In Esteri

SHANGHAILETTI PER VOI

Il Consiglio di Stato cinese ha dato oggi il via libera all’apertura della prima zona di libero commercio di tutto il Paese. Il “porto libero” sarà Shanghai, già sede della Borsa cinese continentale, che in questo modo diventa il maggior concorrente di Hong Kong e Taipei per il volume di investimenti stranieri impegnati nell’area. Tra l’altro la megalopoli è già all’interno del ristretto numero di città cinesi – insieme a Pechino, Guangzhou e Hong Kong – che non richiedono un visto per una permanenza di affari fino a due giorni.

Il premier Li Keqiang, che ha guidato la seduta, ha chiarito che la zona di libero commercio sarà una “prima visuale” della nuova e migliore economia cinese. Gli economisti sostengono che il piano mira a creare di fatto “una mini Hong Kong nel cuore commerciale del Paese”, e che questa decisione “darà enormi benefici a Shanghai, che cerca di far ripartire la sua crescita economica in costante rallentamento”.

In un primo tempo il piano prevede un’espansione dei quattro centri “protetti” che esistono dal tempo delle Zone economiche speciali volute da Deng Xiaoping per liberare la Cina dall’economia di tipo maoista. In queste aree – che aumenteranno proprio di volume – è possibile importare, lavorare ed esportare merci senza l’intervento delle autorità doganali. In un secondo tempo queste quattro zone di uniranno in un’unica, enorme fetta di territorio che godrà di ulteriori liberalizzazioni finanziarie.

Shanghai è l’unica delle grandi province o municipalità cinesi a crescere a ritmi rallentati sin dal 2008. In parte questo dato si può spiegare con l’inimicizia politica dei leader della “Quarta generazione” – Hu Jintao e Wen Jiabao – che hanno preso il posto di Jiang Zemin, grande sponsor della città. Per un lungo periodo, il sogno di divenire la “capitale commerciale” del Paese entro il 2020 è rimasto un sogno. Ora, sostengono gli esperti, questa decisione dimostra che la speranza può diventare realtà.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

A farne le spese potrebbero essere in maniera primaria Hong Kong e Taiwan. La prima è da sempre considerata il “punto di accesso privilegiato” dei capitali stranieri destinati al mercato cinese: la sua Borsa, la sua maggiore libertà e uno stato di diritto efficace hanno reso il Territorio uno dei posti migliori al mondo per fare affari. La seconda ha firmato da poco un accordo di libero scambio – a tasse ridotte – con la Cina continentale proprio per attrarre investitori, “convinti” a passare da Taipei per entrare nel Paese.

FONTE: Agenzia Asianews

 

Recommended Posts
Comments
  • Silver Price
    Rispondi

    Il 1º luglio 1997 vi fu il trasferimento della sovranità dal Regno Unito alla Repubblica popolare cinese di hong Kong, che terminò ufficialmente i 156 anni di dominio coloniale britannico. L’ultimo governatore britannico di Hong Kong fu Christopher Francis Patten dal 1992 al 1997 . Hong Kong divenne la prima regione amministrativa speciale della Cina e Tung Chee-Hwa assunse la carica di primo capo dell’esecutivo. Quello stesso anno, Hong Kong subì un doppio colpo: la crisi finanziaria asiatica e l’ epidemia di influenza aviaria H5N1 .

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search