In Anti & Politica, Economia, Esteri

Molti là fuori si stanno chiedendo se i governi e le grandi banche andranno in default… Secondo me è una domanda sbagliata, perché sono sbagliate le premesse. La vera domanda che dovremmo porci è: i governi falliti e le grandi banche in bancarotta potranno evitare il default? La risposta è ovviamente NO. Andranno in default. Soprattutto se pensate agli USA che hanno circa $222 bilioni di passività non finanziate; è ovvio, quindi, che andrà in default. Le grandi banche contano sul sostegno del governo per rimanere solvibili, di conseguenza saranno investite anch’esse dall’ondata di fallimenti dei vari governi mondiali. Sarà un male per i contribuenti? Di certo no. Sarà un male per l’establishment politico e bancario? Potete scommetterci! Per loro sarà devastante. Sarà un male per i burocrati? Assolutamente sì, perderanno il loro lavoro. Sarà un male per le persone che dipendono dal welfare statale? Per un certo periodo sì, ma la necessità è la madre di tutte le invenzioni. Questo problema è stato a lungo ignorato dai media mainstream, ma sta arrivando. Si spera che coloro che hanno prestato denaro al governo imparino la lezione: mai fidarsi delle promesse basate sul denaro fiat.

___________________________________________________________________
DI BILL BONNER*

Azioni, obbligazioni, oro – tutti hanno rimbalzato la scorsa settimana.
E come abbiamo detto Venerdì, gli americani continuano a trasformarsi in “neo-servi della gleba.”
“Wall Street sta giocando ad un nuovo gioco del profitto,” scrive Shabnam Bashiri su Salon.com, “comprando case pignorate ed affittandole di nuovo ai vecchi proprietari.”
Sì… bel business. Ancora meglio di quello che sembra. È per questo che i ricchi diventano più ricchi… e l’1% è più avanti rispetto al restante 99%. Scrive Bashiri:

Sembra che ogni giorno escano nuovi report a favore della ripresa immobiliare. In Georgia i prezzi delle case sono in crescita del 5% rispetto allo scorso anno, un anno in cui abbiamo avuto anche uno dei più alti tassi di pignoramento nel paese. Sembra un po’ strano, non è vero? I pignoramenti di solito non fanno scendere il mercato?

Questo perché la “ripresa” immobiliare, così come lo chiamano, è alimentata quasi interamente da aziende private di Wall Street, hedge fund e dal sostegno incrollabile della FED. Dopo aver creato una bolla enorme nei prezzi delle case, che alla fine è scoppiata e ha fatto andare in tilt la nostra economia, questi tipi hanno deciso di tornare per fare più danni e hanno trovato il modo di trarre profitto dalle loro distruzioni – dando le case pignorate in affitto e cartolarizzando i canoni di locazione…

Il Blackstone Group, il più grande giocatore nel mercato degli affitti, ha speso $2.5 miliardi lo scorso anno per acquistare 16,000 case, un numero che ammonta a più di $100 milioni a settimana.

I documenti delle proprietà mostrano che molte delle case che Blackstone ha acquisito in Fulton County negli ultimi mesi, sono state acquistate o nelle aule dei tribunali alla chiusura mensile dell’asta, o attraverso vendite allo scoperto – quando un creditore si impegna ad accettare meno dell’importo dovuto su un prestito. La maggior parte di queste case non è vuota, ma occupata da proprietari che sono falliti durante la Grande Recessione…

Sono finiti i giorni in cui si poteva chimare il padrone di casa e dirgli che l’affitto sarebbe stato pagato il sette e non il primo del mese. Mentre sempre più americani vivono stipendio per stipendio, e il salario continuerà a diminuire o a rimanere stagnante, pagare l’affitto con qualche giorno di ritardo potrebbe portare ad un rating di credito negativo, cosa che influirà sulla capacità di proteggere le proprie risorse e di salire la scala della classe media.

“Stipendio per stipendio.” Questo è il modo in cui vivono i servi. In casa di qualcun altro, con il denaro di qualcun altro, spesso guidando l’auto di qualcun altro e a volte sedendosi anche sul divano di qualcun altro.
Avete un problema di salute? Oh, sì – il check-in è nel sistema sanitario di qualcun altro.
Volete andare al ristorante? Mettete il conto sulla carta di credito; lasciate che paghi qualcun altro.
servi non necessariamente vivono nella povertà; vivono male perché non controllano le risorse di cui hanno bisogno per vivere bene. Sono dipendenti, non indipendenti.
Vediamo una pubblicità su una nuova Smart. “Solo $199 al mese.”
La gente non possiede più le auto, le affitta… o nemmeno questo. Un sacco di giovani usa Zipcar – un servizio di car-sharing con il quale si “affitta” un’auto attraverso il proprio iPhone. Non ci si reca da un’agenzia di noleggio o si prende contatto con un agente di noleggio. Si riceve un codice dall’iPhone e lo si utilizza per sbloccare la macchina. Facilissimo.
Alcuni giovani non posseggono nulla. Dicono che sia “liberatorio.” Ma questa è un’altra cosa. Non possedere qualcosa può essere una strategia finanziaria intelligente. Ma non possedere una casa perché è stata pignorata… e non possedere una macchina perché non la si può pagare… non è molto intelligente.

Subentrano gli Uomini in Giacca e Cravatta

Volete una strategia finanziaria intelligente?
Guardate la Blackstone. Una delle case che ha comprato – molto probabilmente una come tante altre – è stata acquistata per $90,000 con un mutuo da $200,000. Gli ex-proprietari ancora ci vivono dentro. Invece di un mutuo, ora stanno pagando l’affitto. Sono servi.
Fate i calcoli. Se hanno comprato la casa nel 2005, probabilmente avevano un mutuo al 6%. Sei per cento di $200,000 è $12,000. Aggiungete altri, diciamo, $3,000 in ammortamenti e oneri… e probabilmente pagavano mensilmente circa $1,250.
Ora subentrano gli uomini in giacca e cravatta. Grazie alla connivenza con altri loro colleghi presso la FED, sono in grado di prendere in prestito denaro a 30 anni a circa il 3.5%. Aggiungete altri $10,000 al prezzo di acquisto (chiusura, tasse, manutenzione) per facilitare i calcoli.
Questo dà loro un costo di capitale mensile al di sotto dei $300 al mese. E poiché questi tipi hanno un cuore grande, così come i loro portafogli, riducono il pagamento mensile del locatario a soli $1,000.
Tutti vincono. Gli ex-proprietari non devono muoversi e risparmiano soldi ogni mese. E Blackstone – che può aver sborsato solo $10,000 di tasca propria in questa operazione – guadagna (siete pronti?) fino a $6,000, al netto, ogni anno. Circa il 60% del tasso di rendimento sul suo denaro.
Ma aspettate, perché c’è di meglio: Blackstone non sta contando su un mercato al rialzo nelle abitazioni. No, i geni alla Blackstone hanno fatto una grande scommessa sui tassi di interesse.
Senza alcun costo aggiuntivo, hanno ottenuto una “opzione put” sul mercato obbligazionario. Proprio così: vanno short sul mercato obbligazionario in modo sostanziale. Quando i prezzi delle obbligazioni infine scenderanno (forse questo processo è già iniziato), Blackstone otterrà un altro grande jackpot.
E questo compenso è praticamente garantito. Gli amici della Blackstone persso la FED si sono assicurati che accadesse.

*Link all’originale: http://johnnycloaca.blogspot.it/2013/02/la-societa-servile.html

traduzione di Francesco Simoncelli

 

 

Post suggeriti
Commenti
  • massimoconleballepiene
    Rispondi

    perchè leggendo queste cose mi viene il magone?

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca