In Esteri

snddi PER L. BYLUND*

A differenza della mitologia contemporanea, il mercato non è un fenomeno distinto: è ciò che esiste quando le persone interagiscono con le altre attraverso transazioni volontarie.

L’ampia definizione di mercato è semplicemente ciò che le persone scelgono di fare quando non sono costrette a fare diversamente. Quindi non è sorprendente che anche l’Unione Sovietica, “nonostante” la sua retorica anti-mercato, fondamentalmente si basasse sui mercati: mercati esteri per i prezzi (per poter guidare il calcolo economico dei pianificatori) e il mercato nero nazionale (per l’allocazione delle risorse e la distribuzione delle merci in base alle reali esigenze e preferenze della gente)….

CONTINUA A LEGGERE QUI

Post suggeriti

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca