In Anti & Politica, Economia

DI GIOVANNI GABRIELE VECCHIO*

Gia’ squillano le trombe dell’ “attacco speculativo” al Monte dei Paschi di Siena, ennessima vittima degli eccessi di liberismo che ammorbano questo povero Paese. E’ doveroso in questo caso ricordare la storia del Monte e capire come si e’ arrivati alla gravissima situazione attuale.

Negli anni ’90, si cerco’ di ridurre il peso delle fondazioni bancarie nei Consigli di Amministrazione delle banche obbligando le fondazioni a ridurre le loro quote nel capitale delle banche stesse. Tutte le fondazioni scesero, anche di molto, tant’e’ che oggi in molte banche le fondazioni rivestono un ruolo simili a quello di molti altri azionisti. Tutte tranne una: la Fondazione Monte dei Paschi di Siena. In questo caso la Fondazione non scese sotto il 50% +1 del capitale per non perdere il controllo storico sulla banca. Va ricordato che le fondazioni bancarie sono organi para-pubblici, i cui vertici vengono nominati dal mondo politico. Il controllo politico della Banca la porterà a fare gravissimi errori. Ma procediamo per punti.

Introduzione. Anni Novanta: la Banca opera principalmente su scala regionale in Toscana e in Umbria. Ma il suo presidente Mussari e’ un uomo ambizioso e la politica sembra molto favorevole alle fusioni tra banche. Circola infatti la bislacca idea che i problemi del sistema finanziario italiano siano dovuti alle scarse dimensioni degli operatori. Vengono incentivate le fusioni tra banche per costruire “campioni nazionali” in grado di competere con le grandi banche estere.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

1. Durante il primo decennio del nuovo millennio, il sistema bancario italiano si consolida enormemente. MPS procede con l’acquisto di numerosissimi sportelli in tutta Italia e, nel 2007, acquista a cifre folli Banca Antonveneta. Tutti gli analisti sconsigliavano l’operazione ma Mussari non era interessato a costruire una banca sana, era interessato a costruire una banca “grossa”, che potesse competere con gli altri big italiani – UniCredit e Intesa San Paolo – e dare lustro ai politici che approvarono Mussari e la sua operazione. L’acquisto scellerato viene finalizzato a cifre astronomiche, Mussari lascia MPS in trionfo e viene nominato capo dell’Associazione Bancaria Italiana. Bravo!

2. Pochi mesi dopo, scoppia la crisi finanziaria. MPS registra pesanti perdite su Banca Antonveneta ma gli amministratori successivi, nominati dal Partito Democratico senese attraverso la Fondazione, provano in tutti i modi a nasconderle tramite artifici contabili. Intanto, il management non si dimentica di chi gli ha permesso di arrivare dov’e’:  Mussari dona a PdS-DS-PD quasi 700mila euro in nove anni.

3. Nel frattempo, il PD in Comune continua con una vecchia e consolidata pratica: usare i soldi del Monte per erogare prestazioni di para-welfare nel territorio e comprarsi cosi il consenso a livello locale. Chiunque abbia vissuto a Siena avra’ notato che li quasi tutto e’ finanziato coi soldi della Banca o della Fondazione. Ristrutturazione di teatri o siti storici, eventi culturali, concerti, etc. Ad esempio, per molti anni, la Fondazione MPS ha versato 200mila euro alla fondazione Liberal di Adornato oggi con Lista Civica Monti. Insomma, appare chiaro come i soldi generati dal Monte venissero sistematicamente impiegati per gestire il consenso a livello locale. Non e’ una pratica nuova ma l’ipotesi che i soldi potessero finire non scalfisce minimamente il Sindaco Maurizio Cenni – che ha governato initerrottamente per due mandati dal 2001 al 2011 – e i membri della Giunta.

4. I soldi invece iniziano a finire. Il dividendo scende e i cash flows dalla Banca alla Fondazione crollano. Per far fronte alle sue prestazioni, la Fondazione potrebbe vendere delle azioni MPS ma decide di non farlo per non perdere il controllo della Banca. Contrae invece dei prestiti strutturati e usa quei soldi per continuare ad erogare prestazioni sul territorio.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

5. Nel 2011 scoppia l’emergenza spread: le banche straniere vendono BTP italiani. C’e’ urgentemente bisogno di compratori ma nessuno si fida. Il Monte dei Paschi interviene, come molte altre banche italiane, e si imbottisce di BTP. Vediamo qui all’opera il classico esempio di crowding out del debito pubblico sul debito privato: per finanziare le esigenze di liquidita’ dello Stato, si dirottano soldi che invece avrebbero potuto finanziare le famose Piccole e Medie Imprese, in piena crisi economica.

6. Nel 2012 la strategia di rimandare i problemi – in USA direbbero kicking the can down the road – arriva al capolinea. Emergono perdite multimilionarie sui contratti di finanziamento strutturati fatti dalla Banca e dalla Fondazione. La Fondazione e’ costretta a vendere e scende sotto la soglia del 50%+1, la Banca ha bisogno di soldi e prova a fare un’aumento di capitale. Infine, interviene il Governo Monti il quale “presta” a MPS 3.5 miliardi di euro. Intanto, anche il Comune di Siena finisce i soldi e piomba nel caos. Il sindaco Franco Ceccuzzi si dimette e il Governo Monti nomina un commissario straordinario, Enrico Laudanna, per gestire l’emergenza.

7. In questi giorni sono emerse altre perdite su contratti conclusi all’epoca dell’affare Antonveneta. Il tutto proprio mentre, a Milano, gli ispettori del Fondo Monetario Internazionale stanno conducendo un’analisi sulla solidita’ del sistema bancario italiano. Un caso? Non lo sappiamo. Sappiamo che il titolo e’ crollato in Borsa del 10% in due giorni e che Mussari si e’ finalmente dimesso dal suo incarico all’ABI.

cLICCA SULL'IMMAGINE E SCEGLI LA MAGLIETTA DEL MOVIMENTO LIBERTARIO PERFETTA PER TE

Non possiamo sapere come si evolvera’ la situazione. L’impressione e’ che il Monte dei Paschi abbia moltissimi scheletri nell’armadio e che probabilmente avra’ bisogno di un’ulteriore aumento di capitale o di un ennesimo salvataggio coi soldi dei contribuenti. Una lezione mi pare pero’ chiara. Il caso MPS racchiude in se tutti i mali storici della scarsa competitivita’ dell’economia italiana: un management incapace, amministratori pubblici corrotti, un’eccessiva capacita’ di gestione di risorse pubbliche e private da parte della politica, capacita’ che traborda ogni buon senso, e compiacenza degli organi di vigilanza (Banca D’Italia, AntiTrust e Consob in primis). La soluzione a questo porcile e’ una sola: cacciare la politica dalle banche ed iniettare una massiccia dose di competizione nel settore bancario italiano, abbattendo le barriere all’ingresso e permettendo la nascita di molti nuovi operatori, indipendenti, puliti ed efficienti. Come dice bene Luigi Zingales: “Il libero mercato e la competizione sono il disinfettante contro la corruzione”.


*Link all’originale: http://ilbocconianoliberale.wordpress.com/2013/01/23/mps-bene-comune-storia-di-una-banca-e-del-partito-che-lha-affossata/

 

Recommended Posts
Showing 13 comments
  • jeanlouis bennati
    Rispondi

    E’ una vergogna marcia.!!!!cosa dice per discolparsi questa volta……. .il mondo politico…solita scusa….nn sapevano…..nn avevano ne visto…ne sentito….ne letto…ma una cosa secondo meeeee… Si…. MANGIATO.₩₩₩ la nostra….RICCA ITALIA .buona giornata italiani

  • Maverick
    Rispondi

    Chi di politica ferisce, di politica perisce.

  • Sigismondo di Treviri
    Rispondi

    Me ne frego dei fallimenti della MPS. Quello che mi infastidisce, anzi, direi proprio mi irrita è che vengono a chiedere i soldi a me per salvarla. Sappiamo bene quale forza politica c’è dietro la MPS ed è facile immaginare che cosa succederà dopo le prossime elezioni se vinceranno quelli che la proteggono: ulteriori salassi ai cittadini italiani per coprire le magagne altrui. Il tutto, ovvimente, nel nome della solidarietà. Bravi italiani! Continuate a sostenere la lotta all’evasione fiscale e a fare da Bancomat per chi vi frega! Pecore!

  • Rispondi

    Sigismondo i soldi non te li stanno chiedendo ma espropriando. Penso che mancherà poco alla scomparsa delle ultime disponibilità liquide degli Italiani a qual punto verranno messi in vendita immobili per tentare di soddisfare i Leviatano. Poichè per vendere immobili non bastano venditori ma ci vogliano anche acquirenti, che ora non ci sono a nessun prezzo (almeno in Sardegna), lo stato dovrà prendere immobili in cambio del dovuto dai contribuenti. Il problema sta che i costi del pubblico non si possono pagare con immobili perchè dipendenti pubblici pensionati etc. hanno bisogno di liquidi per vivere, a qual punto il castello di carte crolla.

    • FrancescoPD
      Rispondi

      @william
      ….. equitalia, quella banda di estorsori usurai e mafiosi che sono, con la complicità degli ultimi governi, cosa sta facendo ormai da anni?? … non si sta già prendendo le case e le attrezzature dei poveri cani di contribuenti?…magari pure sulla bese di cartelle pazze emesse da quell’altra associazione a delinquere di stampo mafioso che è l’agenzia delle entrate?? Stanno giocando a rimpallo tra loro sulla vita delle persone oneste.
      Forza evasori, stato ladro !!

  • alexzanda
    Rispondi

    il punto è che le banche NON devono diventare abbastanza grosse da non poter fallire, al contrario bisogna imporre loro di non superare una certa dimensione, altrimenti quando poi fanno un danno esso diviene irreparabile.
    banche piccole, fallibili, amministratori delle stesse realmente responsabili, no alla politica che decide chi le governa, proprietà azionaria delle banche solo ai privati, divieto di prestare soldi al governo (anche comprando o sottoscrivendo bot) oltre un certo limite molto basso: ecco la semplice ricetta per farfunzionare bene il mercato del credito.
    possibilità che venga applicata in italia: zero!

  • alexzanda
    Rispondi

    scusate, mancava separazione di banche di risparmio da banche d’affari, con regole molto diverse

  • Rispondi

    @FrancescoPD
    Hai assolutamente ragione, e stanno svendendo ciò su cui mettono le mani. Arriveremo al punto che quel poco che prenderanno nelle aste non basterà e sarà l’inizio della fine dello Stato Ladro

  • Rispondi

    @alexzanda
    MPS non è troppo grossa per fallire, il problema è che se fallisce il PD perde un grosso bacino di voti e quindi …..
    Perquanto riguarda la regolamentazione che proponi: come liberisti è impensabile che lo stato si occupi di tutto ciò perchè tanto lo fa male, il libero mercato funziona molto meglio e comunque se i risparmi si tengono in oro le banche servono solo per le cassette di sicurezza e lavoreranno meglio le banche con le migliori dotazioni di protezione.

  • iano
    Rispondi

    E comunque la torta piace a tutti,e ognuno a preso la propria fetta…ma quando sarà finita,litigheranno per il “vassoio” !!!!

  • Giorgio Fidenato
    Rispondi

    Ma Tremonti, ad inizio crisi nel 2008 e 2009, non aveva detto che il sistema bancario italiano era più solido perché i banchieri erano più bravi, perché facevano meno operazioni azzardate rispetto ai sistemi bancari anglosassoni, che potevamo dormire tranquilli perché il sistema bancario italiano era solido e con meno titoli tossici in pancia?

    Che CIALTRONE !!! E ora è capolista della Lega Nord! Che partito di cialtroni!!!!!

    • Nico
      Rispondi

      Per un certo periodo al TG, vantavano che le banche italiane avevano passato i famosi “Stress Test”, ve lo ricordate? Che coglionata! Si sono inventati dei test a piacimento su dei modelli partoriti da menti malate per fare stare tranquilli il popolo bue. E i TG a pompare la notizia! Andate a leggervi i libri di USEMLAB, caproni di giornalisti!!!

    • sgg
      Rispondi

      A me non piace tremonti, ma lui disse che il sistema bancario era in forma ben 5 anni fa. Non oggi,
      Inoltre questi mi sa che ne hanno nascoste di cose. La banca d’italia ha fatto anche finta di non vedere…

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search