In Anti & Politica, Economia

DI MATTEO CORSINI

“Ogni singolo euro investito in infrastrutture digitali va escluso dal
Patto di stabilità Ue. Quello tra austerity e flessibilità è un derby
ideologico. Perché se io investo nelle infrastrutture digitali, io investo
nel futuro e non è un costo, rispetto certo le raccomandazioni europee ma
vengo incontro alle persone e non è un costo.” matteo-renzi-lingua(M. Renzi)

Intervenendo a un evento sul tema delle applicazioni e delle infrastrutture
digitali, Matteo Renzi ha colto la palla al balzo per rilanciare il solito
cavallo di battaglia socialista: escludere dal calcolo del deficit pubblico
le spese per investimenti in questo o quel settore. Ovviamente il settore è
quello del quale si sta di volta in volta discutendo.

C’è sempre un duplice problema: in primo luogo, stabilire cosa è
investimento pubblico e cosa spesa corrente è, in ultima analisi, una
decisione politica, il che comporta il rischio che passi per investimento
qualsiasi spesa. In fin dei conti, quando Renzi afferma “vengo incontro
alle persone e non è un costo”, potrebbe riferirsi a tante cose, dato che
per ogni euro speso c’è qualche beneficiario al quale indubbiamente si è
andati incontro. Perfino assumere un dipendente pubblico e metterlo a
scaldare una sedia equivale ad andargli incontro (ovviamente con i soldi
altrui) e a priori si può pure sostenere che la produttività di quella
persona sarà superiore al costo. Il problema è che ex post la cosa potrebbe
non essere vera (spesso non lo è), ma guai poi a toccare quel posto di
lavoro.

In secondo luogo, ogni spesa, anche se classificata come investimento,
necessita di essere finanziata con denaro. E il denaro lo Stato lo può
prendere solo tassando oggi o indebitandosi (e quindi tassando domani,
direttamente o mediante inflazione). Quindi si può anche far finta che il
deficit non esista, o che il bilancio sia in surplus, ma si tratterebbe
semplicemente di creare una discrepanza tra la realtà e la rappresentazione
contabile. Quanto, poi, alla redditività futura dell’investimento, spesso a
consuntivo i conti non tornano, come accennavo poc’anzi.

Ciò detto, ben vengano le infrastrutture digitali, ma non si vede per quale
motivo debbano essere pubbliche. Non è lo Stato che deve fare investimenti,
bensì i privati, che assumono rischi in proprio e non impongono ad altri (i
cosiddetti contribuenti) di assumere rischi e oneri di iniziative prese dal
pianificatore governativo di turno.

A forza di investimenti per il futuro di qualcuno, il debito pubblico
accumulato è enorme. O facciamo finta che non ci sia neppure quello?

Recent Posts
Showing 8 comments
  • leonardofaccoeditore
    Rispondi

    Grande Matteo! Pensa che quel nulla cerebrale di Barisoni, a Radio 24, dice le stesse cose di Renzi… e io rido!!!

  • Leo s
    Rispondi

    è una scusa per sforare il patto di stabilità…. cmqe lessi un paio di settimane fa su Linkiesta un articolo interessante di Giannino, in merito al rientro del deficit nei 4 anni a venire; credo si trattasse del def2014; pare che non ci sia una riga su quali modalità seguire a tal fine: per chi non volesse capire AUMENTO DELLE TASSE in vista sino al 2018

  • hilda
    Rispondi

    Il problema debito pubblico è un non problema. Il problema non è quanto debito fai…ma se riesci a ripargarlo. E soprattutto con chi lo fai…

    Basta con questa cosa del debito pubblico brutto e cattivo dai…ormai l’ha capito mezza europa che la crisi non è di debito pubblico ma di debito privato!

    • Pedante
      Rispondi

      Gli interessi del governo e quelli del cartello bancario si complementano a vicenda.

  • Bartok56
    Rispondi

    Ottimo Corsini.
    Per Renzi l’investimento potrebbe consistere nell’acquisto di ventimila nuovi PC
    davanti ai quali mettere ventimila nuovi forestali per vedere qualche video tratto
    dalla serie TV “Chicago Fire”. Dato che si siamo aggiungiamo ventimila nuovi superbollettini RAI pagati dai contribuenti.

  • CARLO BUTTI
    Rispondi

    Un bell’esempio di investimento pubblico in alta tecnologia risale al fu ministro Bruno Visentini (quello dall’aspetto funereo), che salvò i bilanci dell’Olivetti acquistando dalla società di Ivrea, di cui era parte e quindi in palese conflitto d’interessi, apparecchiature elettroniche obsolete, in gran numero finite ad arrugginire negli scantinati di scuole e uffici vari.

  • Fabio Colasanti
    Rispondi

    ricordo che la RAI fu imposta col monopolio perché ci dissero che ” l’etere è indivisibile ”

    e ancora continuano a raccontare balle mostruose dimostrando in che considerazione tengano il popolino e gli elettori (equiparati in pratica a degli emeriti idioti).

  • Renzo Riva
    Rispondi

    Tempo addietro scrissi:
    Il canone è superato.
    Esiste la PAY-PER-VIEW diamine.
    Battaglia di retroguardia del Renzi che pare voglia metterci la faccia (e che faccia!) su questa che per lui sarebbe una ulteriore linea del Piave.
    Troppe linee che nascondono le bubbole dette anche bufale.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search