In Anti & Politica

Quando ci chiederanno il green pass sui mezzi di trasporto, al cinema, in un ristorante, in banca, alla posta ecc. a prescindere che la richiesta provenga da un privato, da un controllore o dalle forze dell’ordine, la reazione deve essere quella di pretendere che vengano rispettate le leggi ed in particolare il GDPR sulla privacy.

Video su Rumble: https://rumble.com/vu7qa5-ti-chiedo-il-green-pass-fagli-vedere-i-sorci-verdi.html

Quanto spiegato in questo video è una delle forme di disobbedienza più efficaci, per favore: CONDIVIDETELO, CONDIVIDETELO, CONDIVIDETELO, CONDIVIDETELO!

Il PDF da stampare e portare con sé lo trovate qui:
https://www.difendersiora.it/sorciverdi

Per chi desidera è ancora possibile, per alcuni giorni, iscriversi al ricorso collettivo:
https://www.difendersiora.it/ricorso

E’ ora attivo il sito per incontrarsi, fare amicizia e disobbedire insieme:
https://www.trovarsiora.it

Rimaniamo in contatto sul Canale Telegram:
https://t.me/difendersiora

Video su Youtube :  https://youtu.be/XI85GJlTiK0

 

Recent Posts
Showing 16 comments
  • Shirel Levi
    Rispondi

    Altro che “SORCI VERDI” ! Novità per “RADIO LIBERTA'” LCN 252 canale presente nel Mux Canale Italia Piemonte Ch 53 M.Ronzone (AL). L’applicazione HbbTV risulta ora attiva e avvia in automatico lo streaming della Visual Radio. La stessa cosa avviene sul canale copia “RADIO LIBERTA'” LCN 740. Il canale è trasmesso in HD Nativo. Ecco le immagini:https://www.facebook.com/140921212623400/posts/4791662370882571/

  • Fabio Massimo Nicosia
    Rispondi

    Oppure “SORCI ROSSI”. Mah! Dipende dai punti di vista. Radio Libertà operò a partire dal 14 dicembre 1944 a Callabiana: le prime trasmissioni avvennero dalla frazione Trabbia e proseguirono per diverse sere.

    L’idea nacque nell’ambito delle attività della seconda Brigata Garibaldi, e il contenuto delle trasmissioni è tuttora consultabile; la parte più consistente della documentazione relativa è custodita presso la Biblioteca Civica di Biella.

    • Fabio Massimo Nicosia
      Rispondi

      Si, però devi anche notare che Maurizio Bolognetti, dei Radicali Lucani, da moltissimo tempo collabora con Radio Padania Libera (ora RADIO LIBERTÀ) più che con Radio Radicale. Ed insieme a Bolognetti, anche molti altri. Come per esempio il Prof.Ugo Volli che è i curatore insieme a Deborah Fait, del blog di monitoraggio dei mass-media “Informazione Corretta.com” per analizzare le news (e molti spesso le fake news) che riguardano Israele e il Medio Oriente.

      • Fabio Massimo Nicosia
        Rispondi

        Oltre che con ByoBlu, ovviamente. Anch’io collaboro con ByoBlu e, seppur saltuariamente, anche con Radio Radicale.

    • Fabio Massimo Nicosia
      Rispondi

      Nelle rassegne stampa mattutine di Radio Libertà ampio spazio viene dato a “Libero” & “la Verità” (“la Pravda de noantri”). Francesco Borgonovo è quasi sempre l’ospite fisso.

  • Fabio Massimo Nicosia
    Rispondi

    Credo che tu conosca molto bene.

  • Fabio Massimo Nicosia
    Rispondi

    Toccatevi i sorci https://youtu.be/EEF4TOMg22c

  • Davide Di Castri
    Rispondi

    Daje ai sorcini ! Come direbbe Renato Zero….

  • Davide Di Castri
    Rispondi

    Premetto che Mortebianca, autore del video sia un idiota totale maaaah quí sembra aver visto la luce.
    Facciamo in po’ di scuola per questi aspiranti amministrativi che mi sembrano sempre più confuselli
    https://youtube.com/watch?v=tmnpsoL5rNE&feature=share

  • Davide Di Castri
    Rispondi
  • Davide Di Castri
    Rispondi
  • Davide Di Castri
    Rispondi

    Edizione straordinaria di ByoBlu “in memoria di Luc Montagnier”: https://www.byoblu.com/diretta-tv/

  • Duca Conte Piermatteo Barambani
    Rispondi

    Anzi, dirò di più.
    I “1000” esistono solo sulla carta, sono una pia speranza, un numero simbolico come i 144 mila eletti dell’Apocalisse.
    Sul loro sito c’è un video (solo lombrosianamnte interessante) con tre di loro (uno è il gran capo): il più “settentrionale” è di Cosenza. Sorvoliamo per carità cristiana sul loro “carisma” e sul fatto che paiono occuparsi principalmente del mondo piuttosto (se non totalmente) parassitario della scuola: del resto da Cosenza in giù che puoi trovare di produttivo?
    Se ai arriva all’organigramma troviamo una decina di nomi. Se qualcuno ne sa li più…

    • Duca Conte Piermatteo Barambani
      Rispondi

      Ho sbagliato articolo, andava scritto in: SONO RIUSCITI A FAR PASSARE LA COSA INOSSERVATA. Fa lo stesso.

      • Fabio Massimo Nicosia
        Rispondi

        Un tale scrive che Fusillo e Nicosia stanno approfittando della situazione per fare tante cause.
        Ehm, forse è meglio precisare.
        L’ottimo Fusillo, grande esperto della materia, credo che abbia fatto alcune migliaia di cause (beato lui che è ben organizzato), sicché ne ricavo che il suo studio stia andando piuttosto bene.
        Io non godo di analoga organizzazione, non guadagno nulla, e ho pendenti alcune cause di elevato principio, che toccano i temi centrali della questione, il tutto a mie spese con qualche apporto per i contributi unificati, che nemmeno bastano a coprire le somme richieste.
        Quindi mi guardo bene dal criticare l’ottimo Fusillo, che fa il suo lavoro del tutto legittimamente, solo che io faccio un’altra cosa.
        Quanto agli esiti, basta vedere che pochi giorni dopo la mia approfondita analisi, contenuta nei miei atti, dello stato di emergenza (analisi che non ha fatto nessuno, che non trovate in nessun giornale e che non ha mai proposto così compiutamente nessun avvocato), Sileri ha detto che lo stato di emergenza non verrà prorogato.
        Gli esiti delle mie cause si vedono più sui media che nei tribunali.

        • Alessandro Colla
          Rispondi

          Mi scusi, avvocato. A parte che il sottosegretario che cita Lei è lo stesso che con toni da bullo disse “vi renderemo la vita difficile” (ed è pure un medico!), pertanto non vedo come possa essere affidabile il suo annuncio di non reiterazione dello stato d’emergenza. Ma proprio quest’ultimo ha già superato i termini della Legge 1/2018: ventiquattro mesi che scadevano il trenta gennaio scorso. Non so se nella Sua analisi sia presente l’evidenza di questa aperta violazione. Non sarebbe comunque il caso di suggerire ai Suoi colleghi operanti nei tribunali di presentare adeguate denunce nei confronti di chi ha violata la succitata legge? La ringrazio se vorrà fornirmi una risposta in merito.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search