In Economia

jdi RONALD-PETER STÖFERLE*

In un’economia dinamica, un’azione non innesca un solo effetto ma sempre tutta una serie di conseguenze diverse. Mentre la causa del primo effetto è facilmente riconoscibile, gli altri effetti spesso si verificano solo in seguito senza riconoscimento.

Frédéric Bastiat ha descritto questo fenomeno nel 1850 nel suo pionieristico saggio Ciò che si vede e ciò che non si vede:

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

«Nella sfera economica, un atto, un’abitudine, un’istituzione, una legge non generano solo un effetto, ma una serie d’effetti. Di questi effetti, solo il primo è immediato; esso si manifesta simultaneamente con la sua causa: si vede. Gli altri non si sviluppano che successivamente: non si vedono; va bene se li si può prevedere. C’è solo una differenza tra un cattivo economista e uno buono: il cattivo economista si limita all’effetto visibile, mentre il buon economista tiene conto dell’effetto che si vede e di quelli che occorre prevedere. Ma questa differenza è enorme, perché quasi sempre accade che, se la conseguenza immediata è favorevole, le conseguenze ulteriori sono funeste, o viceversa. Ne consegue che il cattivo economista persegue un piccolo bene che sarà seguito da un grande male, mentre il buon economista persegue un gran bene a venire, con il rischio di un piccolo male presente».

CONTINUA A LEGGERE QUI

Post suggeriti

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca