In Ambientalismo

biologicodi REDAZIONE*

Complice il bombardamento mediatico degli ultimi anni, ormai siamo portati a credere che il cibo biologico sia, in sé e sempre, la scelta giusta – e che, per converso, l’OGM sia dannoso e poco sano.

In realtà le cose sono più complesse di così. Per esempio, sapevi che l’agricoltura biologica utilizza più di 20 sostanze chimiche diverse? E che solo il 16% di quello che si spaccia per “cibo biologico” lo è davvero?

1) Il cibo biologico è privo di pesticidi

Secondo il Scientific American, le coltivazioni biologiche utilizzano “più di 20 sostanze chimiche”, a volte più dannose della loro controparte non naturale. Come sempre, la differenza la fa il singolo produttore.

2) Coltivare cibo biologico è la scelta giusta per l’ambiente

Le coltivazioni biologiche producono meno sostanze chimiche ma, per essere egualmente produttive, necessitano di sfruttare più terreno.

3) Comprare biologico sostiene le piccole aziende locali

In realtà solo il 16% di quello che viene etichettato come biologico è effettivamente prodotto da aziende locali. Il resto è invece opera di conglomerati di imprese che fanno capo alle grandi multinazionali.

4) Il cibo biologico è più nutriente e saporito

Non c’è alcuno studio che dimostri che il cibo biologico sia nutrizionalmente più valido di quello da supermercato. Quanto al sapore, il consiglio degli esperti è quello di rivolgersi ai produttori locali e soprattutto di seguire la stagionalità.

5) Gli OGM sono pericolosi

Anche in questo caso, non c’è alcuna prova che dimostri questa affermazione. Esiste invece uno studio, condotto dall’Università di Perugia, che ha condotto uno studio su 1783 test di sicurezza degli OGM. Il risultato? Non c’è alcuna evidenza scientifica che testimoni il danno degli OGM per l’uomo e per gli animali.

6) Trattare il cibo con le radiazioni provoca il cancro

Contro questa credenza popolare si è espressa addirittura la FDA (US Food and Drug Administration), che ha invece approvato l’utilizzo di radiazioni sul cibo, al fine di uccidere i batteri e aumentarne la longevità.

7) “OGM” e “biologico” sono due mondi inconciliabili

In realtà un matrimonio (felice) è possibile: per esempio, combinando il principio di rotazione dei raccolti con i pesticidi artificiali si potrebbe ottenere una maggiore produttività dei raccolti, con benefici per l’uomo e per l’ambiente.

* Articolo tratto da http://www.radiomontecarlo.net

Articoli recenti
Mostrati 8 commenti
  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Sulle radiazioni potrebbe esserci qualche perplessità non necessariamente legata alla superstizione. Non tanto per l’affidabilità della FDA, che comunque andrebbe verificata, ma perché se vado dal radiologo vedo tutto precauzionalmente piombato. E anche i consigli medici relativi alla prudenza nell’esporsi ai raggi solari, potrebbero accrescere le perplessità. Certo, non è detto che i raggi utilizzati in agricoltura siano raggi x. Però l’articolo non riporta esattamente la tipologia irradiante. Sugli altri sei punti l’evidenza scientifica è lampante, compresa quella relativa ai dati statistici. Ma proprio per questo non verrà accettata dai luddisti in servizio permanente.

  • Ari
    Rispondi

    Pronti a rinunciare a Spaghetti, Maccheroni, Fusilli,, Mezze penne rigate e
    Bucatini?!
    Eh sì, perché il Grano con cui son fatti la maggior parte delle paste in commercio pare proprio che sia ottenuto con bombardamenti di radiazioni.
    Se proprio non si vuole leggere interi libri, almeno si legga questo articolo di Bressanini, uno dei pochi in Italia che cerca di fare dei ragionamenti e non slogan.
    Astenersi superstiziosi e seguaci del politicamente corretto.
    http://bit.ly/1Z8ol3x

  • saldisaldi
    Rispondi

    Il punto 1 andrebbe spiegato un pò meglio.

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Paradossalmente, è proprio perché i contrari agli OGM non sollevano obiezioni alle irradiazioni che possono sorgere perplessità su queste ultime. Specie se non se ne parla spesso. Un po’ mi tranquillizzo pensando al fuoco: se lo tocco mi scotto ma non per questo se cuocio il cibo mi intossico.
    Sul punto uno ho sentito parlare di botulino inserito nei cibi “biologici”. Vero o non vero non saprei dire.

    • Ari
      Rispondi

      @ Alessandro Colla
      Bella l’immagine del fuoco.
      Inoltre condivido il paradosso a cui fai riferimento, che è però solo apparente.
      Infatti, sarebbe tale se gli anti OGM fossero davvero mossi da motivazioni salutistiche.
      Io ho dei seri dubbi; per questo credo che articoli come questo, ragionamenti scientifici o il semplice buon senso, non spostano di un millimetro le “convinzioni” dei crociati anti OGM e fondamentalisti bio.
      Cordialità.

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Comunico che ho fatto tre kili di ragout di carne di cinghiale.
    Pappardelle per 15 persone che hanno molto gradito, domenica scorsa.

    • Ari
      Rispondi

      Grande Albert, diversamente vegano!!!

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    “Insieme per Lunghezza” batte Albert Nextein 1500 a 15. Sempre domenica scorsa, alla quarta edizione della sagra della pappardella, si sono superate le millecinquecento presenze. Però non vale: i cuochi erano certamente più di uno, la distribuzione è avvenuta a pranzo e a cena, in orari diversi e aspettando il proprio turno. Ovviamente i chili di cinghiale erano molti di più. Vino così così, speriamo di migliorare alla faccia delle leghe per la temperanza.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca