In Anti & Politica, Libertarismo, Varie

DI REDAZIONE

Questa sera, Leonardo Facco sarà ospite della trasmissione QUINTA COLONNA, in onda a partire dalle 21 su Rete 4. In questa puntata, si parlerà di fisco e tasse e Facco porterà la sua esperienza di autore, scrittore e fondatore del Movimento Libertario. Nello specifico, si parlerà di “FORZA EVASORI, perchè le tasse non sono una cosa bellissima”, lo spettacolo teatrale realizzato insieme a PONG che andrà in scena al TEATRO DELLA MEMORIA a Milano, il 12-13-14 ottobre prossimi.

Dopo il lancio effettuato per tutta l’estate da Salvo Sottile, “Quinta Colonna” entra nel palinsesto d’autunno di Rete 4.
A partire dal 27 agosto, infatti, il talk show di approfondimento sbarca in prima serata, per un ciclo di sei appuntamenti, con al timone il giornalista Paolo Del Debbio.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

 

Recent Posts
Showing 12 comments
  • zioAlbert
    Rispondi

    Caro Leonardo
    Che i talk televisivi sulla politica fossero ridicoli lo sapevo e, contando sul tuo senso dell’umorismo, ho guardato quinta colonna ieri sera, con la speranza, almeno, di farmi una risata.
    E’ stata una sceneggiata talmente ignobile, talmente oltre, che non c’era proprio da ridere, solo avvilimento.
    Se per dare un po’ di visibilità al tuo, nostro, pensiero libertario, che è pensiero di dignità soprattutto, bisogna assoggettarsi a certe sceneggiate, forse è meglio restare invisibili. Credimi, non ci si fa una gran figura a discutere con un botolo inferocito che abbaia con gli occhi fuori dalle orbite. Di quello che avevi da dire, unica opinione degna di attenzione in mezzo al vuoto, non è uscito niente, zero.
    Evidentemente Grillo ha capito come funziona e sta bene alla larga.
    Cordialmente Alberto Veneziano

  • Nereo Villa
    Rispondi

    Leo, sei come Fiorito! Sei come Fiorito! Ahahahaa aha aha aha aha ah! L’hai spento quel “botolo inferocito”! :D :D :D E poi ti sei fatto una risata sotto i baffi! Sono certo del tuo successo perché le cose che hai dette sono assokutamente vincenti! È dal tempo del Faust di Goethe che truffano i propri simili. Anzi forse dal tempo di Hobbes che perpetuano quella truffa poggiando sulla giustezza del Leviatano! Hai la mia stima piena. Per me hai avuto un successone. Non sarà il primo né l’ultimo. Lo so con certezza scientifico-spirituale.

  • zioAlbert
    Rispondi

    Leggo una opinione sulla serata di ieri sera molto diversa dalla mia e la cosa mi fa solo piacere. Evidentemente sono troppo schizzinoso e ha fatto bene Leonardo ad andare in un postaccio simile a sporcarsi le mani. Evidentemente la gente sa distinguere.

    • Nereo Villa
      Rispondi

      ZioAlbert! Piacere di fare la tua conoscenza virtuale! Un caro saluto.
      Nereo

  • Resistenza Liberale
    Rispondi

    Ho visto la trasmissione e devo dire di essere stato sconcertato per il “casino” che si crea non appena vengono solo accennati discorsi controcorrente o contro il sistema, l’aggressione verbale, la demonizzazione e la derisione sono costanti.
    Autodeterminazione dei popoli e tasse da morire devono essere bandite dai dibattiti, la gente non deve sapere.
    Mi aspettavo che uscisse un discorso che per me è fondamentale, vale a dire: Perchè L’Agenzia delle Entrate con l’appararo enorme e la legislazione fiscale alquanto repressiva che dispone riesce a recuperare appena il 7/8% dell’evasione presunta?
    Non c’è alternativa, o sono degli incapaci, o l’evasione che dicono non è reale, o ancora non e possibile colpirla perchè è di sopravvivenza, o perchè colpendola il danno sarebbe maggiore del beneficio (vedi porti turistici) .
    Tra poco entrerà in funzione il nuovo redditometro e l’anagrafe bancaria e, per ammissione di Befera, serviranno a recuperare appena altri 3 miliardi di Euro all’anno di evasione. Ne vale la pena e quali effetti negativi crea sull’economia?
    Non hanno capito(i parassiti) che non ci sono più risorse per alimentare il loro banchetto e continuando così si arriverà alla rivolta fiscale i cui sintomi sono già evidenti. La fuga di capitali e di cervelli, la delocalizzazione produttiva, l’assenza di nuovi investimenti, la chiusura anche traumatica di tante attività, la riduzione dei consumi, l’abbandono di porti e località turistiche da parte della clientela benestante , a mio avviso, sono segnali della rivolta fiscale imminente.
    La situazione esploderà però quando lo Stato Italianno non riuscirà più a pagare i dipendenti pubblici, gia si intravedono i primi segnali.
    Sarà una tragedia perchè i parassiti portano sempre alla morte l’organismo che li ospita se non vengono eliminati e, francamente, non vedo in Italia niente che lo faccia anche solo ipotizzare. Vedo i parassiti invece che si sono già ben organizzati con Monti, con l’attivismo di Casini e del centrosinistra, con la benedizione del Colle e con il presumibile ricatto a Berlusconi da parte della magistratura.
    Tutta la partita si gioca sull’elezione del futuro Presidente della Repubblica, perchè è dal Colle che tutto può essere interdetto, perchè è dall Colle che si possono usare strumentalmente gli alti Organi dello Stato, come ha fatto Napolitano, sempre di parte e masuper partes, che ha permesso la criminalizzazione e la demonizzazione di Berlusconi e del centrodestra che hanno impedito le riforme e permesso la sua sostituzione con Monti, subito santificato, direi giustamente, perchè è solo lui che vede la luce in fondo al tunnel.
    Il santo Monti così può tenere gli italiani sulla graticola della crisi economica, artatamente accuita, per carpirne la fiducia e il voto e, si sa, gli italiani credono ai santi e, quindi, sarà una tragedia.
    Resistenza Liberale. Luciano Sturaro

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Hai ragione, solo ragione. Grazie
      Leonardo

  • Fabio
    Rispondi

    Complimenti Leonardo, bravo come sempre -per quel poco che ti lasciano libero di dire.

  • Aurelia
    Rispondi

    Bravo Leo,
    sei meglio di Celentano (che ieri sera era pure stonato)!!!

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      AHAHAHAHA, GRAZIE

  • Domenico
    Rispondi

    Credevo di averli visti tutti i conduttori televisivi, uno peggio dell’altro. Poi ti spunta Paolo del Debbio è capisci che al peggio non ce mai fine. Tutto bello tranquillo, pacato, sembra veramente unbravo giornalista, ma sotto sotto pormetteva la parola ma alla fine la cedeva sempre a chi voleva lui (o gli ordinavano di fare).
    Da ridere il discorso di Gasparri sul perchè le imprese se ne vanno, perchè lì c’è concorrenza sleale. E sì, ora sono i paesi più efficienti nel torto, non noi ad avere un cesso di Stato.
    Cmq mi domandavo, visto che ieri ha dato tanto fastidio questo discorso indipendentista del Veneto, addirittura anche ai leghisti! E visto che ai sondaggi del Debbio non crede tanto (proprio lui che ci ha costruito una carriera sui sondaggi, presentando anni fa una trasmissione tv su mediaset dal titolo “secondo voi”), perchè non si indice un falso referendum. Con lo stesso meccanismo con cui si prendono le firme con tanto di documento di riconoscimento, chi firmerà vorrà l’indipendenza del Veneto.
    Certo forse sarà dispendioso ed andrebbe organizzato bene da far passare a tutti il messaggio, ma se non avrà valenza legale di certo avrà una bella valenza mediatica. Così vedremo cosa dirà la Lega.

  • Mariano Bogana
    Rispondi

    Voglio un veneto stato con Facco e Carbone premier e vice premier, o viceversa fate voi! Non mollare mai!

pingbacks / trackbacks

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search