In Anti & Politica

MAFIADI REDAZIONE

Riporta l’agenzia TMNews: L’ipotesi che per via D’Amelio, quel pomeriggio del 19 luglio 1992 quando fu ucciso il giudice Paolo Borsellino, non sia passata solo la mafia, ma anche i servizi segreti, è un fatto che oggi trova riscontro nelle parole di Totò Riina.

Il capomafia corleonese, lo scorso 31 maggio, conversando con le guardie penitenziarie che lo sorvegliavano nel carcere di Opera, ha parlato proprio di quell’eccidio, spiegando come Giovanni Brusca, il pentito che per primo fece riferimento al “papello” con cui Riina dettava allo Stato le condizioni della “trattativa”, “non ha fatto tutto da solo. C’è la mano dei servizi segreti – ha detto Riina, le cui parole sono state riportate dalle guardie in una relazione di servizio depositata oggi al processo in corso davanti alla Corte d’Assise di Palermo -. La stessa cosa vale anche per l’agenda rossa. Perché non vanno da quello che aveva in mano la borsa, e si fanno consegnare l’agenda. In via D’Amelio c’erano i servizi che si trovavano a Castello Utveggio”.

Gli agenti penitenziari del Gom (Gruppo Operativo Mobile) che hanno raccolto lo “sfogo” del padrino, sono stati interrogati una settimana dopo quelle rivelazioni, e ai magistrati hanno riferito come il boss abbia aggiunto che “la vera mafia sono i magistrati, e i politici che si sono coperti tra di loro”. Per Riina, che ha riferito di stare bene fisicamente e mentalmente, “la mafia, quando inizia una cosa la porta a termine”.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Rina, che nel colloquio con gli agenti si è autodefinito “andreottiano da sempre”, ha anche confermato che vent’anni fa mafia e Stato si sedettero attorno allo stesso tavolo per dar vita alla cosiddetta “trattativa”, per porre fine alla stagione delle stragi, e ha riferito poi che la sua cattura fu dovuta a Bernardo Provenzano, suo alter ego all’interno di Cosa nostra, e a Vito Ciancimino, l’ex sindaco mafioso di Palermo.

Come ha scritto Robert Higgs: “Qual è la differenza tra uno Stato(*) e una banda di criminali, oppure la differenza tra quello e un’organizzazione che impone, con la violenza, le minacce e il ricatto, la propria protezione, come ad esempio fa la mafia? È semplice, e tale differenza possiamo sintetizzarla in una parola: “legittimità”…”.

Post suggeriti
Mostrati 3 commenti
  • gastone
    Rispondi

    ..e lo strumento utilizzato, è stato la sostituzione dell’antico corpo giuridico naturale di stampo negativo con l’imposizione di un legislazione positiva di tipo ordinativo, che ha deragliato poco alla volta il tradizionale diritto privato di tipo commerciale nei binari del diritto pubblico di stampo militare/amministrativo, relegandolo nella opinione comune ad un relitto inutile e incivile punto

  • matteo barto
    Rispondi

    naturalmente i giornali oggi titolavano solo
    riina: andreotti era un galantuomo
    e tanti saluti al resto… che schifo

    grazie ancora leo

  • Bryant Carr
    Rispondi

    Tuttavia Brusca non è più il solo a chiamare in causa il politico perché le sue dichiarazioni fanno il paio con quelle di Massimo Ciancimino, testimone e attore diretto di quelle fasi di dialogo. Secondo il figlio del vecchio don Vito, suo padre non avrebbe mai accettato di trattare solo con De Donno e nemmeno con Mori, che sapeva godere di pochissimo credito all’interno della magistratura. Per questo pretese, anche attraverso i suoi canali nei servizi segreti, che fossero informati referenti istituzionali e fece il nome di Mancino prima e di Violante poi. Sarà un caso, ma anche Brusca sottolinea che nemmeno Riina avrebbe acconsentito a qualsiasi tipo di colloquio se non avesse avuto rassicurazioni di altro livello.

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca