In Anti & Politica, Economia

DI MARCO LIBERTA’

Chi muove critiche all’Anarco-capitalismo generalmente lo fa sbandierando lo spauracchio dell’oppressione.

Infatti in campo economico si pensa che ben presto delle aziende più forti in un mondo An-cap potrebbero, essendo prive di “regole”, fagocitare o distruggere la concorrenza portando ad un monopolio.
Ciò porterebbe all’ovvio controllo dei prezzi e dell’offerta di quei beni.

In campo sociale invece si ritiene che la ricchezza ben presto finirebbe nelle mani di pochissimi che, ottenendo il monopolio della violenza, riuscirebbero a controllare tutti gli altri schiavizzandoli.

Cominciamo col dire che il monopolio è quasi inesistente come concetto nel libero mercato, infatti ci sarà sempre una nicchia, una nuova azienda, una nuova tecnologia o una nuova idea capace di detronizzare un eventuale monopolista mischiando tutte le carte in tavola. Perchè? Perchè nel libero mercato il potere non lo hanno le aziende, ma i consumatori.
L’atto di comprare un prodotto o un servizio invece che un altro, nel libero mercato, equivale al voto… ma al contrario del voto funziona veramente.

Nel campo sociale avviene la stessa cosa, ovvero l’infinità di opportunità generata dal totale libero mercato genera un numero enorme di operatori del mercato stesso.

Chiunque tenti di utilizzare la sua ricchezza e la forza per sottomettere gli altri, dovrà confrontarsi sia con tutti quelli aventi una ricchezza simile ma di opposti valori che con tutti quelli che dovrebbero esser loro sottomessi, i quali potrebbero riunirsi ed armarsi per impedirlo.
Ed è l’essenza del II Emendamento.
Non importa la grandezza delle forze in campo, è e sarà sempre una battaglia aperta in favore della Libertà.

Il punto più importante di tutto il discorso è un altro, aprite gli occhi!

L’Anarco-capitalismo viene criticato perchè secondo gli statalisti porterebbe ad un monopolio economico e ad un totale controllo sociale da parte di qualche entità senza scrupoli… si è tanto convinti di ciò che non ci si rende conto che questa è già la realtà in cui viviamo.

Nella storia umana solo un’entità senza eccezione nasce e cresce grazie al furto di ricchezza e alla sottomissione degli individui tramite il monopolio della forza: lo stato.

Non importano i buoni propositi di vari padri fondatori della storia che hanno pensato di vincolarne le dimensioni ed i poteri nella speranza di trovare il giusto equilibrio, come un virus si è sempre moltiplicato diventando esponenzialmente più aggressivo.

I vostri peggiori incubi li state già vivendo.

Articoli recenti

Lascia un commento

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca