In Anti & Politica, Economia

KrugmanDI MATTEO CORSINI

“E noi ci troviamo, come ho scritto proprio l’altro giorno in un altro contesto, in un mondo che trabocca di risparmi, un mondo dove chi decide di spendere meno e risparmiare di più rende tutti gli altri più poveri”. (P. Krugman)

Leggendo queste parole di Paul Krugman non posso fare a meno di dedurre che a suo parere ogni scambio volontario non sia effettuato perché mutualmente benefico, bensì rappresenti sempre un gioco a somma zero: se A vince, B perde, e viceversa. Da ciò derivano le critiche, spesso rancorose, verso i Paesi in surplus commerciale, rei, secondo la vulgata krugmaniana (e, in generale, keynesiana), di non spendere abbastanza, ossia di spendere meno di quanto incassano. In definitiva, si giunge alla messa sotto accusa del risparmio come atto che genera povertà. Chi risparmia sarebbe da deprecare, perché evitando di spendere toglie reddito ad altri.

Ora, questa posizione di fatto considera improduttive tutte le somme non spese. E’ pur vero che i keynesiani precisano che il “danno” verrebbe prodotto solo dalle somme non destinate a consumi o investimenti. Questo, nei fatti, tenderebbe a ridimensionare di molto il problema, dato che solitamente il denaro non consumato e non investito viene depositato in banca, e si dà il caso che le banche utilizzino anche il denaro depositato a vista per concedere prestiti. Sotto accusa finiscono ultimamente quindi le banche, che sarebbero ree di non erogare abbastanza prestiti, ossia terrebbero troppe riserve. Ma sarebbero sul banco degli imputati anche tutti coloro che non si indebitano, lasciando che grandi somme di denaro non vengano spese (da questo punto di vista, il più accanito di tutti è Richard Koo). Quando un Paese è esportatore netto, ciò corrisponde grosso modo a una situazione in cui le banche di quel Paese non fanno (o fanno meno) credito ai soggetti residenti nei Paesi importatori. Ora, le argomentazioni di Krugman non avrebbero senso economico neppure in un sistema monetario in cui il denaro non fosse creato dal nulla, ma sono a maggior ragione erronee in un contesto globale in cui le banche centrali stanno inondando il mercato di denaro fresco di stampa. E’ indubbiamente vero che dal punto di vista monetario pare esserci una gran quantità di risparmio, spesso accumulato nelle riserve delle banche commerciali presso le banche centrali. Ma sarebbe fuorviante confondere quelle somme per risparmio reale.

Ciò che realmente impoverisce una parte cospicua di persone è proprio un sistema nel quale il denaro viene creato dal nulla e in gran quantità. L’aumento della massa monetaria non può non coincidere con una perdita di potere d’acquisto del denaro, ancorché ciò non avvenga in modo uniforme. Il flusso di denaro aggiuntivo beneficia alcuni e danneggia in misura più o meno consistente tutti gli altri. Tirare in ballo il risparmio è del tutto fuori luogo: il risparmio reale è l’unica base solida per lo sviluppo non inflazionistico di un sistema economico. Checché ne pensi Krugman.

Post suggeriti
Mostrati 7 commenti
  • lorenzo s.
    Rispondi

    Perché Krugman non dà il buon esempio ed inizia a spendere i SUOI soldi per rilanciare l’economia?
    Vorrei proprio sapere a quanto ammontano i risparmi di Krugman e in genere degli economisti keynesiani.

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Quello che afferma krugman va contro il buonsenso.
    Il risparmio ci vuole.
    Si diventa vecchi.
    E la vita è sempre più lunga.
    Il risparmio può dare una certa autonomia.

    Purtroppo, oltre a questi cattedratici ottusi, esiste un nemico implacabile del risparmio, ed è lo stato.
    E’ una beffa criminale l’articolo costituzionale in cui si afferma che il risparmio viene tutelato.
    Non solo in italia il risparmio è zona di caccia ,anche di frodo, di governi, banche, finanzieri ,aziende marce quotate, sovrastato e delinquenti comuni.

  • FrancescoL
    Rispondi

    Krugman come tutti gli statalisti non vuole il risparmio privato perché vuole un popolo di schiavi totalmente dipendenti dallo stato. Il risparmio è continuamente vilipeso invece di essere rispettato e considerato importante. Risparmio =Indipendenza=Libertà

  • Dexter
    Rispondi

    Sarebbe ora che Krugman la smettesse di scrivere opinioni sul NYT e che se ne tornasse all’università.
    Come studente.

  • Pedante
    Rispondi

    Keynes=Lysenko.

  • hilda
    Rispondi

    invece non stamparli arrichisce tutti???

    ma dai…PUD€

  • Christian
    Rispondi

    Quindi conviene drogarsi tanto non farlo non ti allunga la vita.
    Bella idea, spiegalo ai tuoi figli e fammi sapere se ti migliora la vita.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca