In Economia

COP-DEF-JPGdi REDAZIONE

Se all’inizio dell’estate sembrava inevitabile l’approdo ad una pur contestatissima ‘tassa sui prelievi Bancomat’, il Consiglio dei ministri dello scorso 4 aprile dedicato al Fisco ha sostanzialmente cambiato le carte in tavola: lavoratori autonomi e titolari di reddito di impresa potranno sempre essere sottoposti ad indagini finanziarie, e saranno valutati come maggiori compensi o ricavi i prelevamenti di cui non viene indicato il beneficiario, così come i prelevamenti non contabilizzati (In assenza di giustificazione, si ritiene che la somma prelevata sia stata utilizzata per acquisti in nero, che hanno consentito di produrre beni o servizi venduti a loro volta in nero).

La versione dello schema di decreto di riforma delle sanzioni amministrative tributarie – ora in attesa di un secondo parere delle commissioni parlamentari – conferma la presunzione legale che attribuisce ai prelevamenti non giustificati dei titolari di reddito di impresa il valore di ricavi non dichiarati. Viene invece cancellata la sanzione dal 10% al 50% dell’importo del prelevamento prevista in caso di omessa o inesatta indicazione del beneficiario dei prelevamenti non transitati nelle scritture contabili, che era invece prevista nella prima versione del decreto attuativo della delega fiscale.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

(FONTE: QuiFinanza)

ACQUISTA “ELOGIO DEL CONTANTE“, IL NUOVO LIBRO DI LEONARDO FACCO: DIFENDITI DAI SOPRUSI DELLO STATO

Recent Posts
Comments
  • Albert Nextein
    Rispondi

    Mi sa che 10 copie non bastano.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search