In Economia

KeynesDI MATTEO CORSINI

Qualche giorno fa avevo commentato alcune sciocchezze in materia economica da parte di Luigi Di Maio, sospettando che non fosse farina del suo sacco. Osservavo: “Probabilmente gli “esperti” di economia a cui si è abbeverato Di Maio sono quelli che propagano l’idea che gli investimenti ad alto moltiplicatore, ancorché finanziati in deficit, portino a un incremento di Pil e di gettito fiscale tali da ripagarsi”.

Ammetto che non serviva essere un genio per arrivare a tale osservazione. Che, in effetti, pare essere corretta, a giudicare dalle affermazioni di Giovanni Dosi, docente alla scuola superiore Sant’Anna di Pisa, che peraltro tiene a sottolineare: “non sono l’economista dei 5 Stelle”.

Oltre a proporre un aumento dell’Irpef per i redditi superiori a 100mila euro e una patrimoniale che porterebbe un gettito di 200miliardi in cinque anni (roba da mettere definitivamente al tappeto questo malandato Paese), Dosi vorrebbe un aumento del deficit, unico modo per ridurre il debito: “Quando c’è una tale forza lavoro inutilizzata, una tale possibilità di espansione, e il moltiplicatore della spesa pubblica è alto, la maniera per diminuire il debito è, paradossalmente, aumentare il deficit”.

Qui di paradossale credo ci sia solo il fatto che chi fa oggi affermazioni del genere sia docente universitario. Sono alcuni decenni che in Italia c’è forza lavoro inutilizzata, e non si può dire che sia stata del tutto assente la spesa in deficit.

Ora, delle due l’una: o tutta quella spesa è sempre stata fatta male, preferendo quella a basso moltiplicatore (o a demoltiplicatore), nel qual caso è lecito dubitare che d’ora in poi le scelte governative sarebbero più oculate; oppure quella del moltiplicatore è una favola che il buon Keynes raccontò 80 anni orsono e che, nonostante si sia ripetutamente rivelata, appunto, una favola (non solo nel caso italiano), ancora si spaccia per realtà.

In entrambi i casi meglio non dare ascolto a certi “esperti”.

Articoli recenti
Mostrati 8 commenti
  • Alessandro Colla
    Rispondi

    Per alcuni economisti, la migliore cura contro l’alcoolismo è la grappa. Alternata al cognac.

    • Albert Nextein
      Rispondi

      Molti apprezzano anche la sambuca, specie alla mattina nel caffè.

      • Stefano Nobile
        Rispondi

        io ho visto il caffè (ristretto) dentro la sambuca.
        E non nei peggiori bar di Caracas

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Incredibile.
    Basta guardarsi indietro, e vedere che succede in altri posti per capire che è ora di tornare ad usare il buon senso ed abbandonare teorie astruse e insensate.
    Chi sa, fa.
    Chi non sa, insegna.

  • Alessandro Colla
    Rispondi

    E chi non sa neanche insegnare diventa assessore alla cultura.

  • charlybrown
    Rispondi

    Come dice il vecchio adagio popolare, la mamma dei keynesiani è sempre incinta.

  • Ale
    Rispondi

    scusi.. ok sono semplice cittadino che si interessa di capire l’economia da qualche anno. scusi ma non ha spiegato proprio niente.. tutto qui la demolizione del moltiplicatore keynesiano? mi sembra non poco ma quasi nulla. scusi ma non ha spiegato niente. Chi parla del moltiplicatore, di solito analizza la negatività che ci portiamo dietro nell’impatto storico di tutte le scelte e imposizioni degli ultimi 30-50 anni. sia sull’europa che impedisce di fare investimenti, di fare deficit e debito solo a noi (sacrosanto e normalissimo da sempre, gli altri lo fanno facendo crescita), impedendo le sacre svalutazioni della moneta, imponendo il pareggio di bilancio (migliore suicidio bestemmia economica).
    e continuano sull’analisi precedente.. dal suicida e responsabile del debito del divorzio della banca d’italia del 1981 alle sbagliatissime e suicide privatizzazioni.. di solito analizzano molto di più.
    riassumendo .. da tanto tempo ci viene impedito di fare gli investimenti nell’entità che serve, esautorando lo stato nelle sue funzioni base e pure di finanziamento!

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca