SALVINI SI LIMITI A PARLARE DI IMMIGRATI

DI MATTEO CORSINI

Va bene che le sue fonti principali in materia sono Claudio Borghi e Alberto Bagnai, ma sentire Matteo Salvini che parla di finanza pubblica è deprimente.

Oltre a ribadire per l’ennesima volta che “faremo di tutto per rispettare regole e regolette europee ma il rapporto deficit/Pil non è la Bibbia”, che è poi il motivo per cui le rassicurazioni del ministro dell’Economia risultano sempre meno convincenti, Salvini ha detto:

L’economia è solida, il debito pubblico non è un problema e non parlerei di fuga di investitori: se qualche grossa azienda sposta i soldi da un paese a un altro non è un mio problema. Anche io ho incontrato grandi investitori e fondi sovrani, pure arabi: considerano ancora l’Italia un posto ideale in cui investire.”

Le affermazioni sono state fatte in spiaggia a Milano Marittima, e uno potrebbe supporre che siano la conseguenza di un colpo di sole. Se non fosse che cose del genere Salvini le dice a tutte le ore del giorno, in qualsiasi stagione dell’anno.

L’economia sarà anche solida, ma diversi segnai lascerebbero supporre che qualche problema ci sia. Il debito pubblico, poi, è un problema, contrariamente a quello che sostiene Salvini, il quale aggrava quello stesso problema ogni volta che apre bocca o twitta su argomenti che non siano immigrazione o campi rom.

Magari non ci sarà stata una fuga di investitori, ma un’uscita è indubbio che ci sia stata e, piaccia o meno a Salvini, ciò deriva dal fatto che quegli stessi investitori non sono rassicurati dalle conseguenze che una concretizzazione anche parziale dei punti programmatici del governo avrebbe sulla sostenibilità del debito pubblico.

E se è vero che Salvini ha incontrato “grandi investitori e fondi sovrani, pure arabi”, i quali, a suo dire, “considerano ancora l’Italia un posto ideale in cui investire”, probabilmente non si è reso conto che i suoi interlocutori si stavano prendendo gioco di lui.

Come dar loro torto.

Article written by

2 Responses

  1. Albert Nextein
    Albert Nextein at | | Reply

    Vediamo che succede in Turchia e quali ripercussioni avrà sulla solida economia e finanza italiane.

  2. Pedante
    Pedante at | | Reply

    Miliardi che fuggono e milioni che arrivano. Fantastico.

Please comment with your real name using good manners.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *