In Anti & Politica, Economia


Cambogia. Campo di Sterminio di Choeung. Vota PD: ti troverà un posto nelle teche.

DI GIUSEPPE SANDRO MELA*

Suvvia, non fate i timidi. Sono anni che tutti i bravi cittadini di credo comunista o, più in generale, di sinistra, si strappano i capelli perché saremmo finiti nelle mani adunche e grifagne dei banchieri.

Banchieri razza perversa, maledetta, mai sufficientemente esecrata, affamatori del popolo, tesi esclusivamente al loro misero e stramaledetto tornaconto ed illecito guadagno: in poche parole, i prototipi dei Kapitalisti! La quintessenza del male.

Quindi, per sfuggire alla morsa di codesta genia la panacea sarebbe una soltanto: votare PD.

Solo il PD vi difende dalle banche kapitaliste.

PD: grande nome, grande tradizione. PCI, poi Quercia, poi Pds. Gli eredi degli sterminatori di oltre centocinquanta milioni di esseri umani: coloro che assistettero compiaciuti al massacro cambogiano indicando agli italiani quel regime come il loro obiettivo politico. Grande tradizione di miseria ed assassinio.

Quelli del furto e del peculato se ne fanno un baffo. Fossero onesti, mica militerebbero in quel partito!

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Ma da sempre anche una grande tradizione di collusione con il mondo finanziario.

  Il PD é Monte Paschi Siena.

«Pubblico è bello, se comando io». E come non si potrebbe essere ultrastatalisti sfegatati quando ci si guadagnano paccate di soldi? Al punto tale che si impossessarono di una grande banca per gestire i loro affarucci: Monte Paschi Siena, tramite la Fondazione che la governa.

Fu la vacca da mungere, l’agone dove perpetrare tutte le nefandezze finanziarie che a parole imputavano agli altri.

La telefonata del luglio 2009 che ora incastra il dr. Giuseppe Mussari fu registrata da mano provvida. Guarda caso, coinvolge anche Nomura.

Decine di anni di bilanci falsi, una dirigenza rigorosamente comunista doc, con tessera Stella di Lenin in tasca, e proprio per questo di sublime incapacità: tanto da portare Mps al fallimento.

  Fallimento Mps? No problem.

  Sono o non sono statalisti? «Pubblico è bello!».

Bene, che lo stato ripiani i debiti e non rompa il giocattolo di don Bersani, capo-cupola dei faccendieri.

E giù, poco tempo fa, 3,9 miliardi del contribuente nelle caditoie senesi.

Non bastano? Ancora stato: «Per uscire dalla crisi serve più Stato»: parola di Bersani. Indovinate l’uso che ne farebbe?

Adesso che state pagando di tasca vostra, sì, l’Imu che avete versata é servita a dare qualche mese di respiro ai compagniucci, vi sentite un po’ meglio?

Non fatevi proprio nessuna illusione, ma nessuna.

Il buco supera allegramente i trecento miliardi:

vota PD, sanerai Monte Paschi Siena.

«Il Pd c’entra in questa vicenda. Ha sempre avuto molta influenza attraverso la Fondazione sulla banca e sulla vita politico-culturale (di Siena)»

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

«Fenomeno storico, meno forte in questi ultimi anni, della commistione tra banche e politiche che va ulteriormente sradicato».

f.to: prof. sen. Mario Monti

Nota.

E siamo nel clima agrodolce pre-elettorale: quello dei sondaggi taroccati, delle promesse mirabolanti. Poi verrà a galla tutta la verità: ed allora sì che avrete l’immenso onore di pagare i conti del PD.

E adesso, sotto anonimi comunistelli e statalisti da strapazzo, insultate pure a destra e manca, sputate il vostro rabbioso veleno, la bile che trasborda la vostra povera cistifellea.

Lo so che tanto non ce la avete come me, ma piangete calde lacrime sul fu Monte Paschi Siena: «Pubblico è bello!» e vorreste continuare a strangugiarvi nell’orgia del denaro pubblico che trova alla fine naturale collocazione nelle vostre tasche. Ma non c’é nemmeno più mezzo centesimo.

 

*Link all’originale: http://www.rischiocalcolato.it/2013/01/su-caproni-che-belate-che-comandano-le-banche-votate-pd-il-partito-che-e-una-banca-mps.html

 

 

Post suggeriti
Mostrati 3 commenti
  • Sigismondo di Treviri
    Rispondi

    Quando Lenin andò in Russia a prendere il palazzo d’inverno, ci andò in un vagone blindato con il portafoglio pieno di soldi dei banchieri Warburg. La famosa presa del Palazzo d’inverno, altro non fu che l’occupazione del medesimo da parte di un gruppo di Mugik affamati che, pagati dall’eroe Ulianov, si accalcarono nelle sale del famigerato palazzone. La successiva guerra tra rossi e zaristi fu fatta con le armi comprate utilizzando i soldi dei soliti Warburg. Il tutto perchè l’amico Romanov aveva rotto le scatole a qualcuno con i progrom. Da allora i comunisti, sia quelli che dichiarano di esserlo, sia quelli che si nascondono dietro finte sigle, come quelli italiani, nei confronti dei banchieri hanno un enorme debito di riconoscenza. Ma non solo. Se si permettessero di non chinarsi con la lingua penzoloni di fronte a loro, a qualcuno di questi gli si potrebbe finalmente sciogliere la lingua e potrebbe spifferare ai quattro venti come sono veramente andate le cose nella “Gloriosa” rivoluzione bolscevica e raccontare la verità sul perchè è avvenuta. Quindi, cari italioti, pagate e zitti, altrimenti qualcuno potrebbe scoprire qualche altarino di troppo e potremmo venire a conoscienza di essere stati presi per i fondelli da quasi cento anni.

  • iano
    Rispondi

    La mia modesta intelligenza è bastata per capire quanto danno hanno fatto a questo paese.La loro ispirazione è sempre quella di trasformare L”Italia come Cuba,con una famiglia per padrone (vita natural durante) e un popolo povero e succube,se qualcuno parla male di Fidel,gli danno l,ergastolo!!Questo è il comunismo,questo vuol dire PD.Ma la cosa più incredibile è,che c,è tanta gente che continua a regalargli il voto!! (Italiani strana gente)…….

pingbacks / trackbacks
  • […] ha scritto benissimo anche Giuseppe Sandro Mela in: Su, caproni che belate che comandano le banche, votate PD, il partito che è una banca: MPS: “Banchieri razza perversa, maledetta, mai sufficientemente esecrata, affamatori del popolo, […]

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca