In Anti & Politica, Economia

di MARGARETH THATCHER

Alcuni socialisti sembrano credere che le persone siano come numeri inseriti in un computer statale. Noi crediamo che debbano essere degli individui. Nessuno è eguale all’altro. Nessuno, grazie al cielo, è come gli altri, ma i socialisti la pensano altrimenti. Noi crediamo che ciascuno abbia il diritto di essere diverso, ma per noi ogni essere umano è egualmente importante. Ingegneri, minatori, lavoratori manuali, commessi, contadini, postini, casalinghe: sono tutte fondamenta essenziali della nostra società.

Senza di essi non avremmo alcuna società. Senza di essi non avremmo alcuna nazione. Ma ve ne sono altri con un dono speciale che dovrebbero potersi giocare le loro chance, perché se gli audaci che scoprono nuove vie nella scienza, nella tecnologia, nella medicina, nel commercio e nell’industria e nelle arti hanno le mani legate, non vi può essere alcun progresso. L’invidia può solo distruggere, mai costruire.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

A ciascuno deve essere consentito di sviluppare le abilità che meglio ritiene di avere, e nel modo migliore che sceglie.

Articoli recenti
Mostrati 5 commenti
  • spago
    Rispondi

    Voglio ricordare anch’io la Tatcher, con Justin Raimondo e Murray Rothbard:

    The “Thatcher revolution” had the same success rate as the “Reagan revolution,” i.e. it never succeeded in rolling back the advancing role of the State in British society, only in slowing its galloping onset to a brisk trot. As British libertarian Sean Gabb points out, as Prime Minister she was a corporatist, rather than an advocate of free enterprise. Worse, from a libertarian point of view, she was a dedicated enemy of civil liberties whose depredations against traditional British respect for individual rights paved the way for the current Orwellian control freaks who have turned Merrie Olde England into Airstrip One.

    https://original.antiwar.com/justin/2013/04/09/the-thatcher-paradox/

  • spago
    Rispondi

    Mrs. Margaret Thatcher came in roaring to the Prime Ministry of Great Britain in May 1979 with the promise of free markets, denationalization, and an end to deficits and monetary inflation. The denationalization has been virtually nil. Deficits continue very heavy; money and price inflation continue at double-digit levels. The only result of Thatcherism has been to stifle economic growth and to bring about a seemingly permanent recession with very high unemployment. In short, Thatcherism has brought about the worst of all macro-economic worlds. Inflation continues high and rampant, along with very high unemployment levels and chronic stagnation. Moreover, the slight fall in income tax rates was immediately more-than compensated by an even greater increase in the VAT (essentially sales) tax. In this way, slight gains for upper income groups were more than offset by increased burdens on the poor and the middle class. If leftists were asked to describe a right-wing Bogey Man, they couldn’t have done better, and with more disastrous results for the cause of economic freedom.

    https://www.lewrockwell.com/1970/01/murray-n-rothbard/the-real-reaganomics/

  • Ciccio Addamurì
    Rispondi

    Iron lady bene o male ha governato, farfallino rosso ha sempre e solo parlato e solide prove delle sue suggestive teorie non ce ne sono. Mi sarebbe proprio piaciuto vedere lui contro i minatori ahahahahah!!!

    • spago
      Rispondi

      Farfallino rosso ha sostanzialmente creato l’anarcocapitalismo e ha dato avvio a tutto quello che c’è di coerentemente libertario in America, da LewRockwell al Mises Institute passando per Ron Paul, ha scritto opere fondamentali di economia, filosofia e storia, e ha ispirato persone in tutto il mondo, compreso il Movimento Libertario italiano. Insomma è un gigante che ha dato moltissimo al mondo e che con capacità a sforzi sovrumani ha costruito un enorme movimento per la libertà.

      Essendo una persona coerente ha criticato anche i politici che si sono spacciati per campioni del liberalismo come Regan e Tatcher.

      Bene o male ha governato poi lo si può dire di chiunque anche di Mussolini o di Stalin, ma mi sa che “governare, bene o male, ma governare” non è esattamente il punto del libertarismo, più il suo esatto opposto.

  • Albert Nextein
    Rispondi

    Era una liberale statalista.
    Non era una libertaria anarcocapitalista.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca