Article written by

27 Responses

  1. massimoconleballepiene
    massimoconleballepiene 7 luglio 2013 at 09:06 | | Reply

    scusa Leonardo, ma la qualità della foto della fattura è pessima, non si riesce a leggere cosa c’è scritto

    1. Renzo Riva
      Renzo Riva 7 luglio 2013 at 11:04 | | Reply

      http://www.movimentolibertario.com/wp-content/uploads/2013/07/Fattura-Consorzio-agrario_Pagina_3.jpg
      .
      Poi ad immagine affacciata premi Ctrl + a piacere e vedrai molto bene l’immagine ingrandita.
      .
      Oppure puoi ingrandire tutto con Ctrl + direttamente sulla pagina affacciata
      http://www.movimentolibertario.com/2013/07/esclusivo-la-coldiretti-vende-manigime-ogm-ecco-la-prova/
      .

  2. igor
    igor 7 luglio 2013 at 09:18 | | Reply

    LEONARDO FACCO se l’Italia è un paese di merda perche non te ne vai?Troppi interessi?

    1. Nicola
      Nicola 7 luglio 2013 at 11:18 | | Reply

      Penso che sul giudizio di leonardo concordino in moltissimi. L’italia è veramente messa male (assai peggio di quanto venga mostrato nei tele/giornali) e tutti i nodi stanno venendo al pettine, come si dice.
      Certamente non saranno quattro leggine del cavolo a cambiare una situazione incancrenita da decenni.

      E perché uno dovrebbe andarsene, sig. Igor?
      Semmai Leonardo se ne andrà, lei rimarrà in italia a mangiarsi gli OGM comunque, e senza saperlo ;))))
      Per lo meno ringrazi Leonardo che le fa sapere quanto i lord delle superburocrazie italiche la stanno pigliando per il culo.

    2. firmato winston diaz
      firmato winston diaz 8 luglio 2013 at 03:38 | | Reply

      Igor, consiglia anche a noi cosa dovremmo fare fare per trovarcisi bene. En passant, tu cosa fai?

  3. FrancescoPD
    FrancescoPD 7 luglio 2013 at 09:37 | | Reply

    Borsa merci di Verona, ultimo listino del lunedì, scegliere SEMI OLEOSI
    Non esiste un kg (1 kg) di soia nazionale, è soia OGM al 100%
    Nel raggio di 100 km, ci sono i 2 più grandi mangimifici italiani.

    http://gestione.regolaonline.net/default.asp?idtema=24&page=informazioni&action=vr_bm

    Prodotti del lunedì
    Valuta 24/06/2013 01/07/2013 Variazione
    min max min max
    SEMI OLEOSI (prezzo base per Tonnellata)
    Semi di soia esteri geneticamente modificati Euro 482,00 485,00 482,00 485,00 0,00
    Semi di soia integrali tostati base 13% di um. gen. modificati Euro 523,00 525,00 523,00 525,00 0,00
    Semi di cotone estero (franco arrivo) Euro 361,00 383,00 361,00 383,00 0,00

  4. claudio
    claudio 7 luglio 2013 at 09:52 | | Reply

    figuriamoci se il menzogneroveneto la pubblica ,quando i nostri sovvenzionano lautamente(con i nostri soldi naturalmente) la testata..

  5. Albert Nextein
    Albert Nextein 7 luglio 2013 at 10:23 | | Reply

    Gli altri quotidiani sono stati contattati?
    La coldiretti, se non ricordo male, era un feudo democristiano.
    Eppoi perché la coldiretti gestisce i consorzi agrari?
    Perché esistono i consorzi agrari, a che cosa servono?

    1. fabrizio
      fabrizio 7 luglio 2013 at 17:15 | | Reply

      Cooperative rosse e bianche hanno sempre fallito.Nel veneto il consorzio agrario
      di Rovigo è fallito mentre quello di Padova e Venezia è con le pezze al culo tanto che l’art.62 per loro non fà testo,infatti il grano che ho venduto è stato saldato a 120 GG anziché a 60 GG.
      È più di venti anni che lavoro nel settore zootecnico e tutte le ditte mangimistiche che ho provato hanno sempre usato soia OGM in minima parte basta dichiararlo in fattura.
      Alla gente piace mangiare ma se gli vola una mosca intorno è sempre colpa dell’allevatore che gli sta vicino.
      Hai proprio ragione Facco è un paese di merda.

  6. Raoul
    Raoul 7 luglio 2013 at 16:17 | | Reply

    Bisogna fate pulizia a casa nostra e presto anche.come si scusano la Coldiretti del fvg?devono dire qualche cosa o no?itaglia di merda!r

  7. William
    William 7 luglio 2013 at 17:31 | | Reply

    La coldiretti non gestisce tutti i Consorzi Agrari. Quello di Sardegna che ha solo 450 soci ma fattura 90 milioni di euro ha un presidente + consiglio recentemente eletti che non rappresentano la coldiretti per quanto quelli avevano una lista loro.
    I Consorzi Agrari sono delle cooperative Agricole originalmente create da agricoltori per dare servizi agli agricoltori poi sono diventati dei mostri politicizzati che non adempiono al loro scopo. Teoricamente se gestiti bene avrebbero permesso una riduzione di costi agli agricoltori soci aquistando le materie prime all’ingrosso rivendendo con il minimo ricarico possibile e massimizzato i ricavi facendo da centri di ammasso ma col tempo sono diventati dei leviatani fuori controllo dove politici soci creavano posti di lavoro in cambio di voti. Quello di Sardegna ora non ė competitivo rispetto ai commercianti privati ed ė infatti nei guai.

  8. PiEsse
    PiEsse 7 luglio 2013 at 22:36 | | Reply

    Per quanto qualcuno si sforzi non si possono fermare il progresso e la tecnologia, così come avviene in tutti i campi così sarà anche in agricoltura, è solo questione di tempo.

  9. Lorenzo s.
    Lorenzo s. 7 luglio 2013 at 22:51 | | Reply

    Si sa anche la provenienza di questa soia ogm?

  10. Roberto
    Roberto 8 luglio 2013 at 00:05 | | Reply

    E’ incredibile che questa fattura sia intestata “Consorzio Agrario FVG” !

    E’ incredibile perché proprio Dario Ermacora, il presidente di questo consorzio, meno di un mese fa guidava una delegazione contro gli OGM davanti alla Camera dei Deputati dietro la sigla “Liberi da OGM”.

    Fonte:
    http://www.friuliveneziagiulia.coldiretti.it/ogm-coldiretti-del-fvg-in-piazza-davanti-alla-camera-dei-deputati-.aspx?KeyPub=10037301%7CCD_FVG_HOME&Cod_Oggetto=46588257&subskintype=Detail

    1. Giorgio Fidenato
      Giorgio Fidenato 8 luglio 2013 at 07:01 | | Reply

      Ermacora e compagnia cantante sono l’emblema del l’ipocrisia!!!!

      1. Albert Nextein
        Albert Nextein 8 luglio 2013 at 14:02 | | Reply

        Non solo.
        Rappresentano la vera anima dell’italiano medio.
        Tengo famija, siam tutti uguali, volemose bene, tirammo a campà, accà nisciuno è fesso.

  11. William
    William 8 luglio 2013 at 07:47 | | Reply

    Signori onestamente questa è la scoperta dell’acqua calda già in questo sito è stato asserito che al 2012 il 93% della soia prodotta al mondo proveniva da semi OGM quindi mi pare palese che quello venduto nei mangimifici italiani debba perlopiù esserlo (visto che di soia in Italia ne produciamo ben poca). La soia non OGM prodotta è di solito biologica coltivata di proposito per le filiere biologiche e i germogli.

    Io ci metterei la firma a poter coltivare del Mais Dolce BT + Roundup Ready ma purtroppo la Syngenta non sta registrando le sue varietà in Europa (ho controllato con il rappresentante Syngenta che mi segue.

    Comunque l’Italia rimane di merda e la ConfAgricoltura, Coldiretti e Cia vanno abolite nella loro attuale forma

  12. claudio
    claudio 8 luglio 2013 at 16:30 | | Reply

    Comunque la fattura in questione non prova altro che chi parla di OGM come di km 0 parla a vanvera o peggio mente sapendo di mentire..Ermacora docet

  13. Stefano Nobile
    Stefano Nobile 8 luglio 2013 at 16:54 | | Reply

    sono anni che ci nutrono con roba piena di OGM.
    Devo dire che, purtroppo, non sempre chi mangia certe cose se la cava bene.
    Ad esempio una signora di 94 anni, che conosco per essere ingorda di polenta, settimana scorsa è caduta dal marciapiedi e si è fatta male.
    Ecco provata la pericolosità degli OGM !

    OK ragazzi, sappiamo perfettamente con che razza di gente abbiamo a che fare: finché ce n’è per loro venderebbero la madre. Quella vacca.

  14. Thelma Cameron
    Thelma Cameron 9 luglio 2013 at 06:06 | | Reply

    trovato un altro aggiornamento sugli OGM (Gli Stati uUniti hanno chiesto all’Europa di pagare una forte multa per aver bloccato immotivatamente il mercato degli OGM (adesso credo siamo arrivati al paradosso: è stato rovesciato il postulato scientifico alla base della commercializzazione delle sostanze, chimiche, o meno, che entrano nella catena alimentare, non bisogna più provare se un prodotto è dannoso alla salute prima di metterlo in commercio, ma provare che non lo sia!!! Ad ogni modo pare che della questione se ne stia occupando il WTO). Il link in questione è: http://www.agriwww.it/Notizie/notizia.asp?ID_notizia=2277 . ciao Luca p.s. In generale ho pensato che possa essere utile inserire qui tutti i contributi più interessanti sull’argomento per evitare di discutere sempre delle stesse cose; spero di fare cosa utile.

  15. Michael W. Cote
    Michael W. Cote 10 luglio 2013 at 21:45 | | Reply

    Strano che in quel giornale nessuno ricordi che le ideologie ossessivo-compulsive dello scorso millennio non hanno avuto fortuna e ci sono costate parecchio. Non c’è bisogno di essere dei maestri di giornalismo per uscire sconfortati dalla lettura della nuova performance del maschio alfa degli ogm-repubblichini. L’attacco dove si annuncia che non è la solita polemica OGM, si OGM no lascia stupiti per il solo fatto di aver scritto l’eresia dell’OGM si, come se potessero davvero esistere gli asini che volano. Si passa quindi ai 5 dogmi (chissà se è già prevista la scomunica in caso di dubbi su anche uno solo di questi punti e se si prevede la radiazione grillina per chi non si allinea democraticamente). Uso la parola dogma perchè contiene OGM.

  16. Luciano Fitzgerald
    Luciano Fitzgerald 12 luglio 2013 at 05:07 | | Reply

    Solo pochi giorni fa dodicimila scienziati hanno detto la loro opinione sugli OGM ( http://www.fisv.org/images/pdf/comstampaogm_senato.pdf ), ma ancora una volta hanno usato il cervello invece di sentire cosa ne pensa il Quore.

  17. Rosa
    Rosa 13 luglio 2013 at 16:53 | | Reply

    Ammesso e concesso che se è vero ciò che affermi sulle alimentazioni animali e umane derivanti da OGM che ci sono in Italia da tempo, allora questa si chiama FRODE
    deve essere perseguita dalla legge.
    Di questo non sono certa ma non c’è l’obbligo di indicarlo sui prodotti alimentari ?
    Fermo restando che le coltivazioni hanno un impatto ambientale di impollinazione Assai più devastante di questo che può nuocere alla biodiversità
    In Italia sarebbe demenziale fare concorrenza agli agricoltori di regioni come quelle statunitensi. La nostra ricchezza deve derivare dalla indiscutibile qualità ed eccellenza dei prodotti esclusivi che possediamo
    Seminare OGM e da scriteriati solo se esistesse anche la più remota possibilità di inquinare le nostre eccellenze alimentari , specie in un tempo in cui gia abbiamo l’industria al tappeto

  18. Federico
    Federico 17 luglio 2013 at 13:12 | | Reply

    A rispondere a giorgio fidenato in maniera corretta ci ha già pensato in maniera egregia Igor7 in calce al suo articolo, dicendogli: se l’Italia è un paese di merda perché non te ne vai? Troppi interessi?

    Cosa spinge giorgio fidenato a promuovere con tutte le forze il suo fantomatico movimento liberatorio??

    Ma poi, liberatorio da cosa, da chi?? Chi è questo giorgio fidenato che tanto ha a cuore la coltivazione del mais geneticamente modificato?

    Perché detesta così tanto la biodiversità, si definisce movimento liberatorio e contemporaneamente esorta la dipendenza economica dalle multinazionali che vogliono brevettare i semi creando una sorta di ricatto verso l’agricoltura fonte indispensabile per l’alimentazione umana e non? Troppi interessi? Evidentemente si!!

    Nei suoi vari articoli arriva a paragonare la biotecnologie per la cura di malattie rare con la necessità del mais geneticamente modificato, come se salvare un bambino dipenda o possa esser paragonato alla coltivazione di mais geneticamente modificato. A che pro tutto questo?

    I consorzi agrari sono cooperative i cui consigli di amministrazione sono costituiti da agricoltori, non necessariamente appartenenti all’una o all’altra associazione di categoria, semplicemente agricoltori che in forma associata (appunto i consorzi) si trovano con questo strumento ad affrontare assieme il mercato per l’acquisto di fattori della produzione e per la commercializzazione dei propri prodotti. Il problema della soia OGM è il frutto della miopia di quanti ritengono che gli OGM siano la soluzione all’alimentazione mondiale, quando proprio gli OGM si sono rivelati il più grande fallimento proprio nei paesi in via di sviluppo, i quali (come è successo in India) si sono ritrovati con l’impossibilità di riprodurre sementi e legati irrimediabilmente alle ditte sementiere. Stiamo brevettando la vita sul pianeta? Vogliamo forse che anche per tutte le altre sementi che fanno parte del patrimonio dell’umanità avvenga proprio quanto accaduto con la Soia che tanto ha a cuore di pubblicizzare il sig. giorgio fidenato? Sappiamo quali sono i rischi da contaminazione involontaria da OGM e come poter tornare indietro?

    Vogliamo che il MADE IN ITALY sia paragonabile a qualsiasi produzione mondiale proprio per effetto della fantastica opportunità di omologazione del prodotto che l’OGM ci offre??

    E poi, se in Europa, nessuno li vuole, i consumatori non li vogliono, se è vero che siamo in democrazia e fino a prova contraria la stragrande maggioranza dei consumatori non li vogliono, se ne faccia una ragione,ci son paesi esteri sicuramente più consoni al suo pensiero, ci vada!!

    Perché giorgio fidenato vuole che tutto questo accada anche per le altre sementi??

    La Legge per volontà degli italiani ha detto ancora una volta no agli OGM, se ne faccia una ragione giorgio, e se la Legge dice di no,è no!! Si vada un po’ a vedere su internet chi è giorgio Fdenato…

    http://messaggeroveneto.gelocal.it/cronaca/2011/04/05/news/ogm-sequestrati-l-aziendae-i-campi-di-giorgio-fidenato-1.48751

    Ma forse, noi tutti, ci sbagliamo giorgione… abbiam compreso male l’articolo, lui, vuole combattere anche la Soia OGM e quindi ci siamo sbagliati noi..

Please comment with your real name using good manners.

Leave a Reply

© 2013 MovimentoLibertario.com