In Economia, Esteri

DI TICINO LIVE*

Malgrado non se ne parli più come durante la scorsa estate, la situazione del debito negli Stati Uniti è una catastrofe che si annuncia a livello globale se Washington non agirà per arginare il problema. E’ quanto ha affermato sabato Charles Dallara, direttore generale dell’Istituto della Finanza internazionale.

“Considerando il deficit di bilancio americano, è chiaro prevedere che accadrà un incidente serio, negli Stati Uniti e nel mondo intero – ha dichiarato il presidente di questa organizzazione bancaria mondiale.
Stando alle stime del Fondo monetario internazionale, il debito pubblico ha sorpassato nel 2011 il prodotto interno lordo del paese e dovrebbe aumentare oltre il 107% del Pil quest’anno.
L’Ufficio del bilancio del Congresso degli Stati Uniti ritiene che il presidente Barack Obama dovrebbe concludere il suo mandato allineando quattro esercizi di bilancio con un deficit superiore a 1000 miliardi di dollari.
I maggiori detentori del debito pubblico degli Stati Uniti sono sia americani che esteri. Negli anni 2000, nel grafico del debito la Cina ha progressivamente soppiantato il Giappone.

Lo scorso 12 gennaio il presidente Obama aveva chiesto al Congresso un nuovo aumento del tetto del debito, che oggi si situa attorno a 15mila 340 miliardi di dollari.
Il presidente aveva trasmesso ai presidenti della Camera dei rappresentanti e del Senato una lettera per notificare che rimanevano solo 100 miliardi di dollari di margine prima di raggiungere il tetto massimo del debito, fissato a 15mila 194 miliardi.

 

 

* Link all’originale: http://www.rischiocalcolato.it/2012/02/debito-pubblico-negli-stati-uniti-una-catastrofe-annunciata.html

 

Articoli recenti
Mostrati 22 commenti
  • Borderline Keroro
    Rispondi

    Se non eleggono Ron Paul arriverà una catastrofe.
    Se lo eleggono l’establishment e le elite riceveranno una bella rapata.
    Ergo Ron Paul non verrà eletto.

  • iano
    Rispondi

    Il mantenimento di tutto il sistema militare ha un costo enorme,inoltre vanno a “ficcare”il naso dappertutto con missioni belliche in quasi tutto il mondo,queste missioni hanno un costo gigantesco,ed è una spesa passiva in quanto non produce reddito.E” inevitabile che col tempo tutta questa spesa si trasformi in debito pubblico.Per sostenere questa spesa lo Stato USA chiede prestito alle banche,con l,incertezza della restituzione…Credo che gli Americani dovrebbero fare un passo indietro,ritirare e cessare missioni militari inutili,meno arroganza,e snellire la macchina militare.Ricordando sempre che anche una potentissima “portaarei”(l,America) può affondare !!

    • FrancescoPD
      Rispondi

      Se la storia come di solito tende a ripetersi, dopo un lustro o un decennio di crisi possiamo vedere la 3^ guerra mondiale,.. ci sono già ora tutti i presupposti.
      Dobbiamo ancora capire se sarà una guerra fisica o se la ridurranno a guerra economica,.. ma un fatto è certo, il reset violento ci sarà e non sarà localizzato grecia, italia, portogallo, cina o altro, il reset violento sarà, dovrà essere planetario, come fu per la 2^ guerra mondiale che ridisegno gli equilibri.
      Gli US sono una spanna avanti, anzi anni luce avanti, hanno una visione politica d’insieme e un governo che governa il cambiamento e non lo subisce, non come in europa arroccato al medioevo e a mantenere lo status quo.

      • antonio
        Rispondi

        gli US sono anni luce avanti agli altri solo nell’avvicinamento al BARATRO!
        sono schiavi della cricca parassita militar-industriale (le guerre non servono a liberare il mondo come dice la dx, non servono a conquistare risorse e mercati come dice la sx, servono solo a pappare risorse pubbliche), sono intolleranti, ideologici, vogliono schiacciare chiunque non la pensi esattamente come loro, stanno sul cazzo al mondo intero… la cina si espande facendo contratti, fregandosene degli altrui governi o culture, senza colpo ferire e senza creare baratri di debito pubblico… gli US (trogloditi idioti) devono fare guerre… e noi appresso!

        • FrancescoPD
          Rispondi

          …ecco mancava la solita farneticazione

      • fabio (da roma)
        Rispondi

        secondo me, sarebbe un bel primo passo il licenziare in tronco (senza scivoli, buonuscite ed amenità simili) TUTTI i dipendenti di tutte le forse armate con oltre 40anni, tutti coloro nati prima del 1/1/1972 !

        senza se e senza ma, senza riserve di gradi, servizi speciali, ecc…

  • iano
    Rispondi

    Buttando la bomba Atomica sulla testa dei giapponesi non è certo una eroica vittoria!!!ma una vigliaccata…Con l,Atomo tutti sono capaci di vincere le guerre,(non è che per caso i Giapponesi erano più forti ??)L,America è forte e muscolosa,pratica il bullismo nel mondo,questo non tutti lo gradiscono…La 3° La 4° la 5° guerra Mondiale non mi fa nessuna paura…tanto siamo tutti “condannati”a morte,e solo questione di tempo……..

  • michele lombardi
    Rispondi

    gli USA come ultimo esperimento di una nazione cristiana sono finiti.
    qualsiasi cosa si sia basata su un basamento cristiano e’ finito in macerie, poiche’ si parte con:

    siamo colpevoli
    siamo sporchi
    da soli non contiamo nulla
    solo dio (quel porco) conta
    dio e’ padrone di tutto
    noi essendo la terra promessa di tutto siamo proprietari di tutto
    noi abbiamo diritto come figli prediletti di dio a prendere e distruggere tutto
    noi abbiamo dio dalla nostra
    dio in sogno mi ha detto di attaccare l’Iraq (G.W.Bush 2003)
    e altri deliri cristiani

    • Von Rezzori
      Rispondi

      I tuoi sono solo ragionamenti da paranoico, oltrettutto ignorante. La tua beastemmia la dice lunga sul miserabile personaggio che sei. Se c’è una nazione che non ha nulla di criistiano , quella è proprio l’America, a meno che non si ritengano cristiani i cosiddetti “cristiano-sionisti” vera quinta colonna dell’autentico potere che domina gli usa : quello sionista.

      • michele lombardi
        Rispondi

        ma fammi il piacere,

        Bush, Romney, Santorum… tutti sionisti!!!!
        Santorum ieri ha detto che ha il vomito a pensare quando JFK separo’ lo stato dalla chiesa!!!!
        in alcuni stati la biologia e’ spiegata con la bibbia e non con la scienza.
        roba da deliri medioevali.

        sei un cattolico intollerante che come gli statalisti, a statalismo fallito, dice bisogna che ci sia piu stato!

        siccome gli USA fanno schifo, grazie al determinismo cristiano adesso dite che gli USA non sono cristiani, ma ebraici…. ma per favore!!

  • Temujin
    Rispondi

    Tutto ok.

  • Miguel son mi
    Rispondi

    Commenti come quelli di Michele Lombardi fanno cadere le braccia : a parte la bestemmia (gratuita) sostenere che gli usa sono un esempio, sia pure fallito di “nazione cristiana” è semplicemente ridicolo. Solo un crasso ignorante può sostenere una bestialità del genere. Gli usa sono, semmai, il contrario del paese cristiano, sono il paese dell’individualismo sfrenato, del denaro come obiettivo, del profitto a tutti i costi. Ossia valori tipicamente ebraici dei quali gli usa sono completamente impregnati. Non è un caso che la lobby a se punte abbia trovato lì la sua terra d’elezione.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      un deficiente, se va avanti così, lo azzero

  • antonio
    Rispondi

    miguel,
    “sono il paese dell’individualismo sfrenato, del denaro come obiettivo, del profitto a tutti i costi”…
    appunto! il CRISTIANESIMO PROTESTANTE, specie la variante calvinista-metodista.
    e poi il cristianesimo è figlio dell’ebraismo in molte sue componenti.

    • andrea
      Rispondi

      Anche in america latina il sentimento religioso è molto diffuso, e sono in stragrande maggioranza cristiani cattolici e protestanti/evangelici, eppure non mi pare proprio che ci sia un individualismo sfrenato, o che abbiano tutti un culto fanatico del denaro a tutti i costi. Ovviamente PECUNIA NON OLET, il denaro piace più o meno a tutta l’umanità “civilizzata”, anche ai sudamericani, ma non più di quanto possa piacere ai cinesi, o agli arabi, che di certo non sono per niente cristiani!

      • antonio
        Rispondi

        in sudamerica è l’IPOCRISIA religiosa ad essere diffusa (e per fortuna!), tutti credono in dio e gesù ma se gli chiedi “ma gesù cosa diceva?” ti fanno scena muta! ahah!
        il cattolicesimo è stato solo nominale, i culti afro sono amorali e se senti le innumerevoli messe evangeliche in tv ti promettono soldi e successo individuale!
        i sudamericani sono estremamente individualisti, egoisti.
        ciò non toglie che possono essere ospitali e generosi… ma poi se gli gira male ti rubano tutto!
        è che non conoscono ancora il vangelo libertario, non hanno capito la “naturalità della proprietà privata”, nè la loro nè la tua… più che altro c’è la naturalità del FURTO, ahah!
        ve ne racconto una stupenda!
        un amico italiano vive in brasile in un quartiere ricco. si accorge che la bolletta della luce è eccessiva. scopre che il vicino (ricco: pensionato ufficiale dell’aeronautica) si è attaccato al suo impianto. va dal vicino e lo chiama ladro. il vicino va alla polizia e lo denuncia. testo della denuncia “il signor rossi mi ha chiamato ladro perchè GLI RUBO la luce”.
        ahahahahahahah!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

        • andrea
          Rispondi

          “messe evangeliche in tv ti promettono soldi e successo individuale!”

          Gli evangelici USA non sono molto diversi!

          • antonio

            ma infatti sono tutte chiese provenienti dagli usa… per strada vedi spesso “missionari”, giovani alti, magri, bianchissimi, biondissimi, capelli rasati a zero, giacca e cravatta nere (con 40 gradi), provenienti dal tennessee…

  • michele lombardi
    Rispondi

    ma quale individualismo, ma quale privato, ma quale liberalismo…

    tasse al 60% e oltre tra tasse dirette e VAT, debito pubblico alle stelle e milioni e milioni in welfare state per tutta la vita.

    informatevi prima di parlare.

    le mie non sono bestemmie. dio non esiste quindi offendere il nulla non offende nessuno.

    • andrea
      Rispondi

      Ma si può sapere che cavolo di relazione ci sarebbe tra tasse, welfare e cristianesimo(che poi in USA c’è pochissimo welfare, magari fosse come dici tu!)?

  • michele lombardi
    Rispondi

    in USA c’e’ uno statalismo inimmaginabile.
    chi vive di social e ebt non ha alcun incentivo a lavorare.
    fino al febbraio 2012 con le tessere ebt era possibile pagare anche i casino’….
    sostanzialmente il consumismo americano e’ tutto drogato.
    la fascia realmente produttiva degli USA e’ compresa tra il 4 e 7 % della popolazione.
    il debito di stato, agenzie, contee, stati, citta, sommato fa il 700% del GDP.

    fate voi

  • daniele
    Rispondi

    Cavoli non sapevo che in questo forum si potesse uscire dall’argomento ….ragazzi ve lo chiedo gentilmente cerchiamo di commentare il succo dell’articolo e di lasciar perdere altri temi…grazie!
    Cosa possiamo dire del debito pubblico USA!? Mah…se devo essere sincero penso che siamo arrivati al grande crack e che nessun altro presidente (se lo si vuole chiamare cosi’) possa cambiare in meglio la situazione!
    Parliamoci chiaro: le banche comandano i governi e non viceversa, chi sta al Congresso o in Parlamento nazionale di una qualsiasi nazione è corrotto, è complice…avete mai visto un parlamentare su questa terra remare in modo deciso contro gli istituti bancari?!
    SALUTI
    CIAO LEONARDO

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca