In Anti & Politica, Economia, Libertarismo

TasseDI ROBERTO ZAMBRINI

Inizialmente, addestrato come si deve dalle maestrine della s(q)uola pubblica, sei convinto che le tasse siano importanti e utili, perché servono per costruire scuole, ospedali, pagare pensioni, ecc.. ecc..

Cresci.

Cominci a capire che c’é qualcosa che non va…. 

Non sei più così convinto, ma pensi che se le devi pagare tu, allora le devono pagare tutti. E diventi un fanatico dello scontrino, della delazione, odi gli evasori ed applaudi come un disperato ai programmi di Santoro e compagnia sinistra, quando parlano dei cattivi evasori e della abolizione del contante…. 

Ma non esprimi una moralità, solo l’invidia per chi la scampa, e la rabbia del “mal comune mezzo gaudio”. 
Va detto che la stragrande maggioranza degli italiani, in questo momento, si trova a questo livello. E non si evolverà mai.

Maturi.

Qui non tutti ci arrivano… c’è  chi ci mette una vita, come il sottoscritto, e la maggioranza non ci arriva mai.
Capisci che solo una frazione di quel denaro ha quella funzione: la vera funzione e’ quella di toglierti l’autonomia, di renderti così dipendente dallo stato fino a costringerti ad accettare qualunque abuso del potere.

Capisci che ti stanno rubando la vita, perché la gente onesta fa soldi consumando la sua vita col lavoro… che sei uno schiavo.
Capisci che non c’é niente di nobile nell’importi servizi che potresti pagarti da solo, e senza sprechi.
Leggi i saggi di qualche Autore Libertario o AnarcoCapitalista, e scopri che – Porca Paletta! – è proprio come sospetti!

Complimenti: se sei arrivato fin qui, almeno la tua mente si è liberata dalle catene! Ora cerca di liberare il tuo corpo.

Recent Posts
Showing 14 comments
  • Guglielmo Piombini
    Rispondi

    Bravissimo Roberto Zambrini.

    Quando la maggioranza delle persone sarà giunta alla vera maturazione, vivremo in una società molto più libera e prospera di quella attuale.

    Purtroppo per ora moltissimi italiani si trovano nella seconda fase, e per questa ragione ci ritroviamo in un inferno burocratico e fiscale.

  • Albert Nextein
    Rispondi

    I motivi psicologici di questa cecità selettiva al libertarismo mi interessano moltissimo.
    C’è una chiave che apre la porta dei cervelli della gente alla libertà vissuta, praticata, apprezzata.
    Deve esser qualcosa di semplice, di folgorante.
    Io sono alla ricerca di questa chiave, perché vorrei informare meglio e convincere con meno difficoltà sempre più gente a una vita in libertà.

  • leonardofaccoeditore
    Rispondi

    Satanassi è bellissimo!!!!! Grazie Alberto!

  • furio
    Rispondi

    Ottimo.
    Stesso percorso, stesse conclusioni …. forse troppo tardi.
    “Ora cerca di liberare il tuo corpo”. Suggerimenti?

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      No no… l’euchessina no! :-D
      Disobbedienza fiscale, evasione fiscale, elusione fiscale, emigrazione fiscale…

  • lorenzo s.
    Rispondi

    Stesso percorso che ho fatto io!
    Adesso referendum sull’indipendenza del Friuli dal 1° ottobre!

  • Leo s
    Rispondi

    sul sito Von Mises.it lessi che il motivo principale della cecità verso le idee libertarie e anarco liberiste, sia dovuto all’impatto devastante che l’ideologia marxista e la “cultura” da essa derivante hanno avuto sulle società occidentali. Mi sembra ragione validissima…..

  • CARLO BUTTI
    Rispondi

    Non ho capito che c’entra con tutto questo l’indipendenza del Friuli. Le tasse che si pagheranno in Friuli Stato, per esigue che possano essere, non avranno sapore di rapina? La definizione di furto è indifferente all’entità del bottino.

  • alessio
    Rispondi

    Sono d’accordo eccetto per un punto! Se pinco pallino non trova lavoro come fa a pagarsi i sevizi? Un minimo di servizi essenziali lo stato non dovrebbe garantirli? Ovviamente parlo di uno Stato vero…non dell’italietta che prende prende e non da neanche il 10% di quello che prende!

  • Massimiliano
    Rispondi

    Idem con patate per il percorso di maturazione personale intrapreso senza però aver dovuto applaudire Santoro e compagni(a) cantante, anzi il dubbio è cresciuto osservando tutti quegli applausi!

  • Roberto Zambrini
    Rispondi

    .
    Se sapevo che veniva pubblicata, l’avrei scritta meglio!
    :-))
    Ma forse, e’ meglio cosi’: il messaggio e’ rimasto semplice e facile da capire per chiunque..
    .

  • Christian
    Rispondi

    Percorso molto simile.
    Per me è durato più di 30 anni
    Chi dice che la maggiore età/maturità si raggiunge a 18 anni è un cazzaro; a parte rari casi, oramai quasi nessuno prime dei 30 hai capito veramente come va il mondo e non è detto che ci arrivino mai (personalmente ai 20enni non darei neanche la patente, sappiamo tutti quale fascia di età ha i maggiori incidenti gravi e/o mortali, tralasciando i vecchi rincoglioniti che però presentano meno incidenti gravi. Scusate ho divagato troppo).
    bye

  • Roberto Zambrini
    Rispondi

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search