In Libertarismo

democraziaDI ALAN PETER FORTEBRACCIO

La democrazia è un dispositivo indispensabile ai regimi parassitari per far si che i loro crimini estorsivi non abbiamo né un colpevole né un mandante, i sistemi socialdemocratici rappresentano la forma più sofisticata di organizzazione criminale, nei regimi a basso tasso di criminalità politica tali governi possono protrarsi per centinaia di anni prima di essere erosi e dissolti dalle economie a libero mercato, i regimi ad alto tasso di criminalità politica difficilmente superano i quattro o cinque decenni , come una tenia assorbono l’intera ricchezza distruggendo i tessuti produttivi lasciandosi dietro povertà e scompiglio.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Riconoscerai un regime ad alto tasso di criminalità politica dai suoi provvedimenti fiscali, tutti atti ad impoverire la classe produttiva e privilegiare quella parassitaria, la criminalizzazione del dissenso sarà il vulnus incolmabile delle vittime che avranno come una alternativa la rivolta non pacifica o la fuga.

Recommended Posts
Showing 6 comments
  • Gedeone
    Rispondi

    Secondo me:
    1) in Italia non c’è democrazia, la mia volontà non ha strumenti per incidere sulle scelte politiche amministrative.
    2) nell’Unione europea non c’è democrazia ma “euro-crazia”
    3) Qual’è l’alternativa migliore secondo voi? La fuga? verso dove? … Marte?

    • fabio
      Rispondi

      purtroppo è vero che le alternative sono davvero scarse. Solo potremmo almeno insegnare qualcosa ai nostri figli… se la scuola pubblica non te li rivolta prima contro.

  • Liberty Defined
    Rispondi

    youtube.com/watch?v=IkTdOYxfRjY – Uno stato grande abbastanza da darti tutto ciò di cui hai bisogno è anche abbastanza potente da toglierti tutto che hai..

  • Sigismondo di Treviri
    Rispondi

    Ci sono democrazie più o meno funzionanti e democrazie assolutamente non funzionanti. In Europa siamo nella seconda situazione. In Italia, ancora peggio. Varrebbe però la pena di chiedersi: come mai ad un certo punto, nella storia europea, improvvisamente le monarchie sono sparite per lasciare il posto a tirannie mascherate da democrazie? Chi ha voluto tutto questo? Democrazia significa governo del popolo. Se il popolo non comanda, chi è che comanda allora? Non voglio fare il cospirazionista a buon mercato, ma ormai mi sembra chiaro che qualcuno in Europa persegue uno scopo ben preciso: quello di annullare completamente la libertà individuale e rendere il cittadino un utile asino indottrinato dal sistema per il sistema. Basta leggere le prime pagine del libro ‘Democrazia, il Dio che ha fallito’ di Hans-Hermann Hoppe per rendersi conto di quanto il crollo delle monarchie centro europee abbia influito negativamente sul benessere dei popoli europei e sul livello culturale del vecchio continente per capire che forse dietro tutto quello a cui stiamo assistendo c’è un piano ben preciso.

    • fabio
      Rispondi

      la mia opinione? le forza armate hanno preso in ostaggio la società impossessandosi in pratica di ogni ricchezza lasciandotene solo l’illusione della proprietà nominale, in modo che te ne continuassi a curare inconsapevolmente per loro conto.
      Calotte che collaborano tra loro per controllare tutto e tutti.

  • gastone
    Rispondi

    la democrazia è una dittatura, nella migliore delle ipotesi, della maggioranza sulla minoranza, dove questa fosse esercitata in modo diretto, nella peggiore è una dittatura perpetrata a turno da tutte le minoranze in grado di acquistarne il controllo tramite il voto segreto, delegando i mandatari a compiere ogni sorta di abuso, senza che questi ultimi debbano renderne conto ai mandanti perchè sconosciuti.
    il voto segreto di fatto autorizza una banda di criminali patentati a compiere i delitti peggiori in nome e per conto di perfetti sconosciuti cui essi non dovranno mai rendere conto in quanto non conoscono nemmeno uno di loro.
    i mandanti dal loro canto possono esercitare l’arbitrio di poter essere autorizzati ad utilizzare le ricchezze altrui senza titolo, in nome e conto della collettività e per il bene comune, in quanto protetti dal segreto dell’urna che li mette al riparo da ogni azione contro di loro permettendogli di dare fondo ai capricci e ai desideri più immorali.

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search