In Anti & Politica

DI LEONARDO FACCO*

La campagna elettorale è iniziata da tempo. Da un lato, c’è Silvio Berlusconi VI, che ha già saturato l’etere con la sua ingombrante – e per molti aspetti ridicola – presenza. Dall’altro, c’è Pierluigi Bersani, uomo dell’apparato post-comunista, che ha riempito per settimane le cronache grazie alle “Primarie” di partito, che lo hanno consacrato “primo ministro” in pectore. A latere, ma non troppo, c’è Beppe Grillo, pirotecnico outsider e gran musa di un movimento in cerca di gloria, che acchiapperà una montagna di voti. Nel bel mezzo del cammin delle elezioni, però, c’è anche Fantomas, alias Mario Monti, il premier uscente che il partito lo fa, ma anche no, che si candida a governare, ma anche no, che ha un’agenda politica, ma anche no perchè pare gliela abbia scritta Pietro Ichino. Spietato, dotato di intelligenza diabolica, abilissimo nei travestimenti e megalomane, il professore – con la consulenza di un esperto in materia, Pierparassita Casini – organizza intrighi delittuosi complessi, ma con fini ambiziosi.

Con l’avvio del marchingegno elettorale, la stampa partigiana ha dato subito fuoco alle polveri. Il trend mediatico futuro sarà questo: quelli a libro paga del tycoon di Arcore torneranno ad applicare il “metodo Boffo” contro gli avversari; quelli stipendiati dello Stato – direttamente o indirettamente – faranno la pelle a Grillo, Berlusconi e frattaglie; quelli del gruppo Repubblica-l’Espresso riproporranno al loro nemico di sempre le solite dieci domande.

Fare domande è, per chi fa di mestiere il giornalista, una cosa lecita e doverosa, ma state pur certi che se per quasi tutti i contendenti lo scranno di Palazzo Chigi sarà usato lo scudiscio, per Mario Monti – che a naso temo sarà il prossimo presidente del Consiglio – verranno usati i pannicelli caldi: qualche appunto non troppo molesto al suo operato, fingendo indipendenza e rigore professionale, ma a seguire molti ossequi, complimenti, pacche sulla spalla e, di tanto in tanto, qualche critica inzuccherata. Nelle sacrestie di redazione sanno bene che “l’uomo del Monti” è permaloso ed arrogante.

Dalle pagine di questo giornale, libero da soggezioni e padronanze, mi permetto di rivolgere due interrogativi brevi – non senza dettagliata premessa – al cattedratico milanese, che dopo aver spergiurato di lasciare la politica al termine della sua esperienza “tecnica”, ce lo ritroviamo nuovamente tra le palle. Eccole.

1- Signor Monti, i dati Istat ci dicono che il Pil nel 2012, è precipitato ad un -2,3%, contro il +0,4% del 2011. L’Italia non era in recessione nel 2011, con lei il 2012 è stato l’anno primo della recessione peninsulare. I consumi sono precipitati da -0,9% nel 2011 ad un -3,2% nel 2012, ma secondo alcune associazioni di consumatori  arriveranno ad un -5% già ad inizio 2013. L’inflazione nel 2012 ha toccato il 3,3%, era al 2,8% nel 2011. La produzione industriale è crollata, grazie alle ricette del suo governo, a -4,8% rispetto al mese di settembre del 2011. Le aziende serie lasciano questo paese per trasferirsi all’estero. Con loro anche i capitali. La disoccupazione è, ufficialmente al 10,6% (2.800.000 persone, con un aumento di 609.500 unità), esclusi i cassintegrati, che non entrano a far parte delle statistiche dei senza lavoro. Era all’8,4% nel 2011. Per la Bce – notoriamente vicina a lei – è pari al 12%. I giovani senza occupazione sono il 35%. Nel 2011 erano il 27,9%. Le imprese a rischio chiusura nel 2012, per Bankitalia, erano 1 su 3, per Confcommercio 150 mila. Lei è stato nominato per porre rimedio al debito pubblico insostenibile di questo malconcio stivale. Un anno a Palazzo Chigi ha fatto superare il record di 2000 miliardi di euro, 80 miliardi in più rispetto al suo insediamento, facendolo schizzare al 126,5% del Pil. Un aumento del 6,5% rispetto al 120% del 2011. Ancora: la fiducia dei consumatori è scesa ai minimi storici. Nell’ultimo anno, in Italia, gli stranieri hanno investito un decimo di quanto han fatto in Macedonia. L’utilizzo dei prodotti petroliferi è tornato indietro di mezzo secolo, agli anni precedenti il boom economico italiano. Con lei sono in picchiata le accensioni di mutui per l’acquisto di case: -40% nel dicembre 2012 rispetto al dicembre del 2011. Infine, a ridosso del Natale del 2012, il 29% della popolazione italiana risultava statisticamente inserita tra coloro che “vivono ai limiti della soglia di povertà”. Tutto questo ben di Dio, grazie anche all’ennesima, inutile riforma delle pensioni (che ha lasciato decine di migliaia di persone senza lavoro e senza soldi, i cosiddetti “esodati”) e ad una pressione fiscale che è aumentata di diversi punti percentuali in un solo anno. Nonostante questa sequela di “successi” da spavento, lei ha insistito con la stralunata litania secondo la quale avrebbe “salvato l’Italia”.

Vengo alla domanda: ma non si vergogna?

2- Signor Monti, dopo aver attentamente ascoltato le sue uscite pubbliche, soprattutto da settembre in poi,  sono andato a sbirciare Wikipedia. Secondo la celebre e democraticissima enciclopedia online, “la psicopatia è un disturbo mentale caratterizzato principalmente da un deficit di empatia e di rimorso, di  emozioni nascoste, di egocentrismo ed inganno. Gli psicopatici sono fortemente propensi ad assumere comportamenti devianti e a compiere atti aggressivi nei confronti degli altri. Spesso gli psicopatici sembrano persone normali: simulano emozioni che in realtà non provano, o mentono sulla propria identità”.

Vengo, dunque, alla seconda domanda: lei si ritrova in questa definizione scientifica?

La ringrazio per l’attenzione sua maestà, attendo le risposte.

 

*Link all’originale: http://www.lindipendenza.com/domande-mario-monti-facco/

 

Post suggeriti
Mostrati 10 commenti
  • Parla come Mangi
    Rispondi

    Bello, però hai dimenticato i cretini che gli danno retta.
    Quelli che disturbo hanno della personalità oltre ad essere patologicamente cretini?

    • alice
      Rispondi

      Hai proprio ragione.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      O FURBI? INTRALLAZZATORI? AVIDI DI POTERE?

  • Marco Tizzi
    Rispondi

    Accreditato del 15%.
    Più che psicopatico lui mi pare che si stia assistendo al più importante caso di sindrome di Stoccolma massivo della storia.

  • Stefano Nobile
    Rispondi

    Secondo me, dopo questo articolo, ti ritroverai una testa di cavallo mozzata nel letto.

    • leonardofaccoeditore
      Rispondi

      :-)

  • Alessandro
    Rispondi

    In un periodo storico diverso gli avrebbero staccato la testa dal collo senza star troppo a discutere

  • Antonino Trunfio
    Rispondi

    non temete gente. Fidatevi, ogni epoca partorisce il suo Davide, quello che pianta un sasso in fronte al gigante. E lo manda all’inferno. Sarà cosi anche per il sobrio rag. Mariugo Montozzi e la sua corte dei miracoli

  • al
    Rispondi

    Questo pervertito che se la canta e suona da solo ha aumentato le tasse e avviato una era e propria guerra alla proprietà privata e non avendo fatto nessun vero sforzo per tagliare un cazzo di niente, a spesa pubblicai invariata gli interessi sul debito sono aumentati, anche in conseguenza del calo dei consumi e quindi del PIL e una volta superata la soglia temporale aumenterà anche l’ammontare totale del debito consolidato. Il pervertito continua a sostenere che ciò è necessario per ottenere una ripresa, addirittura ha detto che “sarebbe da stolti non ammettere che nell’immediato gli effetti sono stati peggiorativi”…È questo che fa sospettare di schizofrenia.
    Se tanto il debito doveva aumentare tanto valeva tagliarle le strafottute tasse, come promesso per decenni da tutti i governi di merda, l’effetto sul debito è lo stesso, ma quello sui consumi e sul PIL è ovviamente inverso, stimolante invece che deprimente. No? Troppo semplice? Indegno di un bocconiano o di un qualunque laureato del cazzo? La mia impressione è che si tratti sempre e solo di fuffa, per impressionare la gente ignorante, politicanti compresi, e mascherare fini politici diametralmente opposti.

  • Marco
    Rispondi

    Complimenti per l’articolo, veramente.
    Neanche il peggior Berlusca ha mai avuto una tale faccia di culo tale da gridare ai quattro venti di aver salvato l’Italia, quando TUTTI I NUMERI dicono il contrario.
    Parafrasando al contrario Churchill, “mai così poche persone hanno fatto così tanto male a così tanti individui in così poco tempo”.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

statua libertà