per introdurre una nuova visione.

Ma controllare l’educazione non è stato sufficiente a soffocare il dissenso che inevitabilmente sarebbe provenuto da coloro che non potevano essere convinti né educati all’obbedienza. Lo Stato contrastò il dissenso in vari modi. Una chiave è stata quella di controllare o, almeno, monopolizzare la stampa perché “i libri e l’insegnamento danno agli uomini, più di ogni altra cosa, quel senso di comprensione della propria natura e lo portano a detestare la tirannia”. In questo modo, le autorità impedirono alla gente di confrontare il passato con il presente e, quindi, controllavano quello che la gente avrebbe creduto che fosse stato possibile in futuro.

Con il controllo delle informazioni, le autorità potevano convincere le persone che agirono per favorire il benessere pubblico, che erano l’incarnazione del bene pubblico, della legge e dell’ordine. Così, coloro che agirono o parlarono, e parlano, contro lo Stato erano, e sono, i nemici del bene pubblico.

La Boétie vide la mistificazione dello Stato come il secondo motivo più convincente del perché la gente obbediva.

Naturalmente ci saranno sempre persone che non potranno essere convinte o poste in soggezione, ma che, forse, potrebbero essere comprate. E così le autorità si impegnarono anche in una finta generosità che La Boétie identificò come un altro buon motivo per l’obbedienza: la corruzione.

Raccontò lo spettacolo di governanti che letteralmente alimentavano la gente, distribuendo scorte di cibo: “E poi tutti avrebbero gridato senza vergogna Viva il Re! ” La Boétie lo sottolineò con disprezzo.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Gli stolti non si rendevano conto che stavano semplicemente recuperando una parte della loro proprietà, e che il loro sovrano non avrebbe dato loro ciò che stavano ricevendo, senza aver prima preso da loro.

Questa corruzione diretta impallidiva, tuttavia, accanto a una forma indiretta che La Boétie chiamò “la molla e il segreto del dominio, il sostegno e il fondamento della tirannia”. Questa fu la corruzione istituzionalizzata attraverso la quale sono stati impiegati milioni di persone in posti di lavoro statali e dipendenti pubblici al fine di pagare i loro conti. Questi dipendenti statali “si aggrappano al tiranno” e gli offrono la loro lealtà. Alcuni dipendenti statali, come gli agenti di polizia, diventarono le mani dello Stato, raggiungendo tutta la società per applicare le leggi e le politiche. Gli intellettuali sostenuti dalle tasse, come professori di scuole ed università pubbliche e destinatari dei contributi pubblici, diventarono la voce dello Stato, difendendo la sua legittimità. Altri ancora, lavorando come impiegati o agenti minori, fecero avanzare inesorabilmente il meccanismo statalista.

Di generazione in generazione, è cresciuta una nuova vasta classe di persone che servivano lo Stato in cambio di un salario. Questi dipendenti statali rinnegarono volentieri la propria libertà e quella dei loro vicini. E lo fecero senza pensare perché la forza della consuetudine e la potenza dell’istruzione li hanno portati a credere che le cose erano sempre state così e sempre lo sarebbero state.

Conclusione
E, così, quando vi troverete in fila al Walmart e guarderete una Grande Sorella da uno schermo televisivo ammonire gli acquirenti che monitorare ogni vostra mossa è per il bene pubblico, capirete che questo fenomeno è il risultato di un lungo processo. Convincere le persone che la società è il loro nemico e lo Stato il loro protettore ha richiesto propaganda, scuole pubbliche, cooperazione dei media, mistificazione, e corruzione. Ci è voluto molto per convincere il prossimo a diventare lo Stato e a “consegnare anche voi” nelle sue putride mani.

*Traduzione di Johnny Cloaca, Freedonia/blogspot

Recent Posts
Showing 16 comments
  • Brillat-Savarin
    Rispondi

    La Boéthie: FAN-TAS-TI-CO! Mi raccomando: andare in libreria e comprarlo (sono pure poche pagine e quindi anche i pigri se lo possono permettere). I più volentorosi si comprinio anche A.J. Nock. Buona lettura e buona riflessione.

    • bloodycat
      Rispondi

      L’hanno anche ristampato quelli di “chiarelettere” …

    • Brillat-Savarin
      Rispondi

      sorry: La Boétie

  • bloodycat
    Rispondi

    “Prendendo lo Stato di qualsiasi luogo, rivolgendosi alla sua storia in un momento qualsiasi, non c’è differenza tra le attività dei suoi fondatori, amministratori e beneficiari e quelle di una classe criminale professionista”. Se non erro lo citava anche il grande Rothbard in “The Etichs of Liberty”. Sante parole!

  • Borderline Keroro
    Rispondi

    Ma avete letto la lista dell’FBI?
    Include anche il cibo pronto.
    Confesso dunque: sabato scorso mi sono comprato cinque scatole di zuppa (erano in offerta, non mi piace granché ma a volte può essere utile), le lasagne al banco gastronomia (queste mi piacciono, mele sono pure mangiate, anche se so che è un reato), e sono goloso di Twix, per cui ne ho una scorta (un paio di confezioni da 5 o da 6 pacchetti).
    Posso essere considerato un terrorista? Ma robe dell’altro mondo!
    Questi si stanno veramente preparando ad imporre la dittatura statalista.
    Non manca molto a vedere l’esercito per strada: mala tempora currunt.

    • Leonardo Facco
      Rispondi

      muy MALA TEMPORA maledetti. FORZA RON PAUL

    • Giorgio Fidenato
      Rispondi

      Borderline, non lo sai ma sei passibile di controllo perchè, comprando 5 scatole perchè erano in offerta, hai fatto speculazione (cioè hai comprato più scatole del fabbisogno immediato cercando di speculare sulla quotazione futura delle scatolette). Quindi il tuo comportamento è in linea con i più grossi speculatori di wall street. ahahahaah

      • Leonardo Facco
        Rispondi

        io ho preso due dentifrici al prezzo di uno, ORA VADO AD AUTODENUNCIARMI ALL’ANTITRUST (che tanto piace a certi liberali del cazzo!)

        • Johnny Cloaca
          Rispondi

          Avete comprato beni non a prezzo pieno? “Sporchi” deflazionisti affama-persone, manderete in malora questo paese. Adesso per fare ammenda dovete sfilare una banconota dal portafoglio e pregare il santo moltiplicatore Keynesiano. :) :)

      • Borderline Keroro
        Rispondi

        Fai la spia eh?
        Meledetto “cimut”!

    • Brillat-Savarin
      Rispondi

      1984

  • Rispondi

    Dopo aver letto quest’articolo, ditemi voi se, a meno di rassegnarsi definitivamente mettendo il cervello a dormire, ci sia altra via DA TENTARE se non le COMUNITA’ VOLONTARIE al di fuori degli STATI !!!!!

  • Roberto Porcù
    Rispondi

    Come la fate grande ! Non serve autodenunciarsi, basta che vi pentiate delle vostre azioni e tu Leo regali un dentifricio alla Caritas e tu Bordeline Keroro le scatole che ti sono in più. Guardate gli uccellini del campo, non seminano e non mietono e vivono bene. Fate la medesima cosa anche voi e fatevi assumere in Comune.
    Ecchecazzo !

    • Borderline Keroro
      Rispondi

      Emulando Pietro Manzoni, pensavo di donare alla Caritas diocesana un ventina di scatolette di “merda di libertario”.
      Quella di farsi assumere in Comune non sarebbe una cattiva idea, soltanto che le assunzioni sono bloccate. Tanto quanto, fra poco, il pagamento degli stipendi, visto che da Roma ormai non arriva il becco d’un quattrino. Però i soldi delle tasse li vogliono. Staremo a vedere…

  • Michele Sidoti
    Rispondi

    Lo stato siamo Noi? Credo che sia importante fare una riflessione su quello che ci è stato insegnato fin da quando eravamo bambini.
    Lo stato NON siamo noi ma un organismo che dovrebbe vivere in SIMBIOSI con l’organismo che lo ospita (NOI) e che lo nutre.Quando le dimensioni di questo organismo SAPROFITA diventano insostenibili lo stato si trasforma in PARASSITA l’organismo comincia a deperire e, se non si interviene con le misure necessarie, a morire.
    Il segno che distingue SAPROFITA da PARASSITA è stato passato da tempo purtroppo gli antibiotici potrebbero non bastare speriamo non sia necessaria l’Exeresi.

    miklibertario

  • incazzato
    Rispondi

    ma inutile parlare e ora di prendere andare tutti davanti al parlamento italiano e demolirlo e fare noi quel cazzo che vogliamo

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search