In Economia

argentinareservesDI FRANCESCO CARBONE

Leggendo le notizie in arrivo dall’Argentina (davvero più demenziale che imbarazzante ciò che stanno facendo per cercare di evitare l’emorraggia di riserve valutarie), sono ricapitato su questo articolo del più grande idiota economico di tutti i tempi, sissignori proprio lui: mr. Krugman. “L’Argentina è una storia di successo che dovrebbe dare lezioni ai paesi dell’area Euro”, più o meno così scriveva nel maggio del 2012. I fatti, a distanza di meno di due anni, confermano l’imbecillità da guiness dei primati di questo buffonesco zimbello che continua a scrivere editoriali per il New York Times quando in realtà non sarebbe neppure degno di sceneggiare le avventure fantaeconomiche di Paperone, Paperino e Qui Quo Qua.

Come ben sappiamo, in questi anni, a fargli da coro come scimmie ammaestrate, tutti gli ignorantoni della MMT (Magic Money Tree, i soldi crescono sugli alberi) secondo i quali tutti i problemi economici possono essere magicamente risolti con la sovranità monetaria della politica (la vera sovranità monetaria invece è quella che appartiene direttamente al popolo, quando proprietario dei propri soldi, concetto che mai attecchirà nella terra dei cachi marci dove invece si continua ad andare nella direzione opposta, cioè versol’abolizione definitiva del contante, espropriando quindi oltre alla proprietà anche il possesso). Chissà se finalmente il collasso definitivo del sistema monetario argentino spingerà qualche post-keynesiano a rivedere le proprie ricette monetarie. Personalmente lo dubito, Keynesiani si nasce e ci si muore: l’unica coerenza che li riguarda è quella dell’ignoranza economica.

P.S. da quando Krugman ha scritto l’articolo contro il Bitcoin, la percentuale che personalmente attribuisco al successo dell’esperimento della crittovaluta e salito dall’80 al 90%.

Post suggeriti
Mostrati 12 commenti
  • jimmy
    Rispondi

    Francesco è tornato, più feroce che mai. A me personalmente, mi mancava molto.

  • Albert Nextein
    Rispondi

    L’argentina non ce la fa a tirarsi su.
    Passa da un crack all’altro.

    Mi chiedo, se krugman pensa così bene dell’argentina, che avrà da dire sul Cile?

  • Leo
    Rispondi

    L’emerito professor Pedro Schwartz, lo fece a merda durante un convegno all’università di Madrid, come documentato su youtube…. c’è un passaggio in cui…. ripete: SAVING IS GOOD!! SAVING IS GOOD!!!….. ed infine una bella brunetta lo mette in difficoltà con una domandina sull’inflazione….. che idiota krugman… il bello è che certi idioti di casa nostra, tale federico rampini, si vantino di leggerlo con passione da tempo….

  • Al Cos
    Rispondi

    Ognuno ha lo statalista che si merita.
    Sul NYT scrive Krugman, sul Sole 24 ore scrive Francesco Boccia.

  • Leo
    Rispondi

    francesco boccia in girolamo

  • Enzo Pugliano
    Rispondi

    Per chi vuole leggere qualcosa di serio sull’Argentina.

    “È notevole il fatto che quando la speculazione colpisce l’Italia la colpa sia… della speculazione, mentre invece se il peso argentino perde valore la colpa sia del governo di Néstor Kirchner prima e di Cristina Fernández ora.”
    http://www.gennarocarotenuto.it/27385-che-succede-argentina/

    “Mai, come in questi giorni, la discrepanza tra ciò che sta avvenendo nel continente americano e ciò che la stampa riferisce in Europa, è stata così marcata. Sia per ciò che accade in Usa, sia per ciò che sta accadendo -soprattutto- nella zona sudamericana.
    Per non parlare delle superficiali considerazioni dei bloggers improvvisati nostrani o, ancora peggio, di chi sta riferendo della situazione argentina applicando dei concetti standard che appartengono alla dottrina Draghi e alla scelte effettuate dalla Banca Centrale Europea e dal Fondo Monetario Internazionale.
    Leggere la stampa italiana e poi andare a leggere la stampa argentina è davvero comico, per non dire orwellianamente tragico.
    Mentre in Italia si parla di quel Paese come di una nazione in ginocchio, travolta da una crisi economica senza precedenti, con una moneta crollata e alla vigilia di un default annunciato, in Argentina si parla in termini davvero molto ma molto diversi.”
    http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/2014/01/che-succede-nella-repubblica-argentina.html

  • Pedante
    Rispondi

    @ Enzo Pugliano:
    Dal articolo, “uguaglianza” e “libertà” sono incompatibili l’una con l’altra.

  • Alberto Veneziano
    Rispondi

    Che effetto fa, in giro per il mondo, quando ci si accorge che metà dei cognomi argentini hanno un suono “italiano”?
    Non voglio dire che è il motivo per cui sono cosi casinisti ma insomma …

  • FrancescoL
    Rispondi

    Uno come krugman che dall’alto del suo premio nobel afferma che l’inflazione non è furto perchè non è scritto da nessuna parte che le banconote che ci fanno usare manterranno il proprio potere d’acquisto nel tempo, non merita di essere ascoltato. Merita delle sonore prese in giro, come tutta la MMT

  • hilda
    Rispondi

    Bravi….tutti piddini…

  • renato.drg
    Rispondi

    L’Argentina ha applicato in parte la Economia di Mosler e gli effetti benefici si son visti:Calo disoccupazione benessere in aumento dopo la fine del pareggiamento col dollaro che ha portato la economia argentina alla rovina esattamente come sta facendo ora l’Euro e la devastante dottrina libersia del pareggio di bilancio.

    • renato.drg
      Rispondi

      liberista

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca