In Economia

DI REDAZIONE

I cripto asset come il Bitcoin presentano rischi per la tutela dei consumatori e in termini di attività illegali, dal riciclaggio di denaro al finanziamento al terrorismo. Ma allo stesso tempo la tecnologia sottostante presenta anche opportunità.

E’ l’analisi del governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, che sul tema è intervenuto nel corso di una riunione del G20. Nonostante l’attenzione del grande pubblico sia di recente rallentata sul Bitcoin e le sue sorelle, i cripto asset e il loro impatto al di là della stabilità finanziaria continuano ad alimentare il dibattito fra i regolatori.

“Non è ancora stato definito” chi dovrebbe regolamentare i cripto asset, dice Visco, mettendo in evidenza come “l’obiettivo adesso è cercare regole comuni”, visto che per ora sono in vigore diverse norme da Paese a Paese. “Continuiamo a monitorare” il settore e, “se necessario, affrontare i rischi emergenti e le debolezze del sistema finanziario” assicura il G20 nel comunicato finale.

Articoli recenti
Mostrati 3 commenti
  • Giovanni Tenorio
    Rispondi

    Sembra una barzelletta. Come dire: a noi piace l’elettricità, ma non ci convincono gli elettroni.

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Hanno paura.

    • eridanio
      Rispondi

      no purtroppo, “noi” razionalizziamo una presunta loro paura perché la logica ci mostra che dovrebbero averne. Al più alzano spallucce ed incasinano la vita al prossimo in cambio di onore sodale e prebende. Siamo noi a vederli cicaleggiare loro si sentono al loro posto per diritto naturale e ci stanno da veri “Maharajah”.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca