In Esteri

SVIZZERALETTI PER VOI

Si scrive freno al disavanzo, ma si legge moltiplicatore cantonale. Alla fine ce l’hanno fatta: i granconsiglieri ticinesi hanno deciso l’altro ieri che, di principio, se la politica non è capace di gestire i soldi sottratti ai contribuenti, allora ne vanno sottratti ancor più. La proposta concreta è che se il disavanzo cantonale supera il 4% annuo, con il sostegno di 2/3 del Gran Consiglio si possano aumentare le imposte cantonali.

Ricapitoliamo. Eccetto rivoluzioni e crolli di sistema, non esiste esperienza storica di diminuzione della spesa statale. Nemmeno Margaret Thatcher o Ronald Reagan ci riuscirono. Su scala internazionale, è risaputo che la spesa statale aumenti più rapidamente della creazione di ricchezza (aumento del PIL). Gli economisti hanno formulato varie spiegazioni, tra le quali che lo Stato fornisce soprattutto servizi (che al contrario dei beni industriali non godono del progresso tecnologico e rincarano più rapidamente), oppure che si occupa soprattutto di prestazioni a popolazioni urbane, che aumentano con la densificazione del territorio.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Vi è tuttavia una spiegazione ben più cristallina. Lo Stato è per definizione un’agenzia che può permettersi di fissare il prezzo delle proprie prestazioni senza considerare cosa pensino i suoi “clienti”. Nessun esercizio privato può permettersi tanto. Poiché politici e funzionari sono umani come tutti noi, preferendo guadagnare di più sforzandosi di meno, è prevedibile che la qualità delle prestazioni statali tenda a peggiorare nel tempo ed i loro costi ad aumentare. Nel mercato, chi fa così viene ben presto travolto dalla concorrenza. Intendiamoci, spesso un servizio statale di nuova introduzione funziona bene, perché è necessario mostrare la parsimonia ed il buon impiego delle risorse sottratte ai contribuenti. Poi, una volta dato per acquisito, può iniziare la bulimia finanziaria.

Il lettore-contribuente aggiunga a ciò le dinamiche di lobbismo politico presenti ovunque e si chieda: in caso di disavanzo, in Gran Consiglio è più probabile trovare un consenso sul taglio della spesa o sull’aumento del prelievo fiscale? Poiché lo Stato non crea ricchezza, ma unicamente la ripartisce da molti a pochi in modo molto inefficiente (statisticamente di un franco prelevato solo 60 cts. arrivano a destinazione, 40 cts. sono di costo amministrativo), e poiché il politico che spende si accorge di avere tanti amici che lo eleggono, non è difficile trovare la risposta.

Laura Sadis, la ministra dell’economia che più di tutti ha spinto verso un moltiplicatore cantonale, dice di voler trasparenza nei confronti dei cittadini. È il mondo al contrario. In una normale famiglia, quando papà non guadagna più a sufficienza, la trasparenza tocca le voci di risparmio, non dei piani di razzia. La voglia di trasparenza andrebbe rivolta verso gli uffici che vanno chiusi per mancanza di fondi e per rispetto di chi fatica a pagar le imposte.

È incredibile come anche la politica nostrana non veda l’ora di ripetere gli errori socialdemocratici dei maggiori Stati europei attorno a noi. C’è da chiedersi un’unica cosa: aumenteremo presto le imposte anche per estendere il budget del promovimento economico, quando vedremo che nessun’azienda estera vorrà più insediarsi in Ticino, bensì andrà in Mesolcina?

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Paolo Pamini economista, AreaLiberale e Istituto Liberale

TRATTO DA http://www.ticinolive.ch/

Post suggeriti
Mostrati 5 commenti
  • michele
    Rispondi

    Benvenuti nella Svizzera ITALIANA (e non e’ un caso che si chiami cosi’…). Speriamo che la cosa non si estenda al resto del Paese, anche se c’e’ di che essere preoccupati.

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Non c’è più religione.

  • Fabio
    Rispondi

    è un ulteriore errore dei politici svizzeri, non so quanto in buonafede.
    e come quello sul cambio fisso franco/euro stabilito dai politici, pure questo non è stato sottoposto al voto della popolazione.
    anche nel paradiso della democrazia diretta coi referendum in cui si vota su tutto, queste decisioni vitali sono state prese senza consultare il ‘popolo’..

  • Fabio
    Rispondi

    …la speranza è che tra i tanti cantoni ci sia qualcuno che non segua i cattivi esempi.

  • Christian
    Rispondi

    Non contarci troppo Fabio.
    Come ebbi a scrivere in un altro commento, questi (i colletivisti) sono come un virus (in buona o cattiva fede non importa), una volta contagiato non è questione di se ma di quando. Il quando può trovarsi estremamente lontano (anche più della vita di una persona) o terribilmente vicino.
    Questo fino ad un cura virulenta od alla morte dell’ospite ed arrivederci sono alla prossima infezione.
    distinti saluti

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca