In Anti & Politica

alpinidi GIOVANNI BIRINDELLI

Al ministro della difesa Roberta Pinotti è venuta “l’idea di riproporre a tutti i giovani e alle giovani di questo paese un momento unificante”: la leva obbligatoria.

Come si possa “proporre” a qualcuno qualcosa di obbligatorio per lui, io non riesco a capirlo.

A parte questo, disprezzo leggermente di meno lo schiavista che riduce le persone in schiavitù per coltivare i suoi campi di cotone che il burocrate parassita che vuole usare la macchina coercitiva statale per imporre alle persone una schiavitù temporanea suggerendo che sia per il loro stesso bene.

Almeno lo schiavista che ho in mente riconosce esplicitamente la schiavitù come tale e non ha l’indecenza di volerla imporre per il ‘bene della società’, come momento “unificante” (rispetto ai valori del totalitarismo democratico e costituzionale, per esempio).

Articoli recenti
Mostrati 5 commenti
  • Stefano Nobile
    Rispondi

    non capisci che stanno scavando? Questo non capisci? Ah!
    In realtà ai ragazzi di oggi un po’ di naja non farebbe malissimo.
    Ma naja, quella vera, col passo del leopardo in mezzo alla merda di capra, non quello che propone Gianna Pinotti.
    Per imparare a vivere e uscire dal letargo stile PS4 in cui vivono; ma anche perché imparare ad usare un’arma non è esattamente una stupida idea.
    Sarà utile, molto presto temo.

  • Fabio
    Rispondi

    al di là delle intenzioni più o meno nobili (dal ‘forma il carattere’ al ‘prende la patente del camion’ o qualche altra certificazione) serve sopratutto a quel baraccone che sono le forze armate.
    caserme, marescialli, furerie, dormitori… spettri di un passato obsoleto che non ci stanno a finire nel dimenticatoio della civiltà, non vogliono assolutamente mollare l’osso degli appalti pubblici e da bravi parassiti cercano in ogni modo di tornare alla ribalta imponendoti con la forza della legge.
    Tanto gente che non sa che cazzo fare ce ne sta a iosa , mettiamola invece che in albergo in caserma per un anno e facciamo finta di fargli fare qualcosa. Almeno spendiamo qualche altro miliardo di euro, un po’ do leva keynesiana, ecc…

  • Giovanopoulos
    Rispondi

    Tutti in armi per la difesa della “Patria”!
    “Patria”, il nome con cui lo Stato si è fatto chiamare nel secolo scorso per mandare al macello milioni di poveri ragazzi.
    Ps. Con tutto il rispetto per i poveri ragazzi che ci hanno creduto e con tutto il disprezzo possibile per chi glielo ha fatto credere.

    • Fabio
      Rispondi

      concordo in pieno.

  • Pedante
    Rispondi

    L’invasione è già avvenuta.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca