In Anti & Politica, Economia

DI GIUSEPPE SANDRO MELA*

Tremate!

Fin dal sentiero del tuono

dall’eco viene il suono

“Diavolo, Diavolo, Diavolo.”

Tremate!

Fin dal sentiero del tuono

dall’eco viene il suono

“Diavolo, Diavolo, Diavolo.”

Fra Diavolo. Opera comica di Daniel Auber, 1830.

 

La celeberrima ballata di Fra Diavolo sintetizza in lirica un concetto terribilmente banale: dopo il bagliore del lampo si ode sempre il fragore del tuono. Più il lampo si abbatte vicino, maggiore lo sconquasso. Ma se vi capitasse addosso, allora sareste finiti. E ci siete oramai a poche spanne.

Tremate!

Ed a ragione.

Una settimana or fa riportammo il calo del -7.2% della produzione industriale spagnola: il quindicesimo consecutivo. E di balza in balza si diffonde adesso il suo eco: disoccupazione superiore al 26%.

Tra ottobre e dicembre  altre 363,000 persone hanno perso il posto di lavoro. Ditte chiuse. “Firmen geschlossen“: forse detto in tedesco suona più chiaro e definitivo. Non riapriranno mai più. Scordatevele.

Tremate!

Ed a ragione.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Ancora un meno quindici percento e lo stato spagnolo chiude bottega, lasciando dietro di sé il deserto.

Tremate!

Ed a ragione.

Finite pure di baloccarvi con le elezioni. Illudetevi pure che si possa formare un governo. Che se ne possa uscire a buon mercato.

Continuate pure ad illudervi che il PD non sia quell’associazione a delinquere che ha gestito per anni, e continua a gestore tuttora, il Monte dei Paschi di Siena. Pensate, se ce la fate, che l’Imu che avete pagato con lacrime e sangue è servita solo a turare per qualche mese la bancarotta della banca del PD.

Ma che volete farci credere: che Monte dei Paschi di Siena sia la banca di Beppe Grillo oppure dell’odiatissimo Berlusca? Oppure che sia dello stato perchè è fallita e ci sono da pagare i conti?

Illudetevi pure che i PDessini bolognesi si alleeranno con l’uomo delle Banche, e che questi due Bibì e Bibò siamo esattamente quelli che vi salveranno proprio dalla voracità delle Banche che rappresentano, che li hanno messi lì a bella posta.

Ma in Italia basta ancora un meno venti percento nella filiera produttiva e lo stato chiude bottega, lasciando dietro di sé il deserto: totalmente illiquido.

Tremate!

Ed a ragione.

Ma che vi credevate? Non ve la siete ancora intagliata che la Grande Depressione se ne sarebbe fatta un baffo a torciglione dei vostri “diritti precostituiti“?

Senza produzione c’é solo il deserto.

 Pensionati? Non c’é rimasto nemmeno un centesimo per pagarvi le pensioni.

  Dipendenti delle P.A.? Non c’é rimasto nemmeno un centesimo per pagarvi gli stipendi.

Ci saranno pianto e stridor di denti.

*Link all’originale: http://www.rischiocalcolato.it/2013/01/dopo-il-lampo-si-ode-il-tuono-tremate-disoccupazione-spagnola-sopra-il-26-presto-in-italia.html

 

Recommended Posts
Showing 4 comments
  • iano
    Rispondi

    Complimenti abbiamo scoperto l”acqua calda !! E” dal 2008 che assistiamo ad una recessione perpetua,aumento della disoccupazione,chiusura giornaliera di aziende e industrie,nonchè piccola e media impresa.Ormai soldi ne girano molto poco,con relativo calo dei consumi.Il fallimento dell”Italia c”è già da un pò,e per questo che lo Stato stà raschiando il barile prendendo tutto quello che può !! Stanno impiccando la gente per i piedi,a testa in giù,sperando che dalle loro tasche possa uscire ancora qualche moneta…Questa moneta unica,è un fallimento,lo testimoniano tutti i risultati negativi,a dieci anni dall,Euro,e più passano gli anni,e più si peggiora,raggiunendo una povertà da terzo mondo…..

    • Giovanni
      Rispondi

      Mi spiega per favore perche’ e’ tutta colpa della moneta unica?

  • pippo pg
    Rispondi

    vendere tutti i beni dello stato,dare il ricavato ai cittadini,non pagare il debito pubblico

  • Rispondi

    La disoccupazione in Italia probabilmente già supera il 26% se si tiene conto di cassaintegrati + coloro che hanno abbandonato il mercato del lavoro + lavoratori a tempo determinato che lo stato conta come forza lavoro occupata ma che spesso lavorano 30-40 giorni all’anno, se sono fortunati, dove l’occupazione andrebbe contata pro rata

    Cacciamo i parassiti

    Forza Evasori!!! Stato Ladro!! (e bugiardo)

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search