In Ambientalismo, Scienza e Tecnologia

mais btDI LEONARDO FACCO

Carissimo Giorgio, anche quest’anno – come uno e due e tre anni fa – senza dirti una beata cippa ho seminato (anzi fatto seminare) il mais MON 810 (il solito, quello ammesso dalla Commissione europea). Anche stavolta, però, l’ho fatto con solo un paio di ettari, ma non troppo lontano da casa. Ancor di più ora che lo seminano anche altrove.

Non mi voglio dilungare troppo, ma ci tenevo a darti la buona notizia e, seppur tagliata per evitare si possa riconoscere il luogo, ti posto la fotografia con le piantine che crescono sane e robuste, come scienza comanda. Il contadino mi ha detto che tutto va a meraviglia. Tanto mi basta!

Ovviamente, il mio è solo un gesto simbolico, ma in questi anni ho maturato la convinzione che non serve dimostrare per legge che tu vincerai (come è già successo alla Corte di Giustizia europea), perché tu, in fondo, hai già vinto! Basta col nazi-comunismo ambientale e non!

Ci vediamo amico mio e ti mostrerò le foto!

Articoli recenti
Mostrati 8 commenti
  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Vince chi combatte, sempre e comunque; vince anche quando perde. Retorica? Forse, non me ne inporta nulla. I deficienti continueranno a ritenere che gli organismi geneticamente modificati contaminino gli altri, così come i sottosviluppati per causa di don Rodrigo ritenevano che la peste fosse causata dagli untori. Quella dei contadini dell’Amazzonia “espropriati” per poter coltivare piante con mutazione genetica, è una bufala. Sono gli stati ad espropriare, non i privati. Chi si lamenta di episodi del genere deve rivolgersi al governo brasiliano. Magari informandosi se all’epoca del presunto esproprio non ci fosse ancora Lula.

    • winston diaz
      Rispondi

      Se la fame cominciasse a mordere, ma solo un minimo, vedi come cambierebbero le opinioni in un baleno, altro che lotte e chiacchere…

      La situazione attuale c’e’ perche’ nonostante si lamentino sempre e comunque, gli italiani hanno la panza anche troppo piena, il loro unico problema e’ cosa scegliere fra le infinite varieta’ di cibo “di qualita’” di cui dispongono, qualita’ che peraltro non gli basta mai.

      Le “lotte” e le chiacchere servono solo a polarizzare i campanilismi e a sclerotizzare sempre di piu’ la contrapposizione, con gran beneficio solo dei capetti delle varie fazioni, che cosi’ si sentono importanti.

    • Matteo
      Rispondi

      E secondo te Alessandro Colla chi cè dietro lo stato che espropria i terreni?
      Sono solo delle persone che decidono…non sono delle entità astratte.

      E chi è che le compra queste persone? Chi è che le corrompe?
      Chi è che gli fa firmare leggi a loro favore?

      Io sono per la libertà,
      ma non per quelle multinazionali che ottengono quello che hanno a discapito di altri
      e molti favori politici con la corruzione e falsificazione di documenti.

  • Giovanopoulos
    Rispondi

    Italiani, complessivamente un popolo di m…a, con molte eccezioni come il duo F & F.
    Grazie!

    • GIG
      Rispondi

      concordo in toto.
      e oltretutto crede di essere il n. 1 al mondo

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      Grazie!

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Certo che dietro lo stato che espropria i terreni ci sono delle persone e non delle entità astratte. La nostra posizione è proprio quella che differenzia le persone che comprano da quelle che espropriano. In un regime dove la propietà privata è tollerata, queste ultime possono essere i nuovi proprietari senza titolo, i loro parenti o coloro che hanno pagato la campagna elettorale agli espropriatori. Che evidentemente costava di meno rispetto all’acquisto dei terreni. Una delle tante sfaccettature del mercantilismo che nell’area poltica dovrebbe collocarsi al centro. Perché a destra dovrebbe esserci il liberalismo con il suo rispetto completo della proprietà, non una semplice e un po’ infastidita tolleranza. Insieme al centro, dunque, socialdemocratici, conservatori e corporativisti. In un regime dove la proprietà privata non è contemplata, le persone che stanno dietro allo stato sono gli espropriatori stessi. Cioè i legislatori abusivi.

  • Renzo Riva
    Rispondi

    Promuovere degli eventi con possibilità di degustare e mangiare polenta OGM con formaggi e salami, pannocchie abbrustolite e altro, a pagamento potrebbe essere pure una forma di autofinanziamento e in coincidenza delle sagre paesane.
    Io sono e rivendico di essere un utente consumatore che deve essere messo nella condizione di trascegliere fra le proposte commerciali.
    Il mercato poi s’incaricherà di dare le risposte.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca