In Economia

DI MATTEO CORSINI

“Non sono solo gli investitori e gli economisti eterodossi a credere che il credito sia il carburante che alimenta il ciclo economico… Sembra che gli unici a non avere l’istinto di credere alla crescita alimentata dal credito siano gli economisti accademici”. (N. Smith)

Da quando leggo i pezzi di Noah Smith su Bloomberg ho l’impressione di aver trovato una nuova fonte inesauribile di ispirazione per le mie “Scorie”stampante_denaro. Smith punta spesso il dito contro coloro che usano toni poco civili nello scrivere, soprattutto quando scrivono su propri blog, ma lui stesso non esita a trattare chi dissente dalle sue opinioni come se fosse un deficiente, peraltro parlando da un pulpito non sempre adeguatamente informato sulle argomentazioni di coloro che intende criticare.

Questo è successo, per esempio, in un suo recente pezzo in cui mette in dubbio il legame tra espansione del credito e ciclo economico, quanto meno in termini di relazioni causali. Leggendo Smith si ha l’impressione che una parte delle argomentazioni che intende criticare – quelle degli economisti della scuola austriaca – non le abbia mai lette dalle fonti dirette, ma ne parli in base a sommarie informazioni raccolte, magari, da altri economisti-blogger critici nei confronti degli austriaci.

Certamente leggere migliaia di pagine è più faticoso di spulciare un pezzo che si legge in 5 minuti su un blog, ma se si vuole poi disquisire sulle argomentazioni che sono contenute in quelle migliaia di pagine si rischia di prendere fischi per fiaschi.

Innanzi tutto sarebbe bene tenere presente cosa intendono gli economisti di scuola austriaca per relazione causale tra espansione del credito e ciclo boom-bust. Smith parla indifferentemente di boom-bust e di crescita economica, ma un boom è solo all’apparenza crescita economica o, se si preferisce, è crescita drogata e non sostenibile (altrimenti non ci sarebbe successivamente il bust).

Ma il peggio viene quando Smith indica per quali motivi gli “accademici” fanno bene a dubitare degli effetti dell’espansione creditizia.

“Gli accademici hanno buone ragioni per essere scettici… Se indebitarsi consente al debitore di aumentare i propri consumi, perché ciò non obbliga il creditore a ridurre i propri consumi?”

Pare che Smith non abbia idea di come funzionano i sistemi monetari a riserva frazionaria. In un sistema in cui il denaro non fosse creato dal nulla (ossia in cui sulla stessa somma di denaro non avessero diritto di utilizzo due o più soggetti contemporaneamente), il creditore in effetti dovrebbe rinunciare a consumare una parte delle proprie disponibilità per un certo periodo di tempo. Ma le somme depositate a vista non corrispondono a risparmio, perché il depositante può utilizzarle in qualsiasi momento per finanziare consumi o investimenti. Quindi se quelle stesse somme sono messe dalla banca a disposizione di un soggetto che chiede un prestito, l’utilizzo da parte di quest’ultimo (per consumi o investimenti) non è dovuto alla rinuncia da parte del depositante a usare quella stessa somma immediatamente. In altre parole, il depositante non è tenuto a contrarre i propri consumi per consentire al debitore di aumentare la propria spesa.

Se non si tiene in considerazione come funziona un sistema a riserva frazionaria non si può capire il perché un’espansione creditizia provochi un ciclo boom-bust.

Smith arriva perfino a ipotizzare che le cose funzionino al contrario.

“C’è un’idea alternativa: può darsi che il credito sia una conseguenza, non una causa del ciclo boom-bust… Non sto dicendo che ciò sia corretto. Può darsi che il credito veramente guidi la crescita… Ma nessuno finora ha fornito una spiegazione convincente e verificabile di come ciò accada.”

Certamente nessuno che lui abbia voluto fare lo sforzo di leggere prima di affrontare la questione.

Recent Posts
Showing 16 comments
  • GIG
    Rispondi

    l’ho già scritto in un altro post:
    “sono sul libro paga della fed” e tutti concorrono a far funzionare il ‘Con Game’ mondiale basato proprio sulla riserva frazionaria della quale NESSUNO PARLA.
    Nessun articolo di nessun giornalista,economista,articolista,opinionista…….
    tutti ‘complici’ o shills del Truffone mondiale.

    • jimmy
      Rispondi

      Ed a proposito del concetto “NESSUNO PARLA” giustamente citato da GIG, mi sembra di aver letto da qualche parte che il parlamento britannico (su sollecitazione della BoE), avrebbe decretato per legge di qualche mese fa la separazione fra banche “ordinarie” (mutui-prestiti-depositi-servizi e poco altro) e banche “d’investimento” (quelle che giocano alla roulette russa con il denaro degli altri).

      Se fosse vero sarebbe almeno un primo importante passo contro lo svilimento del denaro e l’azzardo morale dei banchieri.

      Ma se fosse vero, perche NESSUNO PARLA?

      Me lo sono sognato io?

      Se qualcuno ne sa qualcosa, magari ne PARLIAMO NOI?

      • GIG
        Rispondi

        se hai qualche link a qualche notizia postalo, grazie.
        Potrebbe essere interessante ma io son scettico.
        Penso comunque che qualsiasi riforma non produca mai nulla di buono per le persone.
        Copio una grande citazione e non me ne voglia l’autore:
        ‘con l’attuale sistema imperniato sulla banca centrale, ogni proposta liberista mira alla libera volpe in libero pollaio.’
        LORO sono le volpi e noi siamo i polli.

  • hilda
    Rispondi

    Ma Sig. Corsini una domanda: L’euro come sistema monetario funziona bene?

    • GIG
      Rispondi

      non è l’euro o il dollaro o la sterlina.
      è il sistema stesso.
      qualcuno stampa denaro dal nulla e tutti gli altri NO.
      svalutando la proprieta’ di tutti gli altri.
      ‘qualcuno’ ha privilegi che tutti altri NOI non abbiamo.
      come ho scritto sopra,le ‘VOLPI’ e gli amici delle volpi hanno privilegi,noi NO.
      noi pagamiamo il conto di tutto.

      • hilda
        Rispondi

        aridaje….ancora con “stampare moneta”?!

        Il problema dell’euro non è stampare o meno moneta…è il cambio sopravvalutato…

        La moneta DEVE (sempre secondo i libri di economia eh) riflettere la “forza” del paese che l’adotta…oppure si usano i “trasferimenti”…

        Altrimenti NON funziona.
        Non centra nulla essere liberali..keynes ecc…

        • GIG
          Rispondi

          i libri scritti dalle volpi

          • hilda

            bhe…dopo questa…

            Allora senta “GIG” facciamo una riforma dell’economia ok? Cambiamo tutti i libri di testo. Li scriva lei però…

        • Pedante
          Rispondi

          La moneta non è esente alle legge della domanda e dell’offerta.
          https://www.youtube.com/watch?v=1fKuamzk0sE

          • Pedante

            “Datemi la possibilità di emettere la moneta di un Paese,
            e non m’importerà chi farà le sue leggi”

            Aforisma (da uno che di soldi se ne intendeva) da includere in ogni libro di testo di economia.

            D’accordo sull’euro. Socializzare le nazioni è brutto quanto socializzare gli individui.

          • GIG

            esattissimo.
            la moneta o denaro e’ la ‘merce piu’ commerciabile’.

  • fabrizioc
    Rispondi

    Fortunatamente qui in Svizzera vogliono fare un referendum per collegare la quantità di denaro all’oro…e fan….a keynes

  • GIG
    Rispondi

    @ hilda ‘Li scriva lei però’
    ci sono già:
    puo’ cominciare con questo:http://shop.usemlab.com/it/libri/5-cosa-e-il-denaro.html
    poi le cosiglio questo:http://shop.usemlab.com/it/novita/14-a-scuola-di-economia-9788890389290.html
    e per ultimo questo: http://shop.usemlab.com/it/22-il-mistero-dell-attivita-bancaria-9788890389276.html
    in fila,così capirà come gli stampatori di denaro rubano il frutto del suo lavoro senza che lei se ne accorga.
    Saluti

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search