In Anti & Politica, Economia, Libertarismo, Primo Piano

di REDAZIONE

[yframe url=’https://www.youtube.com/watch?v=Uc7xpwc-3og’]

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Articoli recenti
Mostrati 33 commenti
  • myself
    Rispondi

    Bravo Facco. Pietoso Tinti che ha fatto orecchie da mercante a tutte le argomentazioni addotte da Facco.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie!

  • giaino
    Rispondi

    Leo, perdonami ma sono riuscito a guardare solo parte del confronto.

    La rabbia e la frustrazione che mi hanno preso di fronte alle affermazioni del duo tinti-costamagna mi hanno rovinato la serata.

    Complimenti per il coraggio.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Ti capisco perfettamente!

  • ALESSANDRO
    Rispondi

    CIAO LEONARDO,QUEL TINTI MI HA FATTO VENIRE GLI INCUBI TUTTA LA NOTTE.
    COMUNQUE, COMPLIMENTI SPERO DI VEDERTI PRESTO IN TV PER FAR SENTIRE
    LA VOCE DEI LIBERTARI.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie a presto!

  • Michele
    Rispondi

    ciao Leonardo.

    mi dispiace dirlo , ma credo che la tua comparsa in televisione sia stata non buona. ti spiego perchè ho questa sensazione.

    in molte occasioni hai semplicemente detto cose, spesso provocatorie, senza dimostrarle. naturalmente se ti ascolto io che so che hai ragione quello che penso è “sì ok”, ma se ti ascolta una persona che nulla sa e tutto quello che sente da te è in profondo contrasto con le sue convinzioni e tu nemmeno dai una dimostrazione di quel che dici difficilmente quella persona si fermerà a riflettere sulle cose che hai detto. molto più probabilmente gli si chiuderà la vena e ti considererà un pirla che dice cose ridicole.

    credo che sia da tenere a mente sempre che i nostri interlocutori non sono persone cattive, semplicemente gli hanno fatto il lavaggio del cervello. per portarli dalla nostra parte dobbiamo avere tanta pazienza ed eccellere nelle dimostrazioni delle nostre idee.

    ovviamente le mie vogliono essere critiche quanto più possibile costruttive, lungi da me denigrare ciò che hai fatto; anche perchè io ad esempio mai mi sono conquistato la possibilità di parlare in televisione di questi temi, mentre tu ci sei riuscito.

    michele

    • Drago78
      Rispondi

      Si obiettivamente, puoi avere anche ragione, in certe parti ha un po’ esagerato, ma cmq nel complesso aveva ragione su tutto. In ogni caso andare in tv sembra facile, ma come si è visto non è affatto facile, bisogna avere risposte pronte, intellingenza, preparazione e dati e prove che dimostrino ciò che tu dici. I nostri politici bugiardi in questo sono ormai maestri da tempo putroppo, noi però dobbiamo usare quest’arma, per l’esatto contrario: dire la verità. E come dice giustamente Michele, la strada per cambiare l’opinione pubblica è ancora lunga, perchè come diceva un vecchio saggio “A rincoglionire e fare danni ci metti un attimo, a riacculturare e riparare una vita…”
      Gabriele

    • rodolfo
      Rispondi

      Concordo con Michele,
      tutto positivo per noi che siamo dalla tua parte, ma se vuoi veramente dare una STOPPATA in faccia alla gente come TINTO bisogna argomentare con cifre e fatti , per poter far capire anche alle pecore che ascoltano.
      Comunque complimenti.
      …..Banalmente mi hai fatto venire in mente Bossi ai primi tempi….
      So’ che è un offesa…..non voleva esserlo..
      ciao
      rodolfo

      • leonardofaccoeditore
        Rispondi

        Per te valgono le stesse parole che ho usato per Michele, con un’aggiunta: Bossi dei primi periodi è quello che ha portato a casa oltre 4 milioni di voti. Non credo di essere io il difensore di quel signore, ma dal punto di vista della comunicazione ci sapeva fare. La differenza è che parlava di cose che non conosceva ed ha cambiato mille volte opinione, il sottoscritto studia ogni giorno per mostrare tutto il rigore teorico del libertarismo rothbardiano.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Michele, il tuo consiglio è comprensibile, ma non centrato, per due motivi:
      1- Probabilmente non conosci bene il linguaggio televisivo, che va usato in modo differente a seconda del contesto in cui ci si trova. Lì, non c’era alcuna possibilità di dialogo, era (ma io lo sapevo benissimo) un trappolone, ergo bisognava non farli ragionare (cosa che a loro non fregava), ma ribaltare loro in faccia le ltesei che proponevano.
      2-I risultati, a quanto pare e inaspettati, non ti danno ragione. Ho ricevuto 250 richieste di amicizia da persone mai viste ne sentite in vita mia, un centinaio di mail di complimenti, di cui la metà di persone mai contattate, qualche iscrizione nuova al movimento libertario da parte di altrettanti individui mai visti ne sentiti.
      Conclusione: io non sono perfetto e non mi atteggio a quello che dà l’esempio. Ma da troppo tempo sento tanta gente che come te è capace solamente di dare pareri, ma quando c’è da fare o agire non si vedono mai.
      Buona notte.

      • Michele
        Rispondi

        1) confermo che non lo conosco. la tua argomentazione è plausibile e sensata.

        2) mi fa sempre piacere ricevere questo tipo di smentite credimi.

        conclusione) qui però ti sbagli.quando posso cerco sempre di trattare temi economici con le persone che mi stanno intorno. stasera in particolare poi ho tenuto un seminario di economia austriaca al teatro pavese di bologna. ovviamente tutto organizzato da me. quando posso fare qualcosa anche nel mio piccolo sta pur certo che cerco di farla.

        comunque non equivocare hai la mia massima stima e riconoscenza per ciò che hai fatto

  • Checo
    Rispondi

    Non ho visto molto (certi programmi sono davvero mal fatti).
    Buona performance in una gabbia di leoni!

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie mille

  • brunoogg
    Rispondi

    Leonardo sei stato grande, mi ha fatto molto piacere vederti e sentirti. è difficile che io guardi dibattiti in tv in italiano, mi hai ricordato che esistiamo noi libertari anche in questo paese di banane stataliste!

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie mille!

  • Borderline Keroro
    Rispondi

    Leo, posso dirti una cosa?
    Tu non sei normale: ti sei calato in acqua senza la gabbia antisqualo con quei popò di pescecani che avevano pasturato il mare apposta per te.
    E lo sapevi, sono sicuro che lo sapevi.
    Senza perdere nemmeno troppo la testa, io avrei sclerato.
    Quindi ti faccio i miei complimenti per il sangue freddo.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie mille, ero freddissimo!

  • LightQuantum
    Rispondi

    Quoto Borderline.

  • Riccardo
    Rispondi

    e’ vero siamo tutti evasori quanti pensionati non vogliono pagare le fatture , nono a me non serve dicono!

  • bustianu
    Rispondi

    Complimenti Leonardo, il solo evitare di mandarli al diavolo nel vedere le loro espressioni di sufficienza o di scherno è stata una prova titanica, riuscire poi a non farsi strumentalizzare impresa mitica. Forza con la coerenza delle idee e delle azioni.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie

  • Massimo74
    Rispondi

    Complimenti Leonardo, te la sei cavata egregiamente.L’unico appunto che posso fare è quello che dovresti evidenziare maggiormente i privilegi e lo sperpero di denaro pubblico della casta (vedi il caso Lusi, le pensioni d’oro di gente come Amato o Dini, gente come la Pivetti o Bertinotti che non vogliono rinunciare ai privilegi di cui godono gli ex presidenti della camera,ecc) per cercare di far comprendere ad un popolo di gonzi come gli italiani che la verà finalità dell’imposizione fiscale non’è quella di garantire i servizi ai cittadini (sappiamo tutti che il mercato può garantire virtualmente qualsiasi servizio in modo più efficente e meno costoso) ma il permettere di finanziare i continui scempi di denaro pubblico da parte dei burocrati di stato.In ogni caso complimenti per la calma e il sangue freddo dimostrato, io non so se al tuo posto sarei riuscito a contenermi.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie. Hai ragione, le cose da accentuare son molte, ma la tv è una bestia e sconvolge il dibattito, ergo ci son cose che avresti voluto dire ma che non sei riuscito a dire. E viceversa!

  • castle
    Rispondi

    sono al 2° minuto è ho già il vomito…senza vergogna, ma ha mai lavorato questo qui?

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      AAHHHHAHAHAHAHA

  • TPM
    Rispondi

    Sei un grande!!!
    Ottima la frase sul fatto che le leggi razziali erano leggi!

    Un consiglio modestissimo a te che te la sei cavata egregiamente:
    sottolinea il fatto che quei due in studio campano con i soldi delle tasse. E ci campano alla grande…
    Ecco perchè ne parlano bene!

    Continua così!!!

  • Brillat-Savarin
    Rispondi

    C’era un conflitto di interessi piccino, piccino per Tinti e per la signorina bionda: è grazie alle tasse che i due possono permettersi di fare la bella vita. Senza le tasse dovrebbero recarsi al lavoro: in un libero mercato, la signorina potrebbe svolgere – e penso in modo fruttuoso – il mestiere più antico del mondo, mentre Tinti, beh, Tinti, tu faresti davvero la FAME.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      PERSPICACE!

  • Ped@nte
    Rispondi

    Programma vomitevole, un po’ Davide e Golia. Apprezzo il coraggio di Facco. Va detto che anche gli USA sono uno stato di polizia, nonostante la pressione fiscale più lieve, con guerre in tutto il mondo pagate dalle tasse (più basse).

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie mille. Sugli Usa, ahinoi, Ron Paul dimostra quel che tu dici e che anche io sostengo!

  • Nicola
    Rispondi

    Il dato che ha detto Tinti circa i tempi che passano tra l’accertamento e la sentenza è vera: circa 12 anni. Ci sono passato di mezzo io.
    Quello che Tinti ha dimenticato è che in questi 12 anni lo Stato tramite l’Agenzia delle Entrate ed Equitalia di fatto ti impediscono di lavorare, di possedere beni e tutto il resto.
    E se per caso sei innocente? Chi ti risarcisce di 12 anni di lavoro perso? Di un azienda persa? Di una casa pignorata? Dell’umiliazione? Nessuno. Non ti risarcisce nessuno.
    Grazie di combattere questa lotta. Grazie per supportare il sacrificio di tanti. Grazie di dar voce a quanti nel silenzio non sanno più cos’altro fare.
    Grazie perchè vendicate coloro che di fronte all’indifferenza della società sono rocorsi a gesti estremi.

  • Gattamelata
    Rispondi

    Leo, non ho avuto lo stomaco di sentire per più di un minuto quel coglione interessato di tinti, ma apprezzo il tuo sangue freddo nello scendere in quell’arena di parassiti di alto bordo o poveretti che hanno subito il lavaggio del cervello dai media di sistema fin dalle tenera età. Purtroppo penso che l’unica soluzione collettiva al ripristino della libertà naturale e l’abbattimento del sistema stato sia la ribellione fiscale, metodo certo per terminare il leviatano se praticato anche solo da un centinaio di migliaia di persone. altrimenti non rimane che la soluzione individuale, ovvero si salvi chi può. Complimenti. M

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca