In Anti & Politica, Libertarismo

DI STEFANO MAGNI*

Dari Tjupa è un giovane trentenne che, quando lo vedi, ti ricorda immediatamente due film. Il primo è Terminal, di Steven Spielberg, con un Tom Hanks che interpreta un uomo dell’Est europeo privo di cittadinanza (perché il suo Paese ha cessato di esistere) e dunque prigioniero del terminal di un aeroporto americano. Dari Tjupa è nato in Unione Sovietica, ma l’Urss non esiste più. È cresciuto in Estonia, ma non avendovi vissuto abbastanza a lungo ha perso anche quella cittadinanza. Vive a Milano, ma, dopo 13 anni, non ha ancora ottenuto la cittadinanza italiana. È apolide, ma non gli è ancora stato riconosciuto questo status. Da apolide non riconosciuto, non può avere un contratto di lavoro, è prigioniero dell’Italia, non potrebbe neppure sposarsi. Il secondo film che ricorda è La ricerca della felicità di Gabriele Muccino, con un Will Smith che vive da clochard, ma studia per diventare un finanziere. Anche Dari ha vissuto in aeroporto, ha dormito in un rifugio della Caritas Ambrosiana, eppure è un giovane distintissimo, che ama il mercato e studia alla Bocconi, dove sta per laurearsi. Ringrazia «un uomo straordinario, Salvatore Grillo, che si occupa dei diritti allo studio – ci spiega in un italiano perfetto – È lui che ha parlato di me al vicedirettore della Caritas Ambrosiana, il dottor Gualzetti, che mi ha trovato un posto».

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Ma Dari rifiuta di essere un povero da aiutare. Non è nella sua filosofia. Si definisce un appassionato di Ayn Rand (la “profetessa” del libero mercato) e «da apolide, chiedo semplicemente allo Stato di lasciarmi in pace, di lasciarmi lavorare. Che non si metta in mezzo fra me e i potenziali datori di lavoro che vorrebbero assumermi». Avendo conosciuto molte persone bisognose, non ritiene che il governo debba avere un ruolo sociale: «Lo Stato deve comunque farsi da parte, perché tra i nuovi poveri ho trovato persone perbene, ex titolari di piccole aziende, fallite a causa dell’eccessivo peso del fisco. E poi, fra i clochard, ci sono quelli che scelgono di esserlo e anche loro sono disturbati dallo Stato: vessati dalla polizia, anche se non stanno facendo del male a nessuno». La Caritas, spiega, è un ente privato: «Nell’ex Unione Sovietica, dove tutto era nelle mani dello Stato, non avrebbe potuto esistere. E i poveri morivano di freddo, per strada».

Ma la filosofia liberale non è quella dei “soli ricchi”? «Alcuni uomini si sono arricchiti solo grazie allo Stato, a spese degli altri. È nei loro confronti che, nell’opinione pubblica, cresce un rancore giustificato. Ma in uno Stato minimo vi sarebbe molta meno ostilità: la ricchezza sarebbe legata alla produttività». In ogni caso: «Anche se dormo in un dormitorio e mangio alla mensa dei poveri, la visione di un uomo distinto che scende da una bella macchina, mi infonde coraggio. Ciò che mi preoccupa di più è la diffusione dell’invidia, anche in Italia, come nell’ex Urss. L’Unione Sovietica avrebbe dovuto essere una società egualitaria, ma ci si invidiava anche per un appartamento un po’ più grande, per una televisione, per un pezzo di carne in più». L’individualismo, invece, «non va vissuto come un sistema di prevaricazione. Puoi vivere la tua vita, perseguire i tuoi interessi e rispettare il prossimo. È il collettivismo, semmai, che realizza l’incubo dell’homo homini lupus, perché pone ciascun uomo contro tutti gli altri in una continua lotta di sopravvivenza».

 

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

*Link all’originale: http://www.lintraprendente.it/2013/02/il-bocconiano-clochard-che-rifiuta-lassistenza-di-stato/

 

Post suggeriti
Mostrati 4 commenti
  • myself
    Rispondi

    “È cresciuto in Estonia, ma non avendovi vissuto abbastanza a lungo ha perso anche quella cittadinanza. Vive a Milano, ma, dopo 13 anni, non ha ancora ottenuto la cittadinanza italiana. È apolide, ma non gli è ancora stato riconosciuto questo status.”

    “eppure è un giovane distintissimo, che ama il mercato e studia alla Bocconi, dove sta per laurearsi.”

    È possibile essere iscritti ad un’università senza avere alcuna cittadinanza né essere riconosciuti come apolidi? Mi sembra davvero strano, visto che uno straniero che si voglia iscrivere all’università deve presentare tutta una serie di documenti per attestare la sua provenienza.

  • Parla come Mangi
    Rispondi

    Bravo, hai detto bene, sono proprio come nei films che hai visto.
    Peccato che la realtà sia ben diversa e decisamente mortificante anche se celata dall’orgoglio di un clochard.
    Poi vorrei che spiegassi cosa si intende per produttività che non sia la solita salsa del o si lavora di più oppure si guadagna di meno.
    Sai perchè cercare dei proseliti con queste premesse significa andare in giro a cercare dei fessi e personalmente ritengo che non sia proprio il periodo giusto per fare bingo.

  • Rispondi

    Questo post mi ricorda di due zie zitelle di mia madre che abitavano nell’Missouri che quando giunsero all’età per cui avevano diritto ai pagamenti pensionistici della social security li rifiutarono per i seguenti motivi:

    1)

  • Rispondi

    Scusate

    1) Perchè frutto della politica di FDR il grande satana per le due vecchie signore Republicane (il partito di Lincoln) dalla nascita.

    2) Perchè pensavano di non averne diritto in quanto, secondo loro, non guadagnati.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca